PROGRAMMAZIONE 6 GIUGNO 2013 Museo d’Arte Contemporanea di Lissone

PROGRAMMAZIONE 6 GIUGNO 2013 Museo d’Arte Contemporanea di Lissone

Titolo

PROGRAMMAZIONE 6 GIUGNO 2013 Museo d’Arte Contemporanea di Lissone

Inaugura

Giovedì, 6 Giugno, 2013 - 20:00

Presso

Museo d'arte contemporanea
Viale Padania 6 - Lissone (MB) fronte Stazione FS

Comunicato Stampa

Giovedì 6 giugno, alle ore 20:00, il MAC di Lissone ospita la GINNICA DEL SEGNO di Giuliano Guatta e il secondo screening program del ciclo OFF SITE/ NOT IN PLACE in collaborazione con Viafarini DOCVA. Segue, alle ore 21:00, l’appuntamento con il ciclo di incontri dedicato alla vita dei grandi personaggi dell’arte moderna e contemporanea.
PIANTERRENO. La Ginnica del segno di Giuliano Guatta è una disciplina fondata sulla consapevolezza del movimento del corpo nello spazio e inscindibile dal suo fine: il segno. Tale pratica si è sviluppata da un progetto denominato MRPLS (movimento di ricerca e pratiche di liberazione del segno); si tratta di un percorso di riattivazione e stimolazione della pulsione gestuale e visiva del segno‚ messo in atto attraverso esercitazioni che coinvolgono oltre all’aspetto motorio anche quello ritmico, sonoro, corale e performativo. L’intervento che Giuliano Guatta realizzerà per il MAC di Lissone consiste nella partitura dello schema dei passi del Ballo di Segno (Primi passi), quindi la sua mappatura e, dopo l’azione, l’esposizione della corazza con il rilevamento segnico dei passi. Nella sera inaugurale, l’artista darà una dimostrazione di questo procedimento, seguirà poi una prova aperta al pubblico.
SALA VIDEO, SECONDO PIANO. La rassegna che il MAC di Lissone dedica alle video-produzioni delle ultime generazioni continua la sua programmazione in collaborazione con Viafarini DOCVA. A cadenza mensile, per circa un trimestre, si avvicenderanno tre diversi progetti curatoriali che (attraverso una selezione di artisti presenti nell'archivio portfolio di DOCVA/Fabbrica del Vapore e nell'archivio online Arthub.it promosso da UnDo.net) articoleranno altrettante letture intorno agli snodi più importanti della video arte. Il mese di giugno è dedicato alla selezione di Barbara Meneghel, dal titolo «Offstage», che inanella le opere di Danilo Correale, Nicola Pellegrini e Diego Tonus sul tentativo di analizzare, destrutturandola, la parte scenica del “dietro le quinte”.
PIANO INTERRATO. Presentazione del libro autobiografico Memorie di un mercante di quadri, scritto da Ambroise Vollard e pubblicato per la prima volta in Francia nel 1937. Con la leggerezza di una conversazione, Vollard ci svela i retroscena della sua carriera all’insegna di un’epoca in fase di transizione e di un nuovo gusto che si andava affermando, quando cioè gli artisti (per noi oggi “classici”) erano “avanguardie”. Nelle memorie dell’autore troviamo le ingenuità del mercante alle prime armi, la crescita della sua fama, i rapporti personali con gli artisti e con i collezionisti, spinti a volte dall’intuito e a volte dal capriccio, le manie e i lati privati degli artisti, la convivialità della sua “Cantina” che ospitava signore dell’alta borghesia, artisti e personaggi di spicco della società dell’epoca. Un percorso quasi iniziatico nel mondo dell’arte del Novecento.

Come Arrivare?

Informazioni su ''