“I WANT TO BE A FUTURIST" 6 NOVEMBRE 2014 (ARTISSIMA 2014)- video tratti dalle Collezioni di Manuel de Santaren e Rebecca Russo

“I WANT TO BE A FUTURIST" 6 NOVEMBRE 2014 (ARTISSIMA 2014)- video tratti dalle Collezioni di Manuel de Santaren e Rebecca Russo

Titolo

“I WANT TO BE A FUTURIST" 6 NOVEMBRE 2014 (ARTISSIMA 2014)- video tratti dalle Collezioni di Manuel de Santaren e Rebecca Russo

Inaugura

Giovedì, 6 Novembre, 2014 - 21:00

A cura di

Dott.Rebecca Russo

Artisti partecipanti

Video:
VICTOR ALIMPIEV “Weak rot front” 2010 Videoinsight® Collection
FATMA BUCAK “Four ages of woman, Fall” 2013 Videoinsight® Collection
NICK CAVE “Gestalt” 2012 Manuel de Santaren Collection
KATE GILMORE "Sudden as a Massacre " 2011 Manuel de Santaren Collection
MARCOS LUTYENS “The Subjective Self: Twinnapse” 2013 Videoinsight® Collection
MOHAU MODISAKENG ”Inzilo” 2013 Manuel de Santaren Collection
BREYER NEL “Perspectives on a dance
in Sol Lewitt’s “Bars of Color within Squares” 2011 Manuel de Santaren Collection
ROSEMARY PADOVANO “Paloma” 2012 Manuel de Santaren Collection
LAURE PROUVOST “The Artist” 2007 Videoinsight® Collection
LARISSA SANSOUR “A space exodus” 2009 Videoinsight® Collection
WILSON WILMER IV “Black Mask” 2012 Manuel de Santaren Collection

Installazioni:
MAHMOUD BAKHSHI  “Talk Cloud” 2013 Videoinsight® Collection
YAEL BARTANA “If you will it, it is not a dream” 2013 Videoinsight® Collection
MICHAL MARTYCHOWIEC, “How far can you see?” 2013 Videoinsight® Collection
SANTIAGO SIERRA “NO” 2011 Videoinsight® Collection

Presso

Centro Videoinsight®
Via Bonsgnore 7, TORINO

Comunicato Stampa

La Fondazione Videoinsight® www.fasv.it                                
per Artissima 2014 il 6 Novembre h21-24 al Centro Videoinsight® presenta “I WANT TO BE A FUTURIST”: selezione di video tratti dalle Collezioni di Manuel de Santaren e Rebecca Russo.
Il 20 febbraio 1909 il Manifesto del Futurismo di F.T. Marinetti viene pubblicato sul Giornale di Parigi ‘Le Figaro’. A partire da questo, la Performance Art inizia un viaggio che finirà per consolidare la stessa come mezzo di espressione artistica e arma contro le convenzioni prestabilite dell'arte. Parigi diventa il parco giochi sperimentale per il nuovo gruppo artistico che realizza provocatorie, improvvisate e creative Performances. Cio’ si rivela un modo efficace per stupire un pubblico compiacente. In Italia Marinetti, forza trainante del movimento, presenta "Poupées Électriques” al Teatro Alfieri di Torino. Il Futurismo si evolve ulteriormente con una serie di manifesti pubblicati tra il 1910-1912, che diventano catalizzatori d’avvio per molti artisti,  traducendo in pittura e scultura un certo numero di idee performative originali, quali la "Velocità” e l'”Amore del pericolo”. Boccioni, Severini e Balla diventano i messaggeri del Manifesto, interpretato come strumento radicale per contestare la stabilita’, accettato e venerato.  Il Futurismo influenzerà gli artisti per decenni a venire. Come era allora anche oggi, la Performance Art continua ad essere Avant Garde.
Manuel de Santaren e Rebecca Russo presentano un gruppo di opere che fanno riferimento alle radici di questo movimento con temi che mettono in discussione il clima socio-politico dei tempi e gli enigmi relativi a ciò che significa essere parte della condizione umana e della mappa culturale in continua evoluzione.

 

Centro Videoinsight®  v. Bonsignore 7 Torino               press    videoinsight®@videoinsight.it

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 492 visitatori collegati.

Informazioni su 'giovanna giovannelli'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)