Sogni di zucchero

Sogni di zucchero

Titolo

Sogni di zucchero

Inaugura

Sabato, 5 Maggio, 2012 - 19:00

A cura di

David Vecchiato e Serena Melandri

Artisti partecipanti

EDWARD ROBIN CORONEL

Presso

MondoPOP international gallery

Comunicato Stampa

Dal 5 Maggio al 2 Giugno MondoPOP presenta “Sogni di Zucchero” una mostra personale di Edward Robin Coronel.
Sogni di Zucchero è costituita da piccole opere - con un nuovo gruppo di personaggi, unici, increspati, pelosi, che amano i dolci, le insalate, i vizi e la carne. L'immaginazione di Coronel è stratificata, il suo processo pittorico consiste nel riportare in vita le personalità e i pensieri interiori della sua nuova collezione di personaggi.
Sono gli animali i protagonisti assoluti delle opere di Coronel, gli esseri più dolci che molto spesso accompagnano il nostro percorso quotidiano e lo rendono meno pesante con le loro coccole i loro giochi ed il loro amore incondizionato. Animali golosi, animali che molto spesso viziamo con cibi prelibati appositamente confezionati per loro, e perché no animali sognanti. I loro sogni sono più semplici dei nostri perché per loro fortuna, anche se non tutti, non affrontano i problemi che la società civile ogni giorno ci presenta. Sognano un dolcetto, una carezza del padroncino o di correre con gli amici in campi sterminati e fioriti a primavera.
Questa mostra di Edward Robin Coronel fornisce un esempio di come l’arte possa rappresentare anche la semplicità e l’innocenza, dove la violenza non è contemplata e ogni spettatore non può fare altro che accennare un sorriso alla vista di ognuno di questi manufatti.
La tenerezza dei volti, la ricercatezza degli indumenti, insieme ad una linea di contorno sicura e sinuosa sono tenuti insieme da una salda ricerca prospettica, fatto sorprendente se si considera che l’artista è un autodidatta.
Il fondo scuro mette ancora di più in risalto i soggetti e l’analisi introspettiva che l’artista vuole dare dei suoi personaggi peluches, essi sono parlanti e comunicano con gli spettatori attraverso la loro apparenza figurativa. Le cornici debitamente accostate a questi piccoli quadri contribuiscono all’effetto d’insieme di calibrata eleganza e perizia coloristica.
I fumetti ed i cartoni animati sono la prima fonte d’ispirazione per l’artista, il quale però colloca i suoi personaggi in una sfera contemporanea dove gli animali si atteggiano a persone o le persone si rivedono negli animali. Nei vizi e nel buon cibo la differenza fra i due generi cessa di essere una barriera e diviene una similitudine.
I “Sogni di Zucchero” non possono essere che sogni positivi, mai incubi, come del resto la dolcezza dei protagonisti non lascia mai la scena ad esseri mostruosi.
Lasciamoci andare a queste immagini accattivanti che ci riportano all’infanzia quando in mancanza di un “pet” da coccolare ed amare ci accontentavamo di un peluche!
L’amore per gli animali e le immagini ottimistiche che dominano incontrastate nelle opere dell’artista americano non presentano nulla di più da decifrare, questa è un tipo di arte esclusivamente emozionale e poco o nulla bisogna ricorrere alla decodifica percettiva, non essendo presenti significati latenti. In questo caso l’immagine è al tempo stesso significante e significato nella creazione artistica di Coronel.
I colori acrilici e l’inchiostro vengono adoperati sulle tele con un ductus pittorico abbondante e pastoso e stesi in strati sovrapposti; molto spesso il colore ricopre anche i busti dei protagonisti per mettere ancora di più in risalto le peculiarità dei volti dei vari personaggi rappresentati con smorfie o sorrisi.
Sogni di Zucchero sarà la prima mostra personale di Edward Robin Coronel in Europa.

***

“Originario delle Filippine, il lavoro accattivante di Edward Robin Coronel non è solo bello, ma è anche piuttosto sentito e toccante. Facendo riferimento ai personaggi infantili disegnati a mano da Coronel, le opere di questo artista autodidatta ci riportano ad un tempo più innocente e rappresentano una boccata d'aria fresca in una scena artistica troppo spesso attinente alla sessualità e alla violenza occasionale. "
- Ken Harmon, Hi-Fructose blog 21/01/2011

***
Mostra personale di: Edward Robin Coronel
Edward Robin Coronel è nato a Quezon City, nelle Filippine, ma ad un anno d‘età è giunto con i genitori in un sobborgo di Chicago, dove è cresciuto. All’inizio è stato cresciuto da sua nonna materna. Ha vissuto insieme ai genitori, una nonna paterna, 5 zie materne, una sorella in una casa di tre camere da letto, sotto lo stesso tetto. A volte uno zio o due si sono aggiunti per qualche tempo. Edward comincia a rifugiarsi in un mondo tutto suo, fatto di libri, cartoni animati (quelli del sabato mattina quando poteva vederli) e i cartoon disegnati da lui stesso. I suoi personaggi avevano avventure con Captain Caveman, Merle Stubbing (dalla Love Boat) e Ms. Garrett (Facts of Life). Edward non ha una seguito nessuna scuola d‘arte, ma non ha mai smesso di disegnare. Dopo gli studi in biologia all’Università dell’Illinois e 14 anni passati a lavorare per una casa farmaceutica ora si è preso una pausa e si dedica alla sua carriera artistica. È sordo dall’orecchio sinistro. A volte potrete trovarlo mentre fa volontariato presso l‘Austin Humane Society oppure mentre corre per i sentieri del Lady Bird Lake. Ma ciò che ama di più è disegnare, dipingere, lavorare nel giardino e giocare con i suoi cani Frankie & Max.
Edward ha esposto le sue opere alla La Luz de Jesus, Copro Gallery, WWA Gallery, Distinction Gallery, Curly Tale Fine Art, Mondo Bizzarro Gallery and MondoPOP Gallery. Vive e lavora ad Austin, Texas.
Come sempre a MondoPOP lo show verrà salutato da una vernice giocosa in cui sarà presente anche l’artista

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 542 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)