SUHUB mostra fotografica di Monica di Brigida

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

 

 

Sabato 21 Aprile alle ore 18.00, la homegallery wo-ma'n presenta l'inaugurazione della mostra SUHUB/NUVOLE "un reportage probabile in una città fantasiosa di fondachi e locande dove si intrecciano storie e culture diverse e si ascoltano mille e una storia", dell'artista Monica di Brigida, prima fotografa donna ad essere ospitata in questi spazi.

 

Per l'occasione l'artista ha creato un allestimento unico, dove la homegallery "indosserà" particolari foto mobili stampate su voile che andranno a sfiorare i visitatori i quali dovranno lasciarsi "danzare" dalle opere.

La mostra è a cura di Auronda Scalera.

 

wo-ma'n è la prima home - gallery dedicata alla fotografia, un progetto nato a Roma nel 2010 da un’ispirazione di Auronda Scalera e dalla passione dei fotografi Marta Rossato e Wolfango De Spirito, che hanno deciso assieme di fondere il concetto di galleria con quello della loro casa. Dal living alla cucina, dalla doccia alle cabine armadio, tutti gli ambienti sono messi a disposizione per essere luoghi espositivi e, di volta in volta, ogni autore sarà chiamato a confrontarsi con questa nuova idea di esposizione. Ogni mostra diventa così un evento informale, simile ad una cena tra amici. L’auspicio è che questo nuovo modo di fruire l’arte e la fotografia si dilati velocemente per creare una rete di “case fotografiche” dove poter dare spazio a nuove idee e modi per vivere la fotografia.

 

 

SUHUB/NUVOLE, della fotografa Monica di Brigida, è un lavoro la cui ricerca parte già dagli anni 80' quando l'artista viene suggestionata dalla natura della Calabria e dai bidoni arrugginiti abbandonati sulle sue spiagge.

 

A catturare la sua attenzione sarà soprattutto il fenomeno dell'ossidazione, derivato dall'incontro tra natura e scorie prodotte dall'uomo, dove ad agire, non è più l'uomo ma la natura sulle cose stesse, che scrive con le sue intemperie e le sue stagioni sui vari supporti che trova, come la fotografia fa con la luce.

Ambedue i processi chimici sono irreversibili, il tempo agisce su di loro mutandoli incessantemente e portando "in luce" quelle immagini latenti che posseggono tutte le cose del mondo e che custodiscono gli uomini nella loro mente.

 

Il passaggio successivo è la scoperta di lastre di ferro ossidate e della tarlatana, un particolare tessuto di cotone semirigido, usato in ambienti artistici nei processi di stampa calcografica, che serve appunto per pulire le lastre dall'inchiostro in eccedenza. La caratteristica affascinante della tarlatana è che col tempo assorbe tutti colori e gli umori delle superfici che deve pulire, impregnandosi di sfumature sempre differenti.

 

Lo scontro, l'unione e la danza di tutti questi elementi dà inizio al suo raccontarci le "Mille e una notte", testo chiave in questo progetto, perché contiene storie dentro le storie, immagini dentro le immagini, dove ognuno riesce a vedere profili, perimetri e strade diverse.

Il titolo della mostra, infatti, deriva da ciò, SUHUB significa nuvole in arabo.

Come le nuvole, il cambiamento è la caratteristica principale di questo lavoro: cambia più lo si osserva, e cambia in base a come Mater Natura ha deciso di apporre la propria volontà nell'ossidazione dei materiali, modificando le immagini nel tempo e facendo così perdere subito dopo la creazione la maternità dell'artista.

 

Questo - come è chiamato dall'artista - "reportage fantastico in un posto immaginario" assomiglia a una mappa per perdersi e non per trovarsi; non è fissa, è una mappa mobile, che cambia inaspettatamente le sue vie, le sue strade e i suoi percorsi, come la vita. Non sapremo mai dove ci condurrà, non è sicura, è una mappa dell'immaginario, senza bussola e coordinate, e nel confonderci potrebbe condurci in luoghi sconosciuti, inesplorati, accessibili solo a noi stessi.

 

Sabato 21 Aprile alle ore 20, la serata inaugurale sarà arricchita dalla particolare proiezione su veli del video SUHUB/NUVOLE nel quale verranno narrate per immagini "Mille storie in una notte".

 

 

Auronda Scalera

Biografia

Monica Di Brigida è nata a Roma, dove vive e lavora.

Si occupa da anni di produzione e progettazione visiva applicata all'editoria e alla grafica ed è specializzata come ricercatrice fotografica e photo editor.

Nel 2007 le dedicano due personali: Fotoroma e Torretta Valadier (Roma).

Espone al prestigioso festival "Lens Based Art Show” di Torino, allo Spazioottagoni di Roma; presso Bloomsbury Auctions Palazzo Colonna, Roma; alla Galleria GARD, Roma.

All’estero ha esposto le sue opere a Berlino nel 2011 nella collettiva “il filo d’acqua” e a New York “XX Women, Made in South of Italy” presso l' Onishi Gallery. Il progetto “Signofsound” è stato esposto sempre a New York presso la Rush Arts Gallery.

 

 

INFORMAZIONI TECNICHE

 

SUHUB/NUVOLE

Sabato 21 Aprile – Giovedì 24 Maggio 2012

 

Inaugurazione: Sabato 21 Febbraio dalle ore 18

Preview stampa: Sabato 21 Febbraio alle ore 16

 

Home Gallery wo-ma'n

7° piano - Via Pietro Ruga 24, Roma (zona Pigneto)

Per visitare la mostra: citofonare int. 19

oppure chiamare Marta: 328 92 92 135

o Wolfango: 339 61 11 009

 

 

Sito: www.flatinexpo.org

Facebook: wo-ma’n

Email: press@flatinexpo.org

 

 

Con la partecipazione straordinaria di: 

Scattosciolto nasce a Roma dall'idea di incontrarsi, raggiungere e condividere gli eventi artistici della capitale in sella ad una bicicletta. Alla ricerca di fermenti artistici contemporanei promuove mobilità dolce tra le vie della città.

Facebook: scattosciolto cycle

Data Inaugurazione: 
Sabato, 21 Aprile, 2012 - 18:00
indirizzo sede: 

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 628 visitatori collegati.

Informazioni su 'homegallery woman'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)