paesaggio inconcluso

Acrilici su tela, 97x97 Cm.

Per le macchine... è progettato il nostro mondo contemporaneo, non per gli umani.
Basta camminare per un’ora soltanto, in una qualsiasi periferia, per provare una sensazione di spaesamento, nervosismo e disagio; sensazioni che guidando una macchina non si percepiscono se non in parte. Il mondo antropizzato in funzione delle macchine è ormai un paesaggio consolidato e nello stesso tempo irrisolto. Non siamo ancora stati in grado di trovare soluzioni congeniali tra il paesaggio e la funzionalità, bisogni più o meno reali e consumo di suolo. In ogni modo, viviamo in un ambiente di caos architettonico che non possiamo evitare e non riusciamo a correggere, se non in minima parte. È umano, cercare comunque un’armonia visiva e sensata, in una realtà da cui non si può fuggire in nessun modo.

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 3 utenti e 587 visitatori collegati.

Informazioni su 'MarcoTeatro'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)