GLI ATTIMI FUGGENTI - Domenico D’Aria

Inaugura

Giovedì, 6 Febbraio, 2020 - 18:00

Presso

SBLU_spazioalbello
via Antonio Cecchi 8

A cura di

SBLU_spazioalbello / Susanna Vallebona

Partecipa

Domenico D'Aria

Fino a

Venerdì, 21 Febbraio, 2020 - 18:00

GLI ATTIMI FUGGENTI - Domenico D’Aria

Comunicato

La ricerca artistica di Domenico D’Aria sviluppa una poetica dove la spontaneità del gesto, che si fa segno grazie alla materia, si trasforma in energia pura.
Vicina all’arte informale la sua pittura non rifiuta la forma, ma definisce l’immagine attraverso un’azione carica di furore drammatico.
Artista legato alla sua terra - il Salento – D’Aria contrappone la solidità della materia all’energia della luce, in una dialettica tra gli opposti che fissa lo spazio pittorico nella costante ricerca dell’origine.
Nelle sue opere sembra prevalere il caos generato dall’esplosione di materia e colore sotto la sferzata di segni costanti, che si ripetono come ferite profonde impossibili da rimarginare. Eppure proprio quelle ferite, come descrive Mimmo Di Marzio nel suo saggio di presentazione della mostra, diventano:”alfabeti ancestrali che segnano indelebilmente il centro della tela, paiono risucchiare come buchi neri l’idillio cosmico e la sua luce, evocando antiche memorie di spazi, più mentali che fisici”.
In mostra l’artista propone opere su carta definite dal magma di pigmento puro, carta, sabbie, ceneri e gli ultimi lavori a olio dominati dal colore, sempre più essenziale e primario, al limite della monocromia in contrapposizione al nero, che impetuosamente solca lo spazio.
Opere nelle quali si sperimenta il momento deflagrante della creazione, quello primigenio della formazione dell’universo. Nel rievocare il legame ancestrale alla terra madre si manifesta, per analogia, il furore del gesto artistico che si confina e trasfigura nel cuore dell’opera.
“Tensione pulsante vitale con cui D’Aria fa rinascere, attraverso la distruzione, la fiamma necessaria per una nuova creazione”.
___

Domenico D’Aria nasce a Guagnano in provincia di Lecce, vive e lavora a Milano. Studia all’Accademia di Belle Arti di Brera e inizia a esporre negli anni Settanta. Tra i riconoscimenti da segnalare il primo premio al Museo della Scienza e della Tecnica per le arti figurative.
Numerose le personali in sedi istituzionali come Palazzo Lanfranchi di Matera, a Palazzo Dei Teatini di Lecce, alle Officine Creative Ansaldo a Milano, al Grattacielo Pirelli di Milano e al Museo Civico di Arte contemporanea di San Cesario di Lecce nel 2017.
___

INGRESSO LIBERO
Inaugurazione 6 febbraio 2020 ore 18.00
La mostra prosegue fino al 21 febbraio 2020 da lunedì a venerdì solo su appuntamento
tel. 02 48000291 / 339 7671060
___

Per raggiungere via Antonio Cecchi: 58, 50, 61, 67, 90, 91, MM1 Wagner o De Angeli
___

SBLU_spazioalbello 02 48000291 - spazioalbello@esseblu.it - www.sblu.it

categoria