Ersilia Sarrecchia - EssserEsseri 20 anni

Inaugura

Giovedì, 16 Dicembre, 2021 - 18:00

Presso

Locanda CelestiAle
Via Saragozza, 63/A, Bologna

A cura di

ranarossa 3.0 Gallery

Partecipa

Ersilia Sarrecchia

Fino a

Venerdì, 16 Dicembre, 2022 - 20:00

Ersilia Sarrecchia - EssserEsseri 20 anni

Comunicato

Nel 2001 Ersilia Sarrecchia presentava il progetto pittorico esseresseri e nei mesi scorsi circa 140 opere sono state esposte a Latina presso il Museo Contemporaneo MADXI e la Galleria Lydia Palumbo Scalzi per celebrare i venti anni di carriera dell’artista.

Una selezione di circa 20 opere di grande, medio e piccolo formato, verrà ospitata anche a Bologna nella prestigiosa Locanda CelestiAle a partire da giovedì 16 dicembre 2021, per raccontare venti anni di arte ed assistere a mutamenti ed evoluzioni stilistiche con un linguaggio coerente che indaga il mondo circostante attraverso il tema del bestiario, icona di un personale modo di sentire e di rapportarsi alla realtà con il cuore e la mente.

Questi mutamenti stilistici possono essere sintetizzati da Andrea Bellini, che già nel testo del catalogo della mostra del 2001 parlava in modo lungimirante del lavoro dell’artista associandolo alla leggerezza calviniana, scrive infatti Bellini:

“Parafrasando Calvino delle Lezioni Americane, si potrebbe sostenere che la pratica pittorica della Sarrecchia rappresenti una sottrazione di peso, il tentativo cioè di liberare la pittura e la natura “dall’opacità del mondo”, da una gravosa e sconveniente pesantezza.
Leggerezza dunque ed anche rapidità esecutiva (altra proposta di Italo Calvino per il nuovo millennio), una pennellata agile, il segno di un gesto disinvolto e sicuro(…)”

E’ pur vero che, semplificando, la Sarrecchia, tra i due periodi, quello di “Esseresseri” e quello di “Wild”, passa da uno stile iconico, campiture cromatiche nette e squillanti, ad uno per molti versi onirico, di cui parla Francesca Baboni:

“Nei dipinti di Ersilia Sarrecchia avviene un'apparente riconciliazione tra mondo animale e mondo vegetale, come se l'uno e l'altro fossero immersi all'interno di un ipotetico Paradiso terrestre perduto, incontaminato da ogni sentimento negativo tipicamente umano. Protagonisti di una visione fiabesca e onirica, che si lascia alle spalle ogni bruttura dell'umanità, le sue creature lasciano spazio a sensazioni di tranquillità e pacatezza, come se avessero addomesticato la loro natura ferina (…). Come rimembranze che affiorano da un'età infantile, brani di ricordi di una edulcorata convivenza uomo-natura, i soggetti del suo particolare bestiario, cervi, lupi, avvoltoi, non sono mai ritratti in atteggiamento di attacco o di difesa, ma sempre in atteggiamento quasi umano e benevolo, mentre si rivolgono allo spettatore in attesa di una possibile rinascita”.

Anche Gaia Bertani sottolinea una componente onirica nel progetto “Wild”:

“(…) L’artista ci introduce in un “habitat” onirico, nel quale tutta la composizione è attraversata da interferenze di colore generate da una gestualità istintiva, e dove taluni elementi si sfaldano e si liquefanno sotto i nostri occhi, alludendo alla fragilità di un equilibrio non scontato e vulnerabile ai capricci del clima. In tutto ciò, si inserisce la presenza animale, abitanti di terra, aria e acqua che sembrano invitarci ad indispensabili riflessioni”.

NOTA BIOGRAFICA

Ersilia Sarrecchia orienta prevalentemente la sua ricerca artistica verso il mondo femminile e la natura. Nei suoi dipinti si assiste a un dialogo serrato tra figurazione ed astrazione; i soggetti di matrice realistica sono inseriti in paesaggi astratti e talvolta sopraffatti dalla materia e da cromie innaturali. Nata a Latina, vive e lavora a Modena. Diplomata con lode in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, prende parte ad esposizioni e fiere di settore, in Italia e all’estero, le sue opere fanno parte di importanti collezioni, sono state esposte in prestigiose mostre in musei, festival e selezionate in premi internazionali.

 

Come arrivare

categoria