aMAZElab XX Mediterraneo: GOING PUBLIC (2002-2012)

In occasione del 20° Anniversario, l'organizzazione culturale aMAZElab ripercorre le ampie ricerche svolte fin qui nell'area dei Balcani e del Mediterraneo. Tutto il materiale è visibile nell'archivio on line ( www.amaze.it ) ed è possibile ordinare le pubblicazioni a prezzo ridotto scrivendo a: press@amaze.it czanfi@libero.it

In occasione del pluripremiato progetto GOING PUBLIC (2002-2012), sono stati realizzati una serie di progetti che hanno posto al centro il rapporto tra comunità e territorio, spazio urbano e sfera pubblica, confini e mobilità. Si sono aperte varie piattaforme che hanno coinvolto artisti, studenti, cittadini, per ripensare all’uso dello spazio pubblico, offrendo proposte alternative in luoghi di confine e conflitto tipo: Beirut, Gerusalemme, Tangeri, Sarajevo.

La relazione tra comunità e territorio, tra città e cittadini si trova al centro dei più recenti dibattiti.
La proposta del programma GOING PUBLIC, con workshop, seminari, mostre e dibattiti pubblici, ha posto l’attenzione allo spazio urbano e periferico, alla politica sociale, alla gestione territoriale. In altre parole, l’uso dello spazio pubblico nella cultura del vivere.

Il luogo pubblico è uno spazio dove le persone agiscono e creano “un comune mondo pieno di differenze” (Saskia Sassen). Noi stiamo vivendo una crisi nello spazio pubblico, che è il risultato di un conflitto di interessi globali e locali, della crescita di commercializzazione, di globalizzazione, della presenza di architetture imponenti, della privatizzazione dello spazio pubblico. Questa realtà ha prodotto uno spaesamento tra singoli e comunità. Arte e Cultura possono funzionare come pratiche critiche che permettono di cogliere qualcosa in più rispetto a quella che è la rappresentazione della città e del suo spazio pubblico