Nuove connessioni urbane Univercity

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

 

NUOVE CONNESSIONI URBANE UNIVERCITY 2011

Nuove Connessioni Urbane. Una società in continua evoluzione in cui le connessioni si modificano, si alterano influendo in maniera sostanziale sul tessuto della realtà urbana. I paesaggi vengono stravolti, vecchi residenti si connettono con nuovi cittadini diversi da loro per etnia, modo di pensare, modo di agire. È il caso di Prato: una città dove la crisi ha chiuso e speriamo riaprirà nuove strade, strade percorse ora da persone di ogni continente che necessitano di altre connessioni per riuscire a interagire con la realtà storica della città. La cultura come possibilità positiva per far fronte ai cambiamenti in atto, per una migliore comprensione in una società multietnica, per non perdere i giusti riferimenti in un paesaggio mutevole.

Ignazio Fresu per realizzare le sue opere si serve prevalentemente di scarti di lavorazioni industriali e di residui delle attività di consumo: ciò al fine di testimoniare sia lo spreco che la civiltà moderna produce inutilmente, sia la possibilità di creare da queste montagne di rifiuti un mondo nuovo. Le sue creazioni nascono da lamiere di metallo, da tubi e da tessuti che vengono trattati con tecniche particolari (come per esempio l’utilizzo di polvere di minerali) e sottoposti a processi di ossidazione. Il pensiero dei primi filosofi greci (in particolare quello di Eraclito), e il Pensiero Debole di Gianni Vattimo costituiscono il “tappeto” filosofico sul quale si sviluppa l’umanesimo di Ignazio Fresu. Tra le molte esposizioni a cui Ignazio Fresu ha partecipato in Italia e all’estero: partecipazione alla 52esima Biennale di Venezia nel 2007 con Nothing Lasts Except Change (Spazio Eventi, Libreria Mondadori), RE-ART One a Nairobi – Kenia – nel 2006 (progetto realizzato da UNESCO, è una mostra che ha viaggiato in tutto il mondo), Installazione presso il Palazzo Comunale di Siena nel 2008.

www.ignaziofresu.it

 

L’opera che presenterà per la mostra Nuove Connessioni Urbane si intitola “Ombre di Viandanti”. Un’umanità in cammino nella propria identità e molteplicità. Ombre che appartengono a questo nostro tempo nelle proprie diversità accomunate da un medesimo destino a cui abbiamo sempre appartenuto. Ombre di un tempo e di luoghi che ci sembrano lontani, sono qui, ci ricordano il nostro passato e le recenti trasmigrazioni dei popoli, le nuove e le vecchie persecuzioni delle umanità. Sono le Nuove Connessioni Urbane.

 

Gloria Campriani è un’artista che si ispira alla corrente “Fiber Art”. La base della sua ricerca è il rapporto con la natura e il rapporto dell’uomo con le trasformazioni sociali. Il filo è il suo linguaggio, viene lavorato con colori acrilici e stucco ad acqua e quindi modificato nella sua plasticità; filo inteso come mezzo di connessione, di concatenazione e legame di eventi, che si unisce, si intreccia con altri fili. L’artista inoltre aderisce a progetti finalizzati alla comprensione, valorizzazione e diffusione dell’arte contemporanea anche all’interno delle scuole e aziende sanitarie (Asl), mettendo in relazione quattro campi: artistico, pedagogico, sociale e formativo.

Tra le sue ultime personali: Trasformazioni presso Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze nel 2010, Shhh…Rumori d’artista presso Museo Piaggio a Pontedera nel 2009, Un filo per matita presso Magazzini del Sale a Siena nel 2008. Alcune collettive a cui ha partecipato: Adotta un ricercatore presso Museo Archeologico a Firenze nel 2010, Borse nere come nidi presso MUDI-Museo degli Innocenti a Firenze nel 2010, Radici presso Museo Marino Marini a Pistoia nel 2008.

www.gloriacampriani.com

 

L’opera che presenterà per la mostra Nuove Connessioni Urbane si intitola “Tirar le fila”, è composta da una struttura in ferro di colore nero a forma di prisma sulla quale vengono realizzate trame tessili anche tridimensionali con fili colorati di lana, cotone e seta. L’artista utilizza le mani (senza alcun strumento tecnico) per interpretare l’espressione tirar le fila nella realtà sociale odierna. Forme circolari e colorate ottenute con fili sottili, tirati come raggi si tendono fino a diventare archi, ogni forma geometrica è nell’atto di diventare altra definendosi allo stesso tempo. Un ritmo irregolare di pieni e di vuoti, connessioni che si materializzano, si sviluppano e si modificano come in uno spartito musicale creando un equilibrio insolito.

 

Filippo Basetti è un’artista poliedrico: lavora con la fotografia, la pittura, il video. Infatti alla base della sua ricerca espressiva non sta il mezzo, ma il fine, ovvero raggiungere e restituire al meglio un’idea o un progetto. Molti suoi lavori si rifanno all’architettura, alla fantascienza e alla visione organica della società intesa come unico unicum organismo vivente. Ha partecipato a numerose collettive, mostre personali e ha all’attivo riconoscimenti nel campo dei cortometraggi e video. Le sue ultime personali sono state a Pistoia presso Aoristò nel 2009, a Roma presso Ketumbar nel 2006 e a Firenze presso il Gran Caffè Giubbe Rosse nel 2005. Alcune collettive a cui ha partecipato: I am design positive presso la Triennale Bovisa di Milano nel 2010, Cina Cina Cina!!! presso la Strozzina di Firenze nel 2008, Contested Space presso la Stazione Leopolda di Firenze nel 2002.

www.filippobasetti.com

 

L’opera che presenterà per la mostra Nuove Connessioni Urbane si intitola “R.I.P. BRIAN MANHU”, è composta da una piccola bara in legno collegata con cavi e prese USB alla rete pubblica. Sulla bara è presente la targhetta col nome del defunto Brian Manhu gioco di parole che sta a significare il ruolo del cervello umano nella realtà di un corpo totalmente immerso nella tecnologia. La bara rappresenta l’auto nel parcheggio, auto iper-tecnologica, contenitore senza cervello, che invade le città e che riveste sempre più importanza come mezzo tecnologico e non più come mezzo di trasporto.

 

Data Inaugurazione: 
Mercoledì, 20 Luglio, 2011 - 18:00

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 628 visitatori collegati.

Informazioni su 'Redazione'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)