Vasilij Vasil'evic Kandinskij fotografie di Carola Ducoli

Vasilij Vasil'evic Kandinskij fotografie di Carola Ducoli

Titolo

Vasilij Vasil'evic Kandinskij fotografie di Carola Ducoli

Inaugura

Venerdì, 6 Giugno, 2014 - 18:30

A cura di

Francesca Anfosso

Artisti partecipanti

Carola Ducoli

Presso

28 Piazza di Pietra - Fine Art Gallery
piazza di Pietra 28, Roma

Comunicato Stampa

Testo critico a cura di Maddalena Oriani

“È come un pezzo di ghiaccio dentro cui brucia una fiamma” Wassily Kandinskij

Nell’istante silenzioso del blu, nella calma del ceruleo, nell’orizzontalità del plumbeo, nella fermezza mobile dello spettro dello smeriglio, nasce una forma.

Viene presa, sospinta da una melodia, trascinata verso l’alto da una diagonale sonoramente muta e, rimanendo appesa al colore e al pensiero risveglia l’istante del moto.
Il momento della partenza, quando la forza da intuito tramuta in atto e scroscia nelle vertebre per uscire dagli occhi.
Da questa prima immagine Carola Ducoli comincia a dipingere una narrazione di superfici e guizzi: come una fiammella ha una cornice e un cuore, così le opere rivelano uno spazio e un corpo.

Pause cromatiche nelle quali avviene un istante di mossa rivoluzione.

Qualsiasi sfumatura di colore non è solo portatrice di proprietà fisiche, ma racchiude un racconto sonoro, nervoso e di sensazioni; il passaggio di sole tre tinte può descrivere la genesi, lo svolgimento e la fine della storia di un uomo.
Il colore, ovvero luce che riflette differentemente a seconda delle superfici che incontra e che viene di conseguenza avvertita dall’occhio, è in grado di sprigionare reazioni inconsce, far nascere aberrazioni percettive e mutare sensazioni, mescolando fisica e psiche.

Per Kandinskij il pigmento è un’intensa narrazione sensoriale, ne avverte infatti una musicalità, una fisicità, e una direzione, Carola Ducoli ne cerca il movimento.
Nelle opere, infatti, viene mostrata una democratica assemblea di diverse voci che dialogano poeticamente: spazio, corpo e suono.

L’artista immerge un corpo, un’essenza mobile nella radice cromatica pregna del suo portato di

significati e spunti, rendendo visibile l’eviscerazione del movimento cromatico, composto da rette, curve e punti.
Nel rumore silenzioso del colore la danzatrice Noemi Bresciani segue un violino inesistente, un contrabbasso lontano o una percussione nascosta, lasciando che gli scatti creino un racconto di viscere e sensazioni.

La pelle accarezza l’ambiente in una pennellata precisa, racchiudendo accenti interni che concludono l’aritmia in una puntualità, e a far vibrare l’istante interviene una nube, o una cascata, o un rotolio pulviscolare che raccoglie il movimento e lo corona.
La figura si alza e danza.

Balla la vastità prona del blu, la tensione svelta del verde, la sospensione del viola, il ricadere profondo del rosso, e l’elettricità del giallo.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su '28 piazza di pietra'