DÉRIVE il fantastico viaggio di Yuna Moret

DÉRIVE di Yuna Moret

Spesso accade che pronunciando semplici parole, ci siano degli ambiti circoscritti del   significato. Se proviamo ad utilizzare il termine Deriva, capiamo subito come,  una parola così semplice, possa trovare applicazione in una moltitudine di campi e situazioni, diverse   tra loro.
La  giovane artista francese Yuna Moret  attraverso la mostra, DÉRIVE è riuscita a sviluppare e presentare in una quantità diversificata di lavori che, trattando problematiche differenti, mediante opere pittoriche, istallazioni, sculture ed  incisioni, riescono a non discostarsi  da quella  Deriva, che l’uomo contemporaneo si è autogenerato.
L’esposizione visitabile  fino al 16 giugno presso gli spazi  del Marte Mediateca di Cava de Tirreni, è stata realizzata  in collaborazione con la FAP, Fondazione Aurelio Petroni, residenza che, nel corso del 2013   ha ospitato l’artista francese.  

Deriva concretizza la volontà di Yuna di voler lasciare un segno un ricordo attraverso il suo lavoro, come tutti quegli elementi che attraggono e allo stesso tempo angosciano l’artista stessa. La Moret afferma di amare l’acqua, il vento, tutto ciò  che passa, che  scorre lasciando una scia, in maniera violenta o delicatamente, ma consapevole del non  ritorno di tali passaggi,  se non nella memoria.
Il concetto e la ricerca di Deriva si ergono su tutti quei cambiamenti riguardanti gli assetti sociali, politici, geopolitici, geografici, poetici, ma anche gli spostamenti delle placche tettoniche, arrecanti  attraverso vibrazioni superficiali una radicale trasformazione della composizione generale.
L’artista definisce Deriva come un vero e proprio giro del mondo, “limitato” perché basato solo sul suo punto di vista. Ma rendendo il viaggio  accessibile a tutti, il tutto assume una lunghezza  maggiore, perché arricchita di visuali  differenti, grazie al posizionamento dello  spettatore dinnanzi all’opera. Ecco dischiudersi  una sconfinata finestra universale.

In mostra è possibile ammirare le istallazioni di grande formato, in  cui è richiesto esplicitamente al visitatore di interagire, lasciarsi immergere dalle emozioni in continuo movimento, affinchè possano decorrere senza mai fermarsi. I continenti immaginati dall'artista nelle istallazioni, si presentano dalla perfetta composizione cromatica e rappresentativa, ad impatto imprimono un piacevole sapore nostalgico, con rimandi a quelle influenze contemporanee a cavallo degli anni ‘70, in cui  l’accentuazione  della dimensione mentale  prevaricava rispetto al manufatto. L’arte come consapevolezza del proprio pensiero e non espressamente come fisicità dell’opera. Dopo il primo impatto, l’opera fatta propria  dallo spettatore,  permette di riconoscere l’individualità  indiscussa di Yuna Moret.
In sequenza è altrettanto gradevole  soffermarsi sui lavori preparatori, preludio di “Deriva” che insieme alle innumerevoli incisioni, disegni e sculture, fanno dell’intera  produzione un ciclo senza eguali.
La mostra dall’allestimento impeccabile, dallo stile sobrio e raffinato, rispecchia totalmente la personalità dell’artista stessa, che con maniacale disinvoltura, e con  accorgimenti minimali, muove sulla sua scacchiera  le pedine  vincenti di un’arte sul filo del rasoio. Tra un classicismo  estroverso e un  concettuale dal carattere poderoso,  Dérive è la realizzazione di un “sogno – progetto”  dal complesso spessore intellettuale.

Yuna Moret dall’inizio del 2013 è accolta in residenza presso la fondazione Aurelio Petroni di S. Cipriano Picentino (SA).  Conosciuta anche come FAP, La fondazione è un progetto di arte contemporanea che nasce intorno ad uno spazio. È un’istituzione operante da alcuni anni con lo scopo di promuovere le forme artistiche emergenti e sperimentali. La Fap  è una residenza artistica, un laboratorio fertile e vitale, un ponte per l’osservazione e l’interpretazione di un territorio. Dal 2011 la FAP fa parte della rete di residenze artistiche italiane Art in Residence  ed internazionali Res Artis.

 

Deriva
di Yuna Moret
dal 24 maggio al 16 giugno 2013

MARTE mediateca arte eventi
C.so Umberto I, 137
Cava de' Tirreni (SA)
Info: 089 94 81 133
www.marteonline.com - info@marteonline.com

Fap “Fondazione Aurelio Petroni”
Largo Francesco Petrone
San Cipriano Picentino (SA),Italy
Via Silvio Spaventa 84, 84099,
+39 333 9551076
info@fondazionepetroni.org

 

 

 

 

 

Massimiliano Alberico Grasso

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 1042 visitatori collegati.

Informazioni su 'Massimiliano Alberico Grasso'

Metti il tuo post in evidenza

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)