Sélection Comparaisons

Sélection Comparaisons

Titolo

Sélection Comparaisons

Inaugura

Sabato, 30 Giugno, 2012 - 19:30

A cura di

Izabella Lubiniecka e Virgilio Patarini

Artisti partecipanti

Riccardo Licata, Michèle Destarac, Jean Jacques Lapoirie, Neuville, Anne Moser, Chantal Roux.

Presso

Galleria Zamenhof

Comunicato Stampa

S’inaugura sabato 30 giugno alle ore 19.30 la mostra “Sélection Comparaisons”, a cura di Izabella Lubiniecka e Virgilio Patarini, sotto l’egida di Paul Alexis, presidente del Salon Comparaisons, e con la collaborazione di Michèle Destarac, Jean Jacques Lapoirie, Neuville, Anne Moser, Chantal Roux.

Super vernissage con concerto-spettacolo e viaggio in battello
Questo il programma del vernissage:
Ore 19.30 ritrovo all’Atelier Chagall, Alzaia Naviglio Grande 4, per vedere la mostra “Oltre”, 17 artisti coreani, e per prendere il battello.
Ore 20.00 breve viaggio sul battello dall’Atelier Chagall alla Galleria Zamenhof con performance teatral-musicale
Ore 21.00 inaugurazione mostra “Sélection Comparaisons” alla Galleria Zamenhof con concerto-spettacolo dei “Rain Dogs in the Fog”

In mostra alla Galleria Zamenhof di Milano e poi al Castello di Carlo V a Lecce (dal 20 luglio al 12 agosto) e a Palazzo Zenobio a Venezia (dal 18 al 29 agosto) 88 opere selezionate di altrettanti artisti del prestigioso “Salon Comparaisons” che si svolge ogni anno a Parigi, al Grand Palais.
Ospiti d’onore Jean Madec, socio fondatore del Salon e storico capo-gruppo e Riccardo Licata, fondatore all’inizio degli anni Cinquanta del Gruppo “Segni e Tracce”.

Il Salon Comparaisons è ritenuto negli ambienti parigini il più interessante e prestigioso dei Salons che si svolgono al Grand Palais o in altre sedi istituzionali della capitale francese. Nato agli inizi degli anni Cinquanta con lo scopo di “comparare” pittura figurativa e astratta, è erede ideale dei grandi Salons storici di cui ha scritto Baudelaire, o dei Salons degli Impressionisti.
Negli anni vi hanno esposto artisti del calibro di Picasso, Tapies, Arman, Yves Klein, Max Ernst, Villegle, Vasarely, Mimmo Rotella, Man Ray, Salvador Dali, René Magritte, tanto per fare solo alcuni nomi. La caratteristica più interessante di questo Salon è che si tratta a tutti gli effetti di una mostra di mostre: una sorta di gioioso, fertile confronto tra differenti tendenze artistiche. Il Salon infatti è diviso in gruppi capitanati ciascuno da un artista di fama riconosciuta il quale seleziona una quindicina di artisti “omogenei” che vanno a dare vita ad una serie di vere e proprie mostre tematiche, tra quelle più rappresentati nel tour italiano segnaliamo: il gruppo di Paul Alexis “Memorie incrociate”, il gruppo fondato da Licata e ora diretto da J.J. Lapoirie“Segni e tracce”, il gruppo di Chantal Roux “Ritorno d’emozione”, quello di M. Destarac “Astrazione lirica”, “Realtà seconda” di Anne Moser e “Gesto e sintesi” di Neuville.

Per questo tour di mostre in Italia, infatti, Virgilio Patarini e Izabella Lubiniecka hanno selezionato tra gli oltre 400 artisti del Salon del 2011 cinque gruppi e una ventina di artisti sparsi, per un totale di 88 opere di altrettanti artisti: opere ed artisti che rappresentano uno spaccato particolarmente significativo per qualità e originalità di tutto il Salon- Sono stati invitati come ospiti d’onore due personaggi storici ed emblematici del Salon: Jean Madec e Riccardo Licata. Jean Madec è stato uno dei fondatori del Salon e fino al 2010 uno dei capi-gruppo più autorevoli. L’italiano Riccardo Licata, che come molti sanno ha ereditato a Parigi, all’Accademia di Belle Arti, la cattedra di mosaico che fu per molti anni di Gino Severini, è stato uno degli animatori del Salon nel seno del quale ha fondato il Gruppo “Segni e Tracce”.

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 513 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)