Sonya Orfalian - Homo sine pecunia est imago mortis

Sonya Orfalian - Homo sine pecunia est imago mortis

Titolo

Sonya Orfalian - Homo sine pecunia est imago mortis

Inaugura

Giovedì, 25 Ottobre, 2012 - 18:30

Artisti partecipanti

Sonya Orfalian

Presso

Galleria-laboratorio Whitecubealpigneto

Comunicato Stampa

La Galleria Whitecubealpigneto inizia la programmazione 2012/13 presentando la mostra di Sonya Orfalian che affronta un tema di stretta attualità “il denaro”.

Le raffigurazioni sulle monete antiche intendevano rappresentare in modo diretto la potenza del sovrano, spesso paragonato a divinità. La sacralità delle divinità spesso coincideva con quella del re, che divenuto “idolo” veniva scambiato portando con sé un valore oltre che materiale anche spirituale, legato alla sfera simbolico-religiosa delle società. I simboli che compaiono sulle monete rendono privilegiati chi le possiede: chi ha monete, ha idoli portatili.

“La banconota americana da un dollaro – come afferma Emilio Gentile nell’introduzione a Le Religioni della Politica – è un simbolo religioso in senso letterale”, in quanto è l’effige sacra della religione civile, moderna espressione della democrazia. Coloro che si occupano della strategia del denaro, economisti e operatori finanziari, ne sono i sacerdoti.

Il progetto di Sonya Orfalian pone attenzione a questi simboli, realizzando un video ed estraendo da questo degli stills che saranno poi stampati e disposti sulle pareti della galleria.
Con la cancellazione delle immagini la relazione tra le varie figure presenti perde consistenza, evidenziando la perdita del significato simbolico del denaro.

Sonya Orfalian, artista, scrittrice e traduttrice, figlia della diaspora armena attinge forza dalla storia del suo popolo. Affrontando l’argomento con austerità profonda evita accuratamente qualsiasi tratto ironico consegnando solennità al tema trattato.

Homo sine pecunia est imago mortis

Si usa per suggerire che chi non ha mezzi viene evitato da tutti come di fronte alla morte.
Un uomo quindi che non scambia denaro è un uomo che evoca la morte, e che non stimola i rapporti sociali.
La mancanza di denaro suscita quindi nell’uomo un tumulto di oscure emozioni toccando i punti più sensibili della sua coscienza primordiale: la fame primigenia, l’istinto di sopravvivenza, la morte.

Vernissage: giovedì 25 ottobre 2012, ore 18,30.
La mostra prosegue fino al 7 dicembre 2012.

Galleria-laboratorio Whitecubealpigneto
Via Braccio da Montone 93 Roma
Orari: lunedì-venerdì dalle ore 17,30 alle 20
tel. 3342906204
lastellina05@gmail.com
www.whitecubealpigneto.com

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 864 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)