Il silenzio di Satie

Quanto fascino nella figura di Satie. Compositore parigino, vissuto a cavallo tra 800 e 900, che incanta con la delicatezza delle sue melodie, sospese e inafferrabili. Pone l'accento sul "non suonato". E nel silenzio equilibra l'emozione della musica.

Grande collezionista di ombrelli, che teneva rigorosamente nascosti. Così come di abiti di velluto, che possedeva in enormi quantità. Tutti uguali.

"Sai, bisognerebbe creare della musica d'arredamento, cioè una musica che facesse parte dei rumori dell'ambiente in cui viene diffusa, che ne tenesse conto. Dovrebbe essere melodiosa, in modo da coprire il suono metallico dei coltelli e delle forchette senza però cancellarlo completamente, senza imporsi troppo. Riempirebbe i silenzi, a volte imbarazzanti, dei commensali. Risparmierebbe il solito scambio di banalità. Inoltre, neutralizzerebbe i rumori della strada che penetrano indiscretamente dall'esterno"

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 397 visitatori collegati.

Informazioni su 'Beatrice Parodi'

Metti il tuo post in evidenza

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)