LOBODILATTICE

Alberto Zecchini - Ignoti

Inaugura

Sabato, 29 Ottobre, 2022 - 18:00

Presso

ranarossa 3.0
Via Montevecchio, 21, 41121, Modena

A cura di

Ersilia Sarrecchia

Partecipa

Alberto Zecchini

Fino a

Domenica, 13 Novembre, 2022 - 19:00

Alberto Zecchini - Ignoti

Comunicato

La nuova stagione espositiva della ranarossa 3.0 prosegue con la personale dell’artista Alberto Zecchini dal titolo IGNOTI.

Inaugurazione sabato 29 ottobre alle ore 18 – visitabile dal venerdì alla domenica dalle 17 alle 19.30 fino al 13 novembre 2022 - via Montevecchio 21, Modena.

 

Ignoto è ciò che non è conosciuto ne identificato o identificabile, ignoti sono i personaggi che affiorano dalla materia pittorica e popolano le opere di Alberto.

Stratificazioni di olii, pennellate liquide alternate a colori più grumosi e densi di cui si può ancora percepire il profumo, danno origine a figure, alle volte solitarie, che non si palesano davanti ai nostri occhi a rivelare la loro identità, ma restano appunto soggetti ignoti.

La figura ha da sempre interessato la ricerca artistica dell’artista modenese, che, dopo il diploma in ragioneria, frequenta la scuola di fumetto “Nuova Eloisa” a Bologna per poi approdare nello studio del pittore Ermanno Vanni a Maranello di cui sarà allievo per quasi un decennio.

Nei suoi lavori assistiamo ad un viaggio tra l’interiore e l’esteriore, le opere sono animate da personaggi onirici intrisi di colori che vanno dalle tonalità della terra alle nuance più accese dell’arancio e il magenta, a cui fanno da contraltare toni più freddi e gradazioni di azzurri si fondono in una materia viva e pulsante.

Alle volte i soggetti rappresentati sembrano interagire, cercano un contatto, si sfiorano e sembrano inseriti in ambientazioni che possono richiamare il quotidiano, alle altre appaiono completamente estraniati, quasi alieni. Figure trasfigurate, prive di identità ma che proprio per questo diventano specchio mutevole di un’interiorità nella quale è possibile identificarsi e riconoscere tracce del proprio vissuto.

Alberto Zecchini può certamente vantare un inconfondibile linguaggio pittorico dalla forte identità personale sviluppata da anni di studio e ricerca, così come possiamo certamente scorgere nel suo lavoro le tracce di, seppur inconsce, ispirazioni espressive e stilistiche proprie del grande Francis Bacon o del giovane, ma già molto affermato, artista romeno Adrian Gheine.

Opere intense, sature, di grande formato, in cui entrare in punta di piedi, immergersi e restare a guardare affiorare le nostre emozioni.

Ersilia Sarrecchia

 

 

Come arrivare

categoria