Neverland

Neverland

Titolo

Neverland

Inaugura

Giovedì, 12 Dicembre, 2013 - 18:00

A cura di

Anna d'Ambrosio

Artisti partecipanti

Filomena Longo

Presso

Amy-d Arte Spazio
Via Lovanio 6, Milano

Comunicato Stampa

ART Arteterapia e adolescenza per un’economia del disagio
opening 12 dec. ore 18.00
Progetto di tesi di Filomena Longo
A cura di Anna d’Ambrosio

In un inevitabile intreccio di luci ed ombre il mondo dell’adolescenza preme tuttora come una pentola contenente acqua in ebollizione.
Gli adolescenti entrano nella psiche dell’analista con un’inconfondibile carta d’identità, recando con sé, nella patologia e nella normalità, un profumo penetrante.
Egli rappresenta l’impulso più forte e irresistibile di ogni essere:
l’impulso all’autorealizzazione.

“Potete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri:
Perché essi hanno pensieri propri.
Potete ospitare i loro corpi ma non la loro anima:
Perché le loro anime abitano nella casa del domani,
che non potete visitare, neppure nei vostri sogni.
Potete sforzarvi di essere come loro, ma non
Cercate di renderli come voi siete.
Perché la vita non torna indietro e non si attarda con il passato.
Voi siete gli archi da cui i figli sono scoccati innanzi, come frecce viventi”.

Gibran ne “ Il profeta”

“NEVERLAND” l’isola che non c’è, lavoro di ART (Arteterapia) presentato da Filomena Longo per AMY D Arte Spazio, diventa progetto artistico di economART, incentrato sull’’’economia” del disturbo nel disagio giovanile.
Configurato come un processo terapeutico nato da un laboratorio artistico in cui Emanuele, Lucrezia, Erika, Jacopo ed Elena non sono nomi di fantasia ma “propri” nel senso più profondo ed analitico del termine.
Spetta a Filomena Longo, nelle vesti di artista psicoterapica, un compito arduo: creare una decodifica artistica del disagio.
Ponendo l’artista in una posizione di pseudo-privilegio, in realtà lo si chiude in un’inaccessibile “Turris Eburnea”, così facendo lo si emargina alienandolo; al prezzo di emarginare e alienare da noi quella parte di noi stessi che è la dimensione estetica e creativa nella sua valenza catartica e sublimativa.
L’arte risulta essere in questo senso uno strumento efficace per entrare in relazione con l’universo giovanile poiché possiede la capacità di sfruttare i codici comunicazionali che appartengono al linguaggio dell’adolescente: un linguaggio non verbale ma visivo, fatto di immagini e simboli.
Il giovane diviene parte attiva e scopre di poter intervenire sulle immagini per modificarle e/o usarle come strumenti per raccontare il proprio mondo interno e per esplicitare il proprio disagio (immobilità, aggressività, assenza d’identità, anoressia, omologazione, mancanza di appartenenza).
Nota interna
Neverland è per AMY D Arte Spazio un atto dovuto, nei confronti delle nuove leve artistiche.
Aver selezionato una tesi di laurea come progetto espositivo è creare una liaison tra scuola e mondo lavorativo.
La galleria, interlocutore attivo, diventa fucina per le realizzazioni artistiche del futuro.

Relatrice di tesi Prof. Tiziana Tacconi & Elena Molinari
Coord. U.O.N.P.I.A. Dott. Paola Morosini
Pres. Centro Ricerche Psicosoc. Milano Dott. Aldo Strisciullo
Critico d’Arte Prof.  Jacqueline Ceresoli
Resp. Press Dott. Vittorio Schieroni

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 3 utenti e 704 visitatori collegati.

Inaugurano Oggi

Informazioni su 'Vittorio Schieroni'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)