WHERE ARE WE GOING?

Vivi come ombre per giungere a questo azzurro prato, per una vita da afferrare nelle viscere delle nostre città, dove l’oscurità della Repubblica è già notte.
    Vivi come fantasmi, con occhi troppo grandi e profondi per essere ascoltati.
    Vivi come incubi che tendono le braccia, controcorrente, eternamente risospinti da onde troppo dure da abbattere.
    Vivi come germogli, per questa terra già promessa che minuto dopo minuto indietreggia e muore.
    Nati su di voi, arroganti proprietari sazi, senza occhi, senza braccia, senza orecchie.
    Quanto siamo ancora vivi?

                      V.Garaffa

                                  

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 556 visitatori collegati.

Informazioni su 'Alessandro Severin'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)