Beatrice Parodi: inaugurata collezione di biciclette storiche a Sanremo

artisti, gallerie, mostre, eventi, artistici, articolo di arte

Grande successo per la collezione di biciclette storiche di Beatrice Parodi, Presidente del Gruppo Cozzi Parodi e famosa imprenditrice Ligure, da sempre impegnata sia sul versante economico che sociale e culturale.

L'evento ha avuto luogo nei suggestivi ambienti dell'Hotel De Paris di Sanremo, gioiello Liberty che abbraccia con la sua architettura ed arredamenti.

Cultura tradizione arte ed economia sono stati protagonisti di un allestimento curato nei minimi dettagli.

 

L’idea di Gianni (On. Gianni Cozzi, compianto marito Ndr) – spiega l’imprenditrice Beatrice Parodi – era quella di affiancare la Cycling Riviera a monumenti di interesse storico-culturale, quindi a un museo destinato ad accogliere la sua collezione privata di biciclette storiche che potesse esaltare il valore dell’infrastruttura. Il progetto oggi ha assunto nuova forma e invece di un museo, abbiamo deciso di portare la collezione in giro per il mondo attraverso una mostra itinerante. L’intento è quello di promuovere il nostro territorio, dalle sue strutture all’enogastronomia e alla floricoltura”.

 

La qualità e rarità delle biciclette storiche esposte hanno attratto appassionati da tutto il mondo.

La bicicletta ha subito negli ultimi dieci anni una vera e propria rivoluzione di forma e tecnologia, ed è riuscita ad entrare nel cuore di sempre più persone.

Inestimabaile il valore che può avere scoprire l'origine di questo mezzo a motore umano. Ed anche i prototipi più originali che celebrano i tentativi di snaturare la bicicletta a cui siamo abituati. 

 

Tra i modelli originali della collezione On the bicycle, possiamo annoverare un primo esemplare di Michaudine datato 1868, un velocipede nato dall’intuizione del giovane Ernest Michaux di applicare un sistema a pedali sulla ruota anteriore, forme ed evoluzione che passano dalle grandi ruote del biciclo, al triciclo di fine 800. Ma ancora tandem, le reclinate e alcuni esemplari sperimentali, per arrivare a modelli più recenti risalenti al 1988 con una delle bici considerate futuristiche per l’epoca, creata appositamente per Francesco Moser in occasione del tentativo del record dell’ora indoor.

 

 

Informazioni su 'Viola Vittorini'