Di Letti e Castighi

Inaugura

Giovedì, 27 Maggio, 2021 - 17:30

Presso

Ospizio Giovani Artisti
via Cernaia 15, Roma

A cura di

Werther Germondari

Partecipa

Petra Brnardic, Kim Cums, Ellen De, Werther Germondari, Chen I-Wen, Toni Karat, Miss Brat Dom, Veronique Pozzi Painé, Lily Rinae, Eloise Sherrid.

Fino a

Martedì, 8 Giugno, 2021 - 20:00

Di Letti e Castighi

Comunicato

Mostra: DI LETTI E CASTIGHI (Kinkiness)

Artisti: Petra Brnardic, Kim Cums, Ellen De, Werther Germondari, Chen I-Wen, Toni Karat, Miss Brat Dom, Veronique Pozzi Painé, Lily Rinae, Eloise Sherrid.

 

Luogo: Ospizio Giovani Artisti, via Cernaia 15 - Roma

Inaugurazione:  Giovedì 27 Maggio 2021, h17.30 (fino h20)

Periodo:  27 Maggio - 8 Giugno 2021

Orario:  solo su appuntamento, scrivendo a wgermondari@mac.com - www.ospiziogiovaniartisti.com

Il termine inglese ‘kinkiness’, intraducibile in italiano, descrive una gamma di pratiche sessuali non convenzionali, e per molti è spesso anche il modo in cui si decide volontariamente di ‘interpretare’ la propria esistenza. Tale tematica, nella mostra, che si inserisce nella serie (S)exhibitions 2020/2021, è sondata esteticamente e giocosamente, ma spesso presenta anche (ma comunque sempre con il consenso delle ‘vittime’) violenza fisica e psicologica. Il tutto attraverso le opere di dieci artist* della Collezione OGA.

Attenzione: la mostra è rigorosamente vietata ai minori di 18 anni, ed è ovviamente totalmente sconsigliata a chi, seppur maggiorenne, è contrario a tali pratiche.

 

Petra Brnardic (Zagabria, Croazia, 1978) Laureata all'Accademia di Belle Arti di Zagabria nel 2004, sta lavorando a brevi film sperimentali da diversi anni e di solito usa la tecnica del collage e immagini surreali, vivide e psichedeliche ispirate all'era del cinema muto, film underground e cult per lo più dagli anni '60-primi anni '80, estetica horror e camp e altre forme d'arte. "Il mio cinema è poesia visiva, spesso brutale, macabra, allucinante e piena di polarità, come il sesso e la morte o il bene contro il male, proprio come le grotte più profonde della psiche umana e l'oceano del subconscio".

Kim Cums (Xxxx, Australia, 1990) è una regista erotica con esperienza sia davanti che dietro la macchina da presa. Ha iniziato la sua carriera come attrice nel settore nel 2013, girando scene per molte società, tra cui Porn Fidelity, Teen Fidelity, Yanks, Ersties, Girls Out West e Permission for Pleasure. Dopo aver acquisito esperienza come performer, nel 2016 ha lanciato la sua società di produzione e il suo sito Web, KimCums.com. Il suo obiettivo nel produrre porno è quello di creare contenuti che suscitano e incoraggiano gli altri a esplorare le proprie fantasie e sessuali.

Ellen De (Xxxxx, Spagna, XXXX) “Il mio lavoro è il risultato della necessità repressa di esprimere emozioni ignorate e della necessità di diffondere un diverso punto di vista critico sull'ambiente che ci circonda. La realizzazione del mio lavoro è improvvisata, impulsiva, intuitiva, primitiva e trae origine dal subconscio più profondo. L'intero lavoro è costituito da foto o frammenti video di luoghi ordinari trasformati in un'astrazione distopica ispirata da un presente e da un futuro incerti e decadenti. Quasi tutti i pezzi sono composti da strutture geometriche in metallo, semplici ma potenti”.

Werther Germondari (Rimini, 1963) Artista visivo, performer e filmmaker. Attento a dinamiche innovative sperimentali neo-concettuali che si caratterizzano per un gusto ironico e surreale, svolge dai primi anni ottanta una ricerca attraverso numerosi media espressivi. Ha partecipato a esposizioni in gallerie private e spazi sperimentali internazionali, alternando installazioni d’ambiente, videowork e atti performativi, focalizzando l’attenzione su elementi nascosti, attinenti a una visione reale, sociale e politica. Nel 2013 ha ideato l’Ospizio Giovani Artisti.

Chen I Wen (Tainan, Taiwan, 1997). Dal 2015 al 2019 ha studiato al dipartimento di animazione dell'Università nazionale delle Arti di Taipei. Il suo video in mostra è la storia dell'amore non corrisposto tra una mela e un cane... a proposito del suo lavoro ha scritto: “Ho pensato a questo film perché avevo un cane. Vorrei che tutti avessero un cane e si sentissero felici con lui”.

Toni Karat (Berlino, Germania, 1967) è una visual artist e filmmaker femminista non binaria, amante del kink/BDSM. Quello in mostra è il film di debutto di Toni Karat, un video che offre uno sguardo intimo sul sesso BDSM appassionato di due amanti. “Riguardo il porno, sia io che il personaggio Kate Kernel amiamo l'idea di essere voyeur, di guardare le persone eccitate che fanno sesso tra loro... quindi l'idea principale era girare questo mio video senza una troupe cinematografica, per creare un'atmosfera intima massima”.

Miss Brat Dom (Xxxxx, Brasile, 1992) è una regista e artista conosciuta nel panorama cinematografico brasiliano underground e in diversi paesi come Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Norvegia. Ha anche lavorato con importanti autori dell'industria cinematografica fetish statunitense. Brat Dom ha diretto oltre 75 film di diversi erotici e fetish con il suo stile ‘Freak-Funny-Sensual’. "Apri le possibilità a nuovi mondi sessuali, rompi i confini in modo positivo e fai arte allo stesso tempo" (M.B.D.).

Veronique Pozzi Painé (Giussano, 1975) Dopo il Liceo Artistico si e' diplomata con lode all’Accademia di Belle Arti di Brera (Milano), ha frequentato il S.Martin College of Art&Design (Londra) e l'Universita’ degli Studi di Milano Bicocca- Facolta’ di Psicologia, laureandosi in Discipline della Ricerca Psicologico Sociale, compiendo lunghe ricerche artistico/antropologiche in Asia. Attualmente lavora prevalentemente tra Milano e Berlino e la sua ricerca artistica si focalizza sulle contraddizioni e sulla disarmonia del contemporaneo, l’imprevedibilità, l’impermanenza e le situazioni borderline.

Lily Rinae (Taichung, Taiwan, 1986) La passione di Lily va oltre la telecamera, vuole trasportare il pubblico nel suo mondo attraverso questo mezzo. Il suo ultimo documentario, "Born Balearic" realizzato ad Ibiza, è stato nominato in 12 festival di cinema e ha vinto il premio "Best Sound feature" all’Indie Memphis, e il premio per la migliore fotografia al festival di Madrid. La sua grande passione è fare film sulla musica e... il BDSM. A causa della pandemia è tornata di nuovo Tokyo, la città in cui è crescita. I suoi video si concentrano sull’espressione fisica e la passione emotiva. 

Eloise Sherrid (Mamaroneck, New York, USA, 1993) è una filmmaker, artista multimediale ed educatrice che vive e lavora a New York. Il suo lavoro esplora l'intersezione, la meccanica e la decostruzione del potere, della politica e della narrativa. "Scene" (il suo video in mostra) è un'esplorazione sulla fiducia, l’intimità e le risate, attraverso una sessione di bondage. Invece di soddisfare lo sguardo del pubblico, il video si concentra sulle sensazioni ed il flusso di coscienza delle protagoniste.

Come arrivare

categoria