Segni di carta. Arte del ‘900

Segni di carta. Arte del ‘900

Titolo

Segni di carta. Arte del ‘900

Inaugura

Mercoledì, 16 Novembre, 2016 - 18:30

A cura di

Veronica Iurich ch2

Artisti partecipanti

Balla, Wildt, Fontana, Paolini, Klimt, Warhol, Capogrossi, Tancredi, Dadamaino, Kandinskij, Kounellis, Modigliani

Presso

Piazza Castello 16 Milano
Piazza Castello 16 Milano

Comunicato Stampa

La Galleria Gracis

presenta:

Segni di carta. Arte del ‘900

Catalogo a cura di Elena Di Raddo

 

Opening 16 Novembre h 18.30

16 Novembre - 23 Dicembre 2016

 

Saranno esposti i lavori su carta dei maestri del Novecento, italiani e stranieri, tra cui Balla, Wildt, Fontana, Paolini, Klimt, Warhol

 

Per via della sua fragilità intrinseca ed essendo un materiale più economico e storicamente ritenuto meno pregiato della tela o della tavola, più resistenti e adatte come supporti per i dipinti a olio realizzati con pigmenti naturali più ricercati, la carta è stata in passato riservata agli schizzi, ai progetti, a lavori dal carattere più intimistico rivestendo pertanto un ruolo ancillare rispetto alle tecniche considerate più nobili. Nel Novecento, con il moltiplicarsi dei linguaggi artistici e l'affermarsi di linee di ricerca sperimentali che indagano i potenziali espressivi dei supporti, la carta conosce un nuovo interesse.Questa mostra, spaziando dai lavori del primo Novecento di Balla, come Luce-Forza e Paesaggio, agli anni Novanta con il poetico Primo lavoro dell’anno pensando all'Afghanistan di Alighiero Boetti, offre un ventaglio molto ampio delle risposte date dagli artisti moderni sul ruolo della carta: con Orbite celesti di Balla, con il collage concettuale di Paolini, in cui figure quadrangolari slittano leggermente l'una sull'altra dando adito ad una apparente imprecisione che non è molto distante da quella in A triangle within two rectangles, dove il foglio di carta si presta a rendere ancora più plausibile e, quindi, ingannevole il disegno a matita illusoriamente perfetto geometricamente. Del resto una delle tendenze dell'arte moderna è costituita dal prevalere dell'idea sulla perizia tecnica.Davanti ai lavori di Capogrossi, Tancredi, Dadamaino, Kandinskij, Kounellis, Warhol - per citare solo alcuni degli artisti presenti in mostra - si nota che il supporto cartaceo non implica un’indeterminatezza dell'opera in rapporto subordinato rispetto a una successiva traduzione in pittura o altro materiale, ma costituisce, insieme al segno, un'opera in sé compiuta.Ciò spiega anche in parte la ragione per cui il mercato sta progressivamente riconoscendo il valore intrinseco dei lavori moderni su carta.La mostra sarà accompagnata da un catalogo a cura di Elena Di Raddo, professoressa associata di storia dell’arte contemporanea all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e di Brescia e curatrice, collabora inoltre come pubblicista alle pagine culturali di quotidiani e riviste d’arte contemporanea.

 

Ufficio stampa: ch2 eventi culturali

Veronica Iurich

Via Paolo Sarpi 57 Milano

+39 3397784404

vi@ch2.it

Galleria Gracis
Piazza Castello, 16 - 20121 Milano
tel. +39 02 877 807
gracis@gracis.com

Orari di apertura Lunedi: 15.00 - 19:00, da Martedi a Venerdì: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 19:00
 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''