Maurizio Brambilla. Labirinti e composizioni dell'anima

Inaugura

Sabato, 16 Novembre, 2019 - 17:30

Presso

Galleria Arianna Sartori
Mantova, Via Cappello 17

A cura di

Alberto Moioli

Partecipa

Maurizio Brambilla

Fino a

Giovedì, 28 Novembre, 2019 - 19:30

Maurizio Brambilla. Labirinti e composizioni dell'anima

Comunicato

La Galleria Arianna Sartori di Mantova, nella sala di via Cappello 17, presenterà la mostra Labirinti e composizioni dell’anima del pittore milanese Maurizio Brambilla, dal 16 al 28 novembre 2019.

L’inaugurazione si terrà sabato 16 novembre alle ore 17.30 alla presenza dell’artista con intervento critico di Alberto Moioli.

 

Labirinti e composizioni dell’anima

“L’immersione nelle opere di Maurizio Brambilla è sempre un’esperienza particolarmente accattivante dove ritrovare, attraverso il rigoroso equilibrio spaziale e l’armonia cromatica, quelle sensibilità e caratteristiche che si rispecchiano nell’autore stesso.

I rimandi alla plasticità del realismo magico e alle suggestioni surreali che ci consentono di osservare una realtà nuova, come fossimo proiettati in un’altra dimensione, appartengono a quella dotta riflessione tipica della ricerca espressiva dell’artista, consapevole delle proprie peculiarità.

In realtà quello che dobbiamo innanzitutto apprezzare è il valore del suo percorso creativo attraverso il quale risulta evidente osservare una costante applicazione nello studio del mondo dell’arte, nella ricerca all’interno di se stesso e nella sperimentazione.

Questa nuova straordinaria pagina della sua lunga e interessante storia espressiva appartiene a parer mio, all’apice della sua espressività, una cifra stilistica che lo contraddistingue nel segno pittorico e nell’uso coerente della simbologia. Nel segno della continuità infatti appaiono ancora i simboli che hanno caratterizzato i precedenti lavori, come l’uovo, simbolo di perfezione e di creazione, ma anche di nuova vita e dunque di resurrezione, come ci insegnano Piero della Francesca[1] e Francesco Melzi[2].

Nel segno della sperimentazione e nella crescita stilistica, in termini di raffinatezza, il nuovo corso di Maurizio Brambilla affronta una consistente perdita della varietà coloristica, le opere nuove sono infatti quasi monocromatiche e giocano ancor più su un aspetto introspettivo e poetico, passaggio espressivo che ho apprezzato particolarmente.

Nello sguardo che rivolgiamo alle opere di Maurzio Brambilla esiste sempre un gioco, del quale ci ha insegnato Cartesio[3], ossia che l’immagine che noi abbiamo della realtà non sempre coincide con la realtà stessa, ecco dunque che nell’osservare i labirinti dipinti dall’artista si ha sempre l’impressione di essere sospesi tra reale e irreale, nel tempo e nello spazio.

Come nelle opere di Giorgio Morandi[4], che Brambilla ha studiato molto, la sua poetica è senza dubbio stata assorbita in profondità dall’anima sensibile dell’artista, le nuove opere mostrano una campitura cromatica più terrosa, tenue e delicata, elementi che tracciano senza alcun dubbio, una nuova atmosfera tipica dell’espressione metafisica e della straordinaria tradizione espressiva lombarda, fino ad arrivare alla poetica di Luigi Ghirri[5].

Tutto ciò è inserito nella rappresentazione dei celebri labirinti di Brambilla, elementi che vanno letti attraverso il suo intrigante significato simbolico, metafora se vogliamo, della vita stessa e alla ricerca di vie d’uscita e di superamento di ostacoli volti ad una costante crescita personale e intima, un confronto con noi stessi che poi è ancora una volta il riflesso della ricerca interiore dell’artista.

I nuovi labirinti onirici di Brambilla appartengono ad un mondo lontano, la rievocazione del Mito e della storia del Tempio di Cnosso[6], a Creta, nel II sec aC., rappresentano dunque la ricerca dell’uomo che insegue la conoscenza, una ricerca che è inevitabilmente il riflesso dell’esperienza espressiva in continua mutazione dell’artista.

Dopo tutto è pur vero che se l’artista si adagiasse sulle precedenti ricerche il suo percorso creativo terminerebbe e perderebbe di energia vitale e forza creativa.

Maurizio Brambilla concede dunque al suo lungo percorso espressivo una vera e propria raffinata svolta stilistica, senza tradire in nessun modo il suo passato ma offrendo anzi una nuova via, un nuovo inizio, proprio come nel significato più profondo dell’Uovo di Piero della Francesca”.

Alberto Moioli

 

[1] Piero della Francesca (1416-1492) – L’opera alla quale faccio riferimento è ovviamente la Pala di Montefeltro custodita dalla Pinacoteca di Brera (1472) tempera e olio su tavola.

[2] Francesco Melzi (1491-1570) – L’opera alla quale faccio riferimento è “Leda, il cigno e le uova (1505-1507)” pittore definito leonardesco.

[3] Cartesio (1596-1650) – Filosofo e matematico francese ritenuto il padre fondatore della matematica e della filosofia moderna.

[4] Giorgio Morandi (1820-1964) – Straordinario pittore e incisore italiano, ha scritto alcune delle più belle pagine d’arte moderna e contemporanea.

[5] Luigi Ghirri (1943-1992) – Uno dei più autorevoli fotografi italiani, l’uso della luce e i suoi paesaggi della Pianura Padana sono diventati autentiche icone contemporanee in cui la poesia esplode in tutta la sua forza.

[6] Tempio di Cnosso – È considerato il più importante sito archeologico di Creta nell’età del bronzo, fu centro nevralgico di splendore e al centro della celebre leggenda legata al Minotauro.

 

Maurizio Brambilla - Pittore e scenografo

Nato a Milano nel 1952, si diploma all’istituto Beato Angelico di Milano e nel 1975 ottiene il Diploma di Pittura e Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Brera, sotto la guida dei Proff. Tito Varisco e Domenico Purificato.

In aggiunta alle numerose mostre personali ha partecipato a varie collettive e concorsi, ottenendo premi e riconoscimenti.


In campo scenografico ha firmato scene e costumi per vari teatri ed enti lirici dal 1976 a 1986 e alla RAI TV di Milano.

Dal 1982 fino al 2003 ha svolto il ruolo di Commissario di esami di Scenografia presso l’Accademia di Brera.

Dal 1990 al 2016 è stato responsabile della Direzione Scenografia di Mediaset a Cologno Monzese e Milano 2.

A Piacenza nell’agosto 2012 Maurizio Brambilla e Rosario Scrivano danno origine al “Gruppo dei 6 - Eoykos” firmandone il manifesto. Questo nuovo movimento artistico viene presentato tramite esposizioni in varie città italiane. L’esposizione al Salon - Paris Place de la Bastille del 2016 segna l’inizio dell’avventura europea del Gruppo dei 6.

 

Scenografie:

1974-75 Collaboratore tecnico al teatro "La Scala di Milano" per la "Norma" e "Un ballo in maschera" per il Dir. dell'allestimento scenico Prof. Tito Varisco.

1976 "Rancore" di D. Fabbri per la Compagnia di giro del Teatro italiano - Teatro Sociale di Lecco San Babila di Milano.

1976 "La Confessione" di S. Fuga - Teatro dell'Opera di Genova - Scene.

1977 "La Scala di Seta" di G. Rossini - Teatro dell'Opera di Genova - Scene e costumi.

1977 "Il Barbiere di Siviglia" di G. Rossini - Teatro San Carlo di Napoli - Regia di V. Patanè.

1978 "La Sentenza" di C. Fontana - Teatro Nuovo di Milano.

1978 "Il barbiere di Siviglia" di G. Rossini - Teatro San Carlo di Napoli - Regia di V. Patanè.

1979 "Manzoni chi era costui?" di M. Maranzana e R. Pagan - Teatro quartiere piazzale Cuoco – Milano.

1980 "Così fan tutte" di W.A. Mozart - Teatro dell'Opera di Torino - Scene e costumi..

1980 "Don Chisciotte" di Cervantes - Teatro dell'Opera di Barcellona - Scene e costumi.

1980 Scenografia e Costumi per il "Corso di Italiano per Stranieri in Italia" su RAI 2.

Dal 1981 al 1986 ha firmato le scenografie per "La TV del Mattino" RAI - Milano con i giornalisti E. Sparano e R. Battaglia.

 

Hanno scritto e parlato di lui:

Domenico Purificato, Ciardi Duprè, Lucio Martelli, Ennio Bramato, Paolo Isotta,  Domenico Nicosia, Carlo Franza, Giuseppe Congiu, Dino Villani, Alberico Sala, Antonio Carbè, Giuseppe Martucci, Ruggero Bottoni, Donat Conenna, Giuseppe Patellaro, Gian Piero Rabuffi, Ezio Tamburelli, Simone Fappanni, Tiziana Cordani, Tiziana Genovese, Renato Tomasina, Lucia Siri, Gianluigi Guarnieri, Luigi Galli, Elisa Manzoni, Giorgio Falossi, Paolo Levi, Alfredo Pasolino, Liviano Papa, F. Bianchi, Alberto Moioli, Paolo Giansiracusa.

 

Orario di apertura: dal Lunedì al Sabato 10.00-12.30 / 15.30-19.30. Chiuso festivi

Informazioni: Tel. 0376.324260 info@ariannasartori.191.it

Come arrivare

categoria