tempus edax rerum

tempus edax rerum

Titolo

tempus edax rerum

Inaugura

Mercoledì, 23 Maggio, 2012 - 18:00

A cura di

Gino Pisapia

Artisti partecipanti

Emanuele Becheri

Presso

Palazzo Montoro

Comunicato Stampa

tempus edax rerum

Emanuele Becheri
a cura di
Gino Pisapia

LUMI project è lieto di inaugurare negli spazi di Via di Montoro, 8 in Roma, il secondo evento
espositivo dal titolo tempus edax rerum, il tempo che tutto divora (Ovidio, Metamorfosi, XV,
234), mostra personale di Emanuele Becheri (Prato, 1973) a cura di Gino Pisapia.
Dalla nascita dell'universo e secondo la “sensibile” conoscenza umana inizia il trascorrere del
tempo. I cambiamenti materiali e spaziali regolati dalla fisica e dalla chimica determinano pertanto
secondo l'osservazione, un passare, uno scorrere e un trascorrere che identifichiamo con il nome
di tempo.
Esso diviene dato certo dell'esperienza e si fa regolatore di tutte le attività degli uomini, degli
animali, della materia.
Tutto per effetto del tempo è soggetto a trasformazione.
Da questo assunto tempus edax rerum viene sì inteso, nell'opera di Emanuele Becheri, come il
tempo che tutto divora, ma più nello specifico intende far luce sul processo di trasformazione che
il tempo innesca, alimenta e porta a termine.
L'esposizione si presenta come un continuum logico e coerente che, attraverso un percorso
articolato tra le ampie sale del seicentesco Palazzo Montoro, intende proporre una selezione dei
lavori più significativi che hanno segnato le tappe del suo percorso artistico.
Disegni, sculture, fotografie, carte, video e performance concorrono nel suo lavoro alla definizione
di un modus operandi che gli consente di testare, sperimentare e trasformare le relazioni esistenti
tra l'atto creativo e il suo controllo, l'impersonalità del fare e l'opera d'arte, tra il tempo di
riflessione e il tempo di creazione.
Il fulcro centrale attorno al quale si sviluppa l'opera di Emanuele Becheri è costituito dal disegno
quale semplice elemento descrittivo che, inscindibile dal suo supporto, mostra un tempo o una
frazione di esso nel quale il “momento decisivo”, quindi l'atto creativo, viene registrato. All'interno
dell'esposizione ne troviamo un'ampia prova fornita dalle Carte Piegate del 2004, dove l'artista
utilizza dei grandi fogli rettangolari piegati più volte in maniera regolare, sui quali interviene
graficamente segnandoli.
Questi segni, linee e piccoli tratti vengono eseguiti al buio mediante un ago che graffia e incide la
superficie della carta copiativa che l'artista frappone tra l'acuminato corpo “scrivente” e il candido
supporto cartaceo. Da questa operazione ne risulta un disegno “astratto” che viene svelato solo
dopo averlo scoperto attraverso la sottrazione della carta copiativa che allo stesso tempo è
matrice e corpo impedente, che nega il controllo dell'opera nel suo divenire.
Si prosegue quindi con i Senza Titolo 2004-06 (dalla serie di 80 carte carbone) che documentano la
creazione dell'opera rivelando i segni impressi sulla propria superficie.
Ci troviamo in tal senso al cospetto di un'opera che potremmo definire di “prima mano” che
conserva nella sua materia fisica una duplice valenza, quella di matrice dalla quale si generano i
segni e quella di opera autonoma.
Procedendo in maniera cronologica, dopo le esperienze sopra citate, la ricerca di Emanuele Becheri
approda a nuovi esiti formali rappresentati dai Rilasci del 2006.
Il supporto non cambia, continua pertanto ad essere elemento privilegiato la carta, che l'artista si
limita a segnare secondo la stessa metodologia applicata nelle Carte Piegate del 2004, dove però
non v'è più traccia di piegatura, sostituita in questo caso da veri e propri accartocciamenti. In tal
modo il foglio registra “l'impressione” dell'energia conferitagli dall'artista che diventa l'innesco
grazie al quale l'opera si genera e per effetto del suo peso specifico tende verso il basso
rilasciandosi senza la possibilità di seguirne o condizionarne l'andamento.
Lo stesso principio viene ri-confermato anche in Senza Titolo 2007 (Shining), opera che l'artista crea
demandando la sua realizzazione al tempo e alle chiocciole. In questo caso Becheri si preoccupa
solo di innescare il processo creativo - come avveniva nei Rilasci - eseguito e portato a termine
dalle chiocciole, che posizionate al centro di grandi fogli neri, ne percorrono l'intera superficie
segnandola con la bava che, dopo essersi asciugata, si trasforma in argenteo disegno e allo stesso
tempo ne evidenzia attraverso dolci rilievi la strada appena percorsa.
Il ciclo espositivo si conclude con un video inedito appositamente realizzato per l'occasione dove il
tempo e la materia si offrono ad una indagine cromatica, spaziale e percettiva che si origina e
prende forma assumendo ogni volta una diversa possibilità espressiva. Nella prospettiva dell’opera
appaiono pertanto decisivi i raccordi e i collegamenti tra i vari episodi che qui tutti insieme
documentano, descrivono ed espongono il tempo nel suo divenire.

LU MI project
Palazzo Montoro
Via di Montoro 8, 00186 Roma
+39 331 22 64 176
info@lumiproject.com
Ufficio stampa: Valentina Grandini press@lumiproject.com

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Informazioni su ''