SIMONE BUTTURINI – mostra “LUCI E PAROLE. INTERNO ESTERNO: COLAZIONI E ARCHITETTURE INDUSTRIALI”

SIMONE BUTTURINI – mostra “LUCI E PAROLE. INTERNO ESTERNO: COLAZIONI E ARCHITETTURE INDUSTRIALI”

Titolo

SIMONE BUTTURINI – mostra “LUCI E PAROLE. INTERNO ESTERNO: COLAZIONI E ARCHITETTURE INDUSTRIALI”

Inaugura

Venerdì, 15 Maggio, 2015 - 18:00

Artisti partecipanti

Simone Butturini  Luca Caserta

Presso

GALLERIA D’ARTE GIORGIO GHELFI VERONA
Piazza Erbe, 31 - Verona

Comunicato Stampa

Torri d'acqua nelle pianure del Nord Italia, archeologia di una memoria industriale abbandonata a se stessa. paesaggi surreali, dirigibili e camere d'albergo d'antan. Colazioni e piatti di alta cucina, tra tutti la millefoglie dello chef pluristellato Giancarlo Perbellini. Sono solo alcune delle suggestioni pittoriche nella mostra personale di Simone Butturini "Luci e parole. Interno Esterno: colazioni e architetture industriali", che sarà inaugurata il 15 maggio alle 18 alla Galleria d'Arte Ghelfi a Verona e costituisce l'anteprima della personale in programma all'Istituto Italiano Cultura a Vienna il prossimo ottobre. In esposizione 20 dipinti su tela realizzati tra il 1991 e il 2015 e pastelli su carta che documentano il percorso dell'artista. Seguirà la proiezione del regista Luca Caserta "La fabbrica della tela" in cui l'artista Simone Butturini è protagonista nella realizzazione di un suo dipinto.

Nell'esposizione, inserita tra gli eventi d'arte di Expo Veneto, il visitatore spazia dall'"ambiente-natura" alla "casa dell'anima": una pittura significativamente introspettiva e visionaria porta a interni di abitazioni europee e di hotel che evocano presenze e assenze. Il momento conviviale della colazione viene rappresentato quando è ormai trascorso e piatti e bicchieri popolano la tavola simili a fantasmi. Una sola presenza femminile osserva al di là del vetro che la separa da un rapport autentico con il mondo.

L'omaggio all'alta cucina italiana, rappresentata dallo chef Giancarlo Perbellini, si traduce in dipinti e pastelli su carta con alcune delle sue più note ricette, dalla millefoglie al maialino da latte croccante, castraure e profumo di lime e ginepro. Un tema stimolante per l'artista noto per le sue colazioni e le sue torri d'acqua: "La contaminazione tra generi alimenta la mia pittura - spiega Simone Butturini. Come l'alta cucina oggi più che mai trae ispirazione dalle suggestioni visive del mondo dell'arte, così l'arte da sempre celebra la grande cucina e la convivialità. In particolare sono rimasto affascinato dalle creazioni di Giancarlo, i dipinti sono nati da un incontro di saperi, sapori, profumi e architetture che ho ravvisato nei suoi piatti".

"Il dipinto che Simone ha voluto dedicarmi - dice lo chef Gincarlo Perbelini - nel momento in cui l'ho visto mi ha davvero folgorato. La "Millefoglie" che vi è rappresentata, un dolce molto importante nella storia mia e della mia famiglia, sembra quella delle origini, quando a prepararla era mio nonno Ernesto. Osservando quest'opera ho fatto un tuffo nel passato".

La mostra "Luci e parole. Interno Eserno: colazioni e architetture industriali" raccoglie opere inedite e altre esposte con successo della critica e di pubblico, dalla personal nella città natale d Simone Butturini al Palazzo dell Granguardia a Verona (2007) alla Fondazione Matalon Milano (2008), Artcor gallery Toronto in Canada (2008) alla Galleria der Moderne M. Kattner (2009) e alla Galleria Poma (Morcote-Lugano) in collettive con artisti di fama internazionale (2013-2015).

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 862 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)