Fabrizio Cicero | La penultima verità

Inaugura

Sabato, 12 Giugno, 2021 - 19:00

Presso

Fourteen ArTellaro
Piazza Figoli 14 tellaro di Lerici SP

A cura di

Gino D'Ugo

Partecipa

Fabrizio Cicero

Fino a

Domenica, 25 Luglio, 2021 - 12:00

Fabrizio Cicero | La penultima verità

Comunicato

Rassegna Osare Perdere

a cura di Gino D’Ugo

 

 

Testo di Nicoletta Provenzano

La Penultima verità di Fabrizio Cicero è un incontro con una natura immaginata in un futuro distopico, una evocazione bloccata in corso di caricamento, un ricordo di una terra ormai inospitale, affidato e ricreato da una macchina, che fatica a profilarsi nella completa esattezza. 

Un perduto stato naturale si evidenzia nel mito remoto, quasi incomprensibile, riproposto come lontana eco di un regno rimpianto e rinnegato.

Oltre un penultimo inganno emerge alla scena una traccia simulacrale, rielaborazione di forme naturali generatrici di ombre e luci, nel corpo del fogliame, che si fanno narrazione di una verità da rintracciare dentro il segno, nei fitti chiaroscuri che conformano la vegetazione in penetrali boschivi.

L’artista nella permeabilità della carta traccia a carboncino una flora rarefatta rappresentata nel bianco e nero dei suoi scorci riposti, affidandosi al gesto lento e ripetuto della mano che definisce ogni forma, in pieni ombrosi e vuoti di luce, concedendo tempo, andando a ritroso dal fondo e arrivando al primo piano, agendo in successive e continue sovrapposizioni.

Dalla materialità penetrante e vivida del disegno, Fabrizio Cicero affida alla gomma elettrica la ricreazione di un’apparizione luminosa, all’interno del disegno stesso, come proiezione video in stop-motion del cerchio di buffering, che al contempo cristallizza e anima l’immagine in un movimento circolare costante, mentre una vibrazione acustica, apprensiva ed esasperata, è prolungata e incessantemente ripetuta come alterazione alienante e dissonante.

Un interrotto viaggio in una selva misterica ed enigmatica si delinea come irraggiungibile ricongiungimento con la realtà nel suo grado di naturalezza e veridicità, proiettandosi nell’aspettativa di un risolutivo apparire, di un compimento che superi la distanza, mentre il circolo di luce ipnotizza il fluire del tempo in uno statico e continuo presente, immutabile e impossibile da carpire.

Un intrico di rami inaccessibile è teatro di una natura fissata in una entità duale tra un tempo che richiama una dimensione perduta e l’attesa di un disvelamento, che sfuma e si ottenebra nell’andamento reiterato all’infinito del buffering e nel suono ossessivo e fluttuante che l’accompagna.

Movimento instancabile e imperturbabile immobilità generano una sospensione magnetica e incantatrice, perpetuamente ricreata nella porzione fantastica racchiusa nel contenitore espositivo, finestra in cui lo sguardo scorge un angolo visuale insondabile, dove la natura è anelato immaginario edenico, ma anche paesaggio oscuro e insidioso, che cela ambiguità e pericoli, e insieme essenza alterata dall’ars umana nel tentativo vano di discernerne, ghermirne e riprodurne la potenza.

La Penultima verità si nasconde e soggiace oltre il rigoglio vegetale, oltre l’arresto del tempo dell’esplorazione, oltre il complesso timbrico e ancora al di là del velo nebuloso dell’apparire, o ancora si evidenzia nell’ulteriore barriera che la preclude, nelle sue tante e possibili configurazioni. 

Come arrivare

categoria