Se il pensiero riesce a non essere niente,resterà qualcosa del pensiero

Se il pensiero riesce a non essere niente,resterà qualcosa del pensiero

Titolo

Se il pensiero riesce a non essere niente,resterà qualcosa del pensiero

Inaugura

Lunedì, 10 Novembre, 2014 - 18:00

A cura di

Cristina Madini

Artisti partecipanti

Le opere esposte sono state realizzate da: Liana Barbato, Andrea Cimatti, Maria Elena Colombo, Miriam Covielli, Julie Devine, Debora Di Donato, Stefania Fabretti, Marta Fiorentini, Gianfranco Genoese, Claudia Giavarini, Ilaria Leganza, Valentina Lingria, Stefano Mariotti, Gabriele Massaro, Serafina Orgallo, Fabrizio Pesci, Federico Pisciotta, Daniela Rebecchi, Paolo Remondini, Tiziana Rufo, Alfio Sacco, Alessandro Scalabrini, Mario Tonino, Giovanna Valli, Vincenzo Vavuso

Presso

Galleria Rossocinabro
via Raffaele Cadorna 28 Roma

Comunicato Stampa

RossoCinabro dal 10 al  30 novembre 2014 organizza la mostra intitolata ‘Se il pensiero non riesce ad essere niente, resterà qualcosa del pensiero’.

Le opere esposte sono state realizzate da: Liana Barbato, Andrea Cimatti, Maria Elena Colombo, Miriam Covielli, Julie Devine, Debora Di Donato, Stefania Fabretti, Marta Fiorentini, Gianfranco Genoese, Claudia Giavarini, Ilaria Leganza, Valentina Lingria, Stefano Mariotti, Gabriele Massaro, Serafina Orgallo, Fabrizio Pesci, Federico Pisciotta, Daniela Rebecchi, Paolo Remondini, Tiziana Rufo, Alfio Sacco, Alessandro Scalabrini, Mario Tonino, Giovanna Valli, Vincenzo Vavuso

Tema della mostra  sono il flusso di pensieri in un periodo in cui l’inquietudine, l’incertezza, l’instabilità si fanno sostanza del fare arte, con tutti gli interrogativi sulla sua funzione e sui suoi misteri. L’artista si situa con la fluidità dei suoi pensieri sparsi e i suoi flussi disordinati di coscienza nel  liquido amniotico delle culture, nel loro scambievole e inevitabile contatto. C’è forte interesse nei confronti di questi argomenti, forse per reagire  all’urgenza di un comune spaesamento e alla tensione che ciascuno di noi sente fra la voglia di conquistarsi uno spazio minimo individuale e quello di essere parte di un gruppo.  La continua indagine in cui mente e corpo, pensare e sentire s’intrecciano e si confrontano appartengono alla capacità dell’arte figurativa, nelle sue diverse declinazioni e tecniche, di riflettere se stessi e  la situazione ambientale e sociale, alla percezione delle idee e valori, al  linguaggio della creatività secondo la sua visione.

La mostra, quasi un saggio di cultura visiva, trasmette in modo semplice, comprensibile e distinto quella fioritura artistica fatta di esplorazioni stilistiche, di simboli narrativi, di linguaggi figurati, dove si ha un assaggio del fatto che gli artisti non hanno esaurito energia e potenzialità.

Le opere scelte donano una esposizione accogliente, dove l’atmosfera armonica costituisce il pregio ed il messaggio della mostra, che modula le diverse voci tra similitudini e differenze in un collocamento dalla realizzazione raffinata, nello studio delle pratiche, e dedica il tutto ad uno spazio riservato e di  imprevedibile vitalità.

A cura di Cristina Madini

RossoCinabro Via Raffale Cadorna 28 – 00187 Roma tel. 06 60658125 rossocinabro.com visitabile da lunedì al venerdì 11.00-19:00 ingresso libero

Come Arrivare?

Informazioni su ''