RED RAIN 2012

RED RAIN 2012

Titolo

RED RAIN 2012

Inaugura

Venerdì, 11 Maggio, 2012 - 22:00

Presso

KM97

Comunicato Stampa

Si inaugurerà al KM97 la seconda tappa della mostra Red Rain, dell’artista leccese Evertrip. La mostra sarà disponibile alla visione per un mese negli spazi di Via della Ferrandina.

La Serie Red Rain nasce nel giugno del 2010, a seguito delle repressioni a Roma dei manifestanti terremotati d’Abruzzo. Un’immagine esce fuori dallo strazio mediatico: un uomo con la faccia completamente ricoperta di sangue. Ha appena ricevuto una manganellata in pieno cranio, e sta cercando di ripulirsi come può, usando la sua stessa maglietta. La colpa è di aver protestato. 

Parte così la ricerca personale dell’artista su l’uso della violenza dello stato su chi manifesta e si ribella, ottenendo solo rosso come risposta. Rosso fluido che incarna passione,  forza, o la stessa energia della vita, che in certi casi abbandona il corpo.

Leggiamo dal testo critico di Olga Sgobio:

“(…)Red Rain viene strappato ai contesti ovvi quali rabbia, passione e politica per essere incanalato in una nuova visione. Se il rosso è il colore del sangue che scorre nelle nostre vene e pompa nel nostro cuore allora non è solo violenza ma è vita, come ribadisce l’artista “linfa vitale”

La mostra è partita l’anno scorso nello spazio espositivo Piscinacomunale di Milano, e ha avuto un notevole successo da parte del pubblico. Oggi Red Rain viene riproposta qui, negli spazi di KM97 a Lecce.  Si ripete un’esperienza estetica dove il protagonista non è affatto la brutalità, ma la forza delle idee, della vita che si eleva nella sua più splendida dignità anche nel momento ultimo.

In fondo – dice lo stesso Evertrip, ironizzando – Siamo tutti rossi, dentro.

 

Su questi presupposti, il progetto incontra la poetica del gruppo musicale ZweiSamKeit, che inaugureranno la mostra con un concerto live.

Pugliesi con base nel Salento, gli Zweisamkeit sono un gruppo in controtendenza rispetto alla scena culturale della zona dalla quale provengono, potendo sfoggiare un'estetica sonora che annovera, tra le influenze più evidenti, l'elettronica essenziale dei Suicide, la melodia contaminata dei Radiohead, il mood dei Joy Division, fino ad arrivare al pionierismo sonoro con incursioni nel cantautorale di Franco Battiato e il punk espressionista degli Einsturzende Neubauten.
La loro esperienza come produttori no-budget viene messa totalmente a frutto in un lavoro dove la musica figlia di new-wave e psichedelia viene vestita da un elettronica lo:fi che riesce a far coesistere il paradosso di una società meccanica e disumanizzante con una sostanza difettosa, imperfetta ma proprio per questo umanissima.

 

Paolo Ferrante nasce a Galatina (LE) nel 1984. Dal 2006 adotta lo pseudonimo di Evertrip.

Inizia il suo percorso artistico come pittore e poeta, oscillando tra mostre e antologie letterarie,

esperienze che lo porteranno come soluzione finale a pubblicare la silloge illustrata "Le commedie

del Buio" (Kipple Edizioni, 2008).

Attualmente collabora con gli spazi Ars&Art Gallery, Piscinacomunale, B-art contemporary e i

Magazzini Criminali.

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 514 visitatori collegati.

Informazioni su 'Evertrip'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)