I tre scudieri. Sculture e disegni di Thomas Spielmann

I tre scudieri. Sculture e disegni di Thomas Spielmann

Titolo

I tre scudieri. Sculture e disegni di Thomas Spielmann

Inaugura

Venerdì, 17 Gennaio, 2014 - 18:30

A cura di

Stefania Valente

Artisti partecipanti

Thomas Spielmann

Presso

Galleria d'arte Iper Uranium
Via dei Banchi Nuovi, 58 Roma

Comunicato Stampa

L’artista Thomas Spielmann - pittore, scultore, designer svizzero, dal 1981 residente a Roma – presenta le sue ultime sculture 

Da decenni operativo nella citta eterna, solo ora l’artista Thomas Spielmann, nato in Svizzera nel 1958 ma romano di adozione, esordisce in questo contesto con una personale I tre scudieri  - a cura di Stefania Valente - allestita alla Galleria d’arte Iper Uranium, dal 17 al 31 gennaio 2014 che presenta i suoi ultimi lavori prodotti nell’ambito del ciclo gli “scudieri”: sculture di grandi dimensioni realizzate con objet trouvé (elementi di origine naturale che, una volta lavorati e assemblati dall’artista, si trasformano in immagini antropomorfe molto evocative e vitalistiche).

L’evento, inedito a livello internazionale, è l’occasione per conoscere questo artista svizzero di grande spessore, rimasto finora nell’ombra, che, da tempo impegnato in una ricerca solitaria, lontano dai clamori del mondo dell’arte, prosegue, in linea evolutiva, sullo stesso percorso tracciato, prima di lui, da artisti legati al suo contesto artistico di origine come Hans Arp, Henry Moore, Constantin Brancusi e Alexander Calder (artisti dada-surrealisti che orientarono la scultura astratta verso una ricerca irrazionale, evocativa della dimensione interna dell’uomo).

 

Accanto a queste figure statiche, gli “scudieri”, che si sviluppano in verticale, affini per certi versi ai totem indiani, compaiono altri lavori scultorei di recente produzione e una serie inedita di disegni che evidenziano, quale soggetto principale, l’albero: elemento naturale molto caro all’artista, che, oltre ad essere oggetto di rappresentazione, è presente anche come materia predominante. «Sono cresciuto con il legno, nel bosco, fra i trucioli… affascinato dalle venature del legno di faggio o di ciliegio». 

Ispirato in tal senso, filo conduttore del suo lavoro artistico è la sperimentazione sulla linea – quale segno essenziale e matrice della creazione artistica – con cui concepisce immagini che svelano le trame invisibili sottese alla realtà manifesta. Porta avanti tale ricerca anche nel campo del design, con la progettazione e la realizzazione di oggetti d’arredo originali (una sua libreria modulare “Sirtaki” è stata premiata alla Fiera del mobile di Berna “SMI – Foerderpreis ‘93”).

 

Dapprima orientato verso la pittura astratta – i suoi esordi all’insegna dell'action painting - dopo una lunga riflessione interna, solo nel 2005, forte della sua identità personale, scopre il mezzo di espressione privilegiato, la scultura, con cui giunge alla maturità artistica: fase in cui, scevro da qualsiasi condizionamento, finalmente conia un linguaggio universale – semplice ed essenziale -  che, lasciando agire l’inconscio, traduce in forme concrete il mondo invisibile.

Pittore, scultore, designer, Thomas Spielmann, nasce, nel 1958, a Obergösgen (Svizzera). Cresciuto vicino ai boschi nel Canton Soletta, da piccolo frequenta la falegnameria del padre mastro, dove apprende il mestiere. Si avvicina all’arte sin dall’infanzia (vince un premio partecipando a un concorso scolastico di disegno), tuttavia i suoi studi superiori seguono un’altra direzione.

Dopo la maturità scientifica, conseguita ad Olten nel 1977, orienta i suoi interessi al mondo dell’arte: studia Storia dell’Arte all’Università di Zurigo, per poi passare, l’anno seguente, alla pratica manuale presso la Scuola d’Arte e Mestiere di Basilea.

Nel 1981 si trasferisce a Roma, sua città d’elezione, dove tuttora vive. Sempre in bilico tra teoria e pratica, nel 1985, si diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti.

Nel corso del tempo, mentre lavora come guida turistica, parallelamente porta avanti la sua ricerca nel campo delle arti visive e del design, partecipando sovente a concorsi e mostre collettive in Italia e in Svizzera.

Negli ultimi anni si dedica prevalentemente alla scultura, sperimentando materiali diversi come legno, ferro e pietra, con cui realizza opere dominate da un forte dinamismo, che nasce dalla tensione e dalla flessione della linea. 

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 694 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)