Strati(y). Un progetto fotografico di Nataliá Trejbalová

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

 

"Strati” è una parola che, trasportata in due lingue diverse, può assumere significati contrapposti: se in italiano raffigura l'accumulo, in slovacco “straty” sta a significare la perdita. È attorno alla convivenza tra questi concetti opposti che di sviluppa l'omonimo progetto fotografico di Nataliá Trejbalová, in esposizione a Elastico dal 10 al 22 ottobre 2011.
 

Strati(y) è infatti una selezione di foto scattate in analogico in cui domina la tecnica dell'esposizione multipla: accumulo di immagini diverse, appunto, ma anche perdita delle caratteristiche originarie di ciascuna inquadratura.
 

Quest'ambivalenza di significato si riflette anche sull'utilizzo che Natalia fa dello strumento fotografico, che si fa mezzo per esplorare e sperimentare la realtà: le esposizioni multiple rivelano come ogni soggetto possa essere visto e indagato da diversi punti di vista, spesso sorprendenti.
 

Ad Elastico, sarà esposta una selezione degli originali, stampati in formato 30x45; altre immagini facenti parte di Strati(y) saranno proiettate alle pareti, tracciando così un percorso dinamico. Per l'occasione, FacchinX2 (Elastico+Serendipità) ha stampato un'autoproduzione in collaborazione con Cristina Portolano.

 

 

Nataliá Trejbalová

Nataliá Trejbalová nasce nel 1989. Frequenta il liceo bilingue italiano/slovacco di Bratislava. Attualmente studia all'Accademia di belle arti di Bologna. Lavora con il disegno, la pittura e la fotografia. “Strati(y)” è la sua prima personale.

Data Inaugurazione: 
Lunedì, 10 Ottobre, 2011 - 20:00

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 603 visitatori collegati.

Informazioni su 'fragilecontinuo'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)