READESIGN LEGGERE IL DISEGNO, RACCONTARE IL DESIGN:Rietveld-Sottsass-Belpoliti

READESIGN LEGGERE IL DISEGNO, RACCONTARE IL DESIGN:Rietveld-Sottsass-Belpoliti

Titolo

READESIGN LEGGERE IL DISEGNO, RACCONTARE IL DESIGN:Rietveld-Sottsass-Belpoliti

Inaugura

Giovedì, 16 Maggio, 2013 - 21:00

A cura di

Alberto Zanchetta

Artisti partecipanti

Rietveld-Sottsass-Belpoliti

Presso

Museo d'arte contemporanea
Viale Padania, 6, 20851 Lissone Monza e della Brianza

Comunicato Stampa

Prelevati dallo spazio del vissuto, i complementi d’arredo possono interrogare la nostra esistenza?
Da questo quesito nasce il progetto READESIGN, il quale prende spunto dalla collezione di design
del MAC di Lissone e intende mettere a confronto un autore – sia esso un critico oppure uno
scrittore, un attore o un personaggio dello spettacolo – con una delle sedie che hanno segnato la
storia del design, rendendola protagonista di un breve testo. Il discorso, spezzato/speziato in
forma di racconto o di commento, si appellerà all’arguzia e alla vivacità intellettuale dell’autore, al
suo spirito d’osservazione e alla sua disposizione d’animo. A fianco della sitzmaschine (“macchina
da sedere” secondo la definizione che ne diede Josef Hoffmann) sarà posizionata una macchina
da scrivere, che servirà a dattiloscrivere il testo fornito per l’occasione.
LEGGERE IL DISEGNO, RACCONTARE IL DESIGN: la parola design (che è un ritorno semantico
alla parola rinascimentale “disegno”) significa “progetto”, ovvero disegno di un’idea. Diversamente
dai designer che chiamano in causa il ductus, gli autori interpellati invocheranno per sé il diritto al
dilectus e alla capacità di s-piegare gli oggetti a proprio piacimento, appellandosi alla possibilità di crogiolarsi in un loisir estetico che li metta “a proprio agio”, come se si stessero effettivamente
accomodando sulle sedie esposte in mostra e volessero picchiettare sui tasti delle macchine da
scrivere. Ovviamente READESIGN non è un’esposizione concepita per sedersi ma per sedurre lo
spettatore: l’arredo domestico sarà il momento/motivo scatenate per funambolici intrichi (di senso)
e imprevedibili incontri (tra persone e oggetti).
Dopo il trinomio Thonet-Krüger-Francalanci, il nuovo appuntamento della rassegna READESIGN si
pone in polemica con la sedia No.14 esposta negli scorsi mesi. Rispetto alla tecnica della
curvatura vaticinata da Thonet, molto in voga tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del
Novecento, nel 1917 Gerrit Thomas Rietveld progetta una sedia in legno laccato ricorrendo a un
sistema di angoli retti e piani inclinati. Mediante giunzione e incasso, i listelli e le tavole di legno
usati da Rietveld si ispirano alle teorie del Neoplasticismo (la cui fondazione, a Laren, in Olanda,
risale non a caso al 1917) in rapporto con gli ambienti del vissuto. Molto più che un semplice
arredo, la Red and Blue è una scultura che sintetizza lo spirito di De Stijl con elementi plasticicoloristici
in blu, giallo e rosso.
La predominanza del colore rosso caratterizza anche la macchina da scrivere Valentine di Ettore
Sottsass jr – portatile che veniva famigliarmente chiamata “La Rossa” e aveva la particolarità di
scivolare in un contenitore con cui faceva corpo – realizzata negli stabilimenti della Olivetti di Ivrea,
che per decenni è stata sinonimo di scrittura meccanicizzata. Alla maniera di Rietveld, anche la
Valentine di Sottsass è priva d’ornamento, la forma e la funzione si armonizzano tra loro,
dimostrando come l’aspetto progettuale e produttivo fossero in grado di traghettare l’industria
verso la modernizzazione. Il connubio tra la Red and Blue e la Valentine è stato affidato a Marco
Belpoliti, che si interrogherà su questi due capolavori del design internazionale.

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 470 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)