CINEMA/PROIEZIONE PUBBLICA I giorni del cielo (1978) di Terrence Malick, con Richard Gere. Paesaggio, spazi aperti, lirismo e rapporto con personaggi in costante conflitto interiore. Uno dei capolavori della nuova Hollywood, un film che toglie il fiato e

Inaugura

Sabato, 22 Agosto, 2020 - 21:00

Fino a

Sabato, 22 Agosto, 2020 - 23:00

CINEMA/PROIEZIONE PUBBLICA I giorni del cielo (1978) di Terrence Malick, con Richard Gere. Paesaggio, spazi aperti, lirismo e rapporto con personaggi in costante conflitto interiore. Uno dei capolavori della nuova Hollywood, un film che toglie il fiato e

Comunicato

A Line Made by Walking è il titolo scelto dai curatori Jessica Bianchera, Pietro Caccia Dominioni e Gabriele Lorenzoni per un progetto biennale realizzato in collaborazione con Panza Collection, APT Val di Non e Urbs Picta. Si tratta di una linea di pensiero che consiste in un programma allargato di attività per il pubblico nel 2020 e in una mostra dedicata a Long, Fulton, Griffin e Girardi nel 2021. Il progetto nasce per indagare la relazione tra il tema del viaggio come scoperta di un territorio e la pratica del camminare come esperienza estetica.

L’apice del progetto è la mostra A Line Made by Walking. Pratiche immersive e residui esperienziali in Long, Fulton, Griffin, Girardi che si terrà tra giugno e ottobre 2021 - realizzata in collaborazione con Panza Collection - presso quattro strutture castellari della Val di Non: il nucleo centrale della mostra sarà allestito presso gli spazi di Castel Belasi.

Per avvicinarsi alla mostra ma anche per allargare l’orizzonte di pensiero e riflessione sui temi del viaggio, dell’esplorazione, del cammino e della relazione uomo-natura, al di là e attraverso il linguaggio dell’arte contemporanea, A Line Made by Walking si espande proponendo nel 2020 un public program fatto di interventi ed esperienze pubbliche tra arte, letteratura, cinema e scoperta del territorio della Val di Non.

 

CINEMA/PROIEZIONE PUBBLICA
I giorni del cielo (1978) di Terrence Malick, con Richard Gere.
Paesaggio, spazi aperti, lirismo e rapporto con personaggi in costante conflitto interiore. Uno dei capolavori della nuova Hollywood, un film che toglie il fiato e non assomiglia a nient’altro. Introduce: Michele Bellio