VIDANGIL project: 30 artisti COREANI a MILANO.

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Testo critico per 2011 VINDAGIL Project

30 Artisti Coreani in Italia , per un confronto inedito che esplora l’influenza che le icone POP, la globalizzazione dell’immaginario, le arti ormai innalzate a livello “alto” come moda e design ( fino a qualche decennio fa relegate a arti secondarie), stanno esercitando nell’arte contemporanea asiatica e sugli immaginari degli artisti emergenti.

Un’analisi che parte dalla generazione che affonda le radici ancora prima, in una lunga e affascinante tradizione di letteratura e mitologia che collegano Corea, Cina e Giappone, Storia e storia dell’arte “orientali” che purtroppo non vengono studiata nei programmi di studio delle scuole italiane.
Quanti posseggono un telefono o un monitor o un prodotto tecnologico Coreano? In italia e in una città “trend setter” come Milano probabilmente tanti ma pochissimi sanno pronunciare correttamente il nome della principale città “SEOUL” o conoscono i principali piatti tradizionali come il gustosissimo “Kimchi”

La mostra ci offre una chance, un punto di vista privilegiato, un avvicinamento culturale fatto attraverso le immagini e gli oggetti di una mostra di qualità che ci dimostra come l’arte Europea, colonizzando il mondo a livello economico e culturale nei secoli scorsi, si stia sempre più aprendo  e mettendo nuovamente in discussione, traendo oggi “nuova linfa vitale” da questi giovani talenti creativi: un’apertura multi linguaggio e interculturale che preannuncia la società del futuro.

Possiamo cosi avere esperienza diretta della cavalcata senza sosta, inarrestabile delle figure che rappresentano il desiderio , i characters, i comics, gli ideogrammi  e i simboli delle culture asiatiche attuali, tra passato e presente, interpretati da artisti coreani di qualitò, lanciati alla pacifica conquista dell’immaginario collettivo del mondo occidentale.

Christian Gancitano, operatore Culturale (asXPO),esperto di culture pop asiatiche

COLLABORAZIONE culturale tra ITALIA e COREA: primi segnali.

La mostra, grazie alla partnership tra CIAC (Corea Italia Associazione Arte e Cultura) e Associazione asXPO (associazione culturale milanese, culture network) che hanno già collaborato in altre occasioni, rappresenta un concreto momento di contatto e scambio culturale, di incontro tra persone appassionate di arte e cultura, fermamente convinte che le arti debbano essere riconosciute e sostenute a livello globale come driver di sviluppo anche economico e sociale, un veicolo fondamentale per la condivisione di CONTENUTI e modelli ASPIRAZIONALI senza i quali anche l’economia e il “mercato” globalizzato e la tecnologia non avrebbero importanti fondamenta.

Ciac e asXPO (associazioni culturali non profit)

Informazioni su 'comunicarearte'