La Cura

Inaugura

Domenica, 22 Maggio, 2022 - 17:00

Presso

PaRDeS - Laboratorio di Ricerca d'Arte Contemporanea
Via Miranese 42 - 30035 Mirano (VE)

A cura di

Maria Luisa Trevisan

Partecipa

Olimpia Biasi, Ariela Böhm, Silvia Bonin, Roberto Cannata, Savina Capecci, Franco Corrocher, Barbara Crimella, Graziella Da Gioz, Concetta De Pasquale, Francesca Della Toffola, Alberto Di Fabio, Nicola Evangelisti, Valeria Fano, Roberto Fontanella, Nicola Golea, Nadezda Golysheva, Peter Hide, Abdallah Khaled, Federica Marangoni, Katia Margolis, Giorgia Minto, Serena Nono, Roberto Paci Dalò, Pain Azyme, Barbara Pelizzon, Norma Picciotto, Tobia Ravà, Raphael Reizel, Isabella Rigamonti, Rosa Mundi, Marta Sforni, Annamaria Targher, Antonia Trevisan, Paola Volpato, Stefano Zaratin

Fino a

Domenica, 13 Novembre, 2022 - 20:00

La Cura

Comunicato

LA CURA.

Mirano, PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea

via Miranese 42

dal 22 maggio al 13 novembre 2022 (con pausa estiva 16 luglio - 18 settembre)

Inaugurazione: domenica 22 maggio ore 17

Venezia, Art Factory Fondamenta de l’Arzere, Dorsoduro 2324

dal 1 giugno – 10 luglio 2022

Inaugurazione mercoledì I° giugno ore 18

Artisti:

Olimpia Biasi, Ariela Böhm, Silvia Bonin, Roberto Cannata, Savina Capecci,

Franco Corrocher, Barbara Crimella, Graziella Da Gioz, Concetta De Pasquale, Francesca Della Toffola, Alberto Di Fabio, Nicola Evangelisti, Valeria Fano, Roberto Fontanella, Nicola Golea, Nadezda Golysheva, Peter Hide, Abdallah Khaled, Federica Marangoni, Katia Margolis, Giorgia Minto, Serena Nono, Roberto Paci Dalò, Pain Azyme, Barbara Pelizzon, Norma Picciotto, Tobia Ravà, Raphael Reizel, Isabella Rigamonti, Rosa Mundi, Marta Sforni, Annamaria Targher, Antonia Trevisan, Paola Volpato, Stefano Zaratin

Ideazione, progetto e cura della mostra di Maria Luisa Trevisan

Allestimenti: Tobia Ravà

Collaborazioni: Rubens Tola, Sara Dell’Isola

Centro Studi MB2  

Monte Bianco•Mario Bergamo per dare un tetto all’Europa ETS

 

Patrocini: Comune di Mirano e Terra dei Tiepolo, Legambiente Miranese, Italia Nostra - Venezia, FAI – Delegazione di Venezia.

 

La cura è intesa come cura del pianeta, dell’ambiente, della natura, degli animali, della salute dell’altro, ma anche di ciò che di bello e buono l’essere umano ha prodotto finora e potrebbe realizzare possibilmente nel presente e nel futuro in condizione di pace, salute, serenità.

In anni così difficili, inimmaginabili qualche tempo fa (anche solo pochi mesi addietro) che hanno messo a dura prova l’individuo e la coesione sociale, si auspica vi siano sempre più numerosi i costruttori di relazioni non solo civili ma amichevoli e amorevoli tra esseri viventi, in grado di immaginare ancora un futuro di cooperazione, armonia e concordia, prosperità, felicità, e gioia come sanno fare gli artisti, che poggiano la loro arte su valori e orizzonti ampi ed universali. Ogni artista in fondo realizza sempre opere che in qualche modo sono apotropaiche.

Convinti che l’artista con la sua immaginazione e creatività trovi sempre una soluzione anche ai problemi più seri e possieda una sua alchimia per uscire dall’impasse in cui ci troviamo, alla ricerca del bene, buono e bello.

La mostra si lega quindi anche alle tematiche del transumanesimo, movimento culturale che sostiene l'uso delle scoperte scientifiche e tecnologiche per aumentare le capacità fisiche e cognitive e migliorare quegli aspetti della condizione umana. 

 

Possiamo divedere la nostra specie in chi si prende cura del mondo, degli esseri viventi che lo abitano, e opera con amore, sensibilità, responsabilità, grandi capacità, rispetto, rigore, e tanta sapienza e chi purtroppo distrugge e con la forza, la prepotenza, l’arroganza, e purtroppo anche con tanto indicibile orrore, mira a far sentire l’altro vittima fragile ed indifesa, in un continuo ed incessante sforzo di mantenere la libertà e i diritti conquistati con tanta fatica e spesso con il sangue, nella consapevolezza che nulla è dato per sempre. Pensavamo che quanto è accaduto nelle guerre precedenti non dovesse mai più succedere, ci credevamo avviati verso un futuro in cui si cercava di rimediare finalmente ai delitti commessi verso l’ambiente, invece ci dobbiamo occupare di tragedie quotidiane orribili, assistere ad abusi e nefandezze di ogni genere, tra le più atroci, come quelle raccontate dalla cronaca di questi giorni bui, che ricalca una storia che pensavamo antica ma ahimè è purtroppo incredibilmente attuale. La realtà è che l’uomo non impara nulla dal passato e quello che purtroppo si continua a vedere è il dolore immenso causato da soldati mercenari attrezzati per la guerra su civili inermi, uomini, donne, bambini, ammalati, intenti a difendere a volte le loro poche e povere cose che gli davano il minimo di sopravvivenza.

Questa mostra vuole essere un invito a ripartire dalla cura, volto a rileggere una parola decisiva per tentare di dare con concretezza un volto più umano a questa umanità che appare spesso priva di empatia e sempre più disumanizzata.

 

Eventi in programma:

 

22 maggio ore 17 inaugurazione e performance musicale di BACK TO BACH... and JAZZ!
Piero Bellini: tastiere, Piero Gianolli: basso, Giuseppe Giada: batteria, Massimo Spiro: sax. Saranno eseguiti brani di musica barocca in versione “swing” e alcuni classici Jazz e Bossa Nova.

 

23 giugno ore 21 Gino Damerini sui Giardini di Venezia. Un viaggio nel verde e nelle gemme artistiche della laguna (Pendragon 2022), presentazione libro con Antonio Bagnoli (direttore editoriale edizioni Pendragon) in dialogo con Davide Antonio Pio

 

5 luglio ore 21 Alessandro Marzo Magno Venezia. Una storia di mare e di terra (Laterza 2022). Presentazione libro con l’autore

 

12 luglio ore 21 I sentieri interrotti dell'Europa. Sulla via tracciata da Mario Bergamo (Futura 2022): incontro con gli autori Paola Bergamo e Angelo Giubileo, presenteranno il libro Augusto Vasselli, Marcello Silvestri e Adolfo Tasinato

 

23 settembre ore 18 Sull’ostilità. Storie di guerra e società. Incontro con Enrico Gusella

 

12 ottobre ore 18 Il dialogo della cura. Consulenza filosofica in carcere. Incontro con Anna Maria Corradini

 

 

PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea via Miranese 42, 30035 Mirano

Orari di apertura da mercoledì a domenica 16-19 su prenotazione

 

Art Factory, Fondamenta de l’Arzere, Dorsoduro 2324, 30123 Venezia

Orari di Apertura: da mercoledì a venerdì 15.30-19.30 sabato e domenica 10.30-13.

 

Per informazioni

PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, via Miranese 42, 30035

Come arrivare

categoria