Omaggio a John Cage

Omaggio a John Cage

Titolo

Omaggio a John Cage

Inaugura

Venerdì, 21 Settembre, 2012 - 21:00

A cura di

C. Giummo-B.Jandolo

Artisti partecipanti

Maria Agata Amato/Carmelo Giummo, Antonio Caranti, Lamberto Caravita,
Roberto Costa, Lucia Govoni, Adele Jandolo, Benedetta Jandolo, Angela Marchionni,
Stefano Nanni, Cristina Oggioni, Rossella Ricci

Presso

Modoinfoshop

Comunicato Stampa

Nel centenario della nascita di John Cage – genio del 900, musicista (e filosofo), esponente delle avanguardie storiche che hanno cambiato il fare musica concentrando l’interesse sui suoni della quotidianità e, dunque, della vita – alcuni artisti hanno sentito la necessità di rendere omaggio proponendo la propria ricerca storico-visiva. L’interessante utilizzo di linguaggi estremamente diversi– vecchi filmati, fotografie, dipinti, disegni ecc. -danno vita ad un itinerario percorribile solo con il pensiero rivolto alla memoria che ci conduce alla maggior consapevolezza di quanto tutto ciò sia ancora presente.

VIDEO:
Roberto Costa: Li`, La`, Lu`,La`La`,La - Bas ! - 8mm 1972- 78 durata 8'52”
Benedetta Jandolo / Letizia Rostagno: J C H (John Cage Hommage) 2012, durata 4’22”
Angela Marchionni: Silenzio attonito – durata 1’00”

LIBRI:
Maria Agata Amato/Carmelo Giummo - Libro d'Artista 1978 Schiudere la gabbia      
Antonio Caranti – Libro d’artista-  1972/2012 Quarant’anni – cosa è cambiato????
Lamberto Caravita – Libro d’artista 1975, così l’Italia … brucia
Roberto Costa – libro d’artista 1976-
Lucia Govoni – Libro d’artista 1971- Deriva
Adele Jandolo – Libro d’artista 1974 -Ma il nostro è uno Stato libero?
Benedetta Jandolo -Libro d’artista 1978 – Memory box
Angela Marchionni –Libro d’artista 1977/79 da "Una maschera per l'11 marzo" 13.4.77
Stefano Nanni – Libro d’artista 1970 –Passare all’offensiva
Cristina Oggioni- Libro d’artista 1976- "Fermate il mondo, voglio scendere”
Rossella Ricci –Libro d’artista 1976 - Ballata Popolare
 
 
L’intera esistenza di John Cage è stata un ininterrotto creare, inventare, costruire, accumulare. Ma, se consideriamo l’intero arco del suo ricercare è evidente che egli ha forse semplicemente ‘svelato’, con un piglio sereno e deciso, cosa può/deve avvenire nella costruzione e soprattutto nella fruizione dell’arte. Rubricato come musicista (uno dei più grandi del 900) Cage, in realtà, si è interessato, e mai in modo istrionicamente superficiale, all'architettura, alla pittura, alla poesia al teatro. Alla matematica e alla geometria. Alla danza e alla filosofia. Alla politica e alla società. Tuttavia, poiché non poteva non collocare l’arte nella topografia essenziale di tempo e spazio, Cage trasferisce dentro la musica (arte per eccellenza) tutte le sue esperienze e ricerche affermando la necessità del creare-come-esistere senza fini e obiettivi. Fuori dalla linearità, fuori dall’emozione, fuori dalla ‘gabbia’ cui il suo cognome stesso poteva condannarlo (nomen-omen?) come uomo e come artista. Ecco perché ci invita costantemente ad uscire fuori dalle coordinate stabilite dalle convenzioni dell’arte additando prospettive, anche assurde, di creazione, performance e soprattutto chiedendo al pubblico di guardare-ascoltare in modo assolutamente nuovo e attivo.
Una cosa fra tutte ci insegna John Cage: che il silenzio è condizione del suono anzi è di fatto materiale sonoro perché del suono crea l’attesa, la sospensione. E se aspettiamo il suono di uno strumento che non arriva mai, magari impareremo ad ascoltare i rumori delle stanze, degli oggetti, il crepitio della carta, gli scricchiolii del legno, il ritmo del cuore che batte, del sangue che scorre. Cancelleremo la distinzione tra rumore e suono.
Nel 1952 Cage compone 4'33”, per qualsiasi strumento (o ensemble orchestrale). La composizione prevede che lo strumento non venga suonato. La sostanza esecutiva dell'opera quindi è un'operazione teatrale più che musicale che coinvolge l’ambiente circostante e il pubblico. Cage leggeva il titolo come ‘4 minuti e 33 secondi’, e addirittura divise l’opera in tre movimenti: il primo di 30 secondi, il secondo di 2 minuti e 23 secondi, il terzo di 1 minuto e 40 secondi. Il totale ci dà 4 minuti e 33 secondi di silenzio. La somma dei secondi (273) è forse un richiamo alla temperatura dello zero assoluto (-273,15 °C) temperatura a cui ci si può solo approssimare senza raggiungerla mai. Come non è possibile arrivare allo zero assoluto è altrettanto impossibile trovare il silenzio assoluto. Il silenzio in realtà non esiste. Il suono è sempre presente: proviene dal corpo, dall'ambiente circostante. I rumori imprevedibili e sempre diversi, interni ed esterni alla sala da concerto, inclusi il mormorio del pubblico o i suoni della natura o della tecnologia se la performance avviene all’aperto negano l’esistenza del silenzio. La non-performance dello strumento musicale, ci induce ad ascoltare l'ambiente in cui ci si trova e a far nostra una nuova attitudine ad ascoltare il mondo. È l'intenzione e l’atteggiamento di chi ascolta che può dare a qualsiasi ‘cosa’ il valore di musica, di ‘opera’. In questo modo John Cage mette in discussione i fondamenti stessi della percezione, in consonanza con numerosi artisti concettuali degli anni 50 e 60. Uno dei modelli riconosciuti di 4'33” è Robert Rauschenberg, il pittore suo amico, che nel 1951 produsse una serie di quadri bianchi, che cambiano a seconda delle condizioni di luce dell'ambiente di esposizione.
CARMELO GIUMMO

 

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 434 visitatori collegati.

Inaugurano Oggi

Panettone Party 2017

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea A cura di: Ornella Piluso
Con: Tra gli artisti presenti alla mostra: Lucia Abbasciano - Ornella Bonomi -...
Presso: Società Umanitaria

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)