"Planetaria". Doppia personale di Cristina Falasca e Stefano Minzi

"Planetaria". Doppia personale di Cristina Falasca e Stefano Minzi

Titolo

"Planetaria". Doppia personale di Cristina Falasca e Stefano Minzi

Inaugura

Giovedì, 18 Aprile, 2013 - 18:30

A cura di

Galleria l'Affiche

Artisti partecipanti

Cristina Falasca, Stefano Minzi

Presso

Galleria l'Affiche
Via dell'Unione 6, Milano

Comunicato Stampa

Il 18 aprile 2013 inaugura presso la Galleria l'Affiche (www.affiche.it) la mostra PLANETARIA, doppia personale di Cristina Falasca e Stefano Minzi. La coppia di artisti residenti a Berlino ha lavorato in contemporanea, ma ognuno con il proprio linguaggio, ad un progetto nato dalla fascinazione della conquista dello spazio. Pochi mesi dopo la morte di Neil Armstrong, primo uomo a posare il piede sul suolo lunare, il sogno dei viaggi umani nello spazio, che ha nutrito l'immaginario della generazione degli anni 60, sembra essere svanito.

Inaugurazione:
giovedì 18 aprile dalle 18.30
(Facebook)

ORARIO
dal 19.04.2013 al 10.05.2013
martedì-sabato ore 16-19

Cristina Falasca
Cristina Falasca presenta sculture, carte e un'installazione sonora.
La matrice concettuale del lavoro, già presente nella ricerca dell'artista, muove dalla fascinazione per la materia nella sua natura ambigua di incontro fra opposti, dove si situa il limite fra il pieno e il vuoto.
Il procedimento del calco, normalmente utilizzato per ottenere un positivo, inverte la sua natura, prelevando il negativo come testimonianza di una presenza. Quello che resta è dunque un'impronta, che fissa sulla materia la memoria di luoghi ed esistenze altre.
Reperti e fossili, gusci disabitati, suggeriscono il possibile o illusorio attraversamento di altre realtà verso cui l'uomo è sempre stato attratto.
L'istallazione sonora realizzata da Cristina Falasca è intesa come scultura sonora, vibrazione che polarizza l'aspetto evocativo della materia. Suoni come suggestioni dove la rielaborazione digitale di campionature, prelevate dall'archivio della NASA, fa emergere l'elemento di ambiguità tra ufficialità e mistificazione.
Il confine tra fabulazione e realtà sbiadisce.

Stefano Minzi
A quattro anni dall'ultima mostra all'Affiche, Stefano Minzi presenta un’inedita serie di stampe planografiche su tela e carta, dove indaga l’aspetto sociale e politico della conquista dello spazio.
L’artista prosegue il suo percorso sul tema della memoria, personale e collettiva, attraverso la ricerca di immagini ed oggetti legati alla storia dell’astronautica internazionale al tempo della Guerra Fredda.
Attraverso la tecnica di transfert da fotocopia, in bianco e nero e a colori, Minzi presenta
una serie di lavori su supporti diversi: un nutrito numero di icone dalla storia e dalla politica si susseguono con immagini che si sfaldano e sbiadiscono, come gli ideali e le aspettative di un'epoca.
L'obiettivo della conquista della luna, che è anche archetipo del femminile, fa eco negli anni 60 alla liberazione sessuale e all'appropriazione del corpo.
Accanto agli eroi maschili, parte attiva nella conquista, si affiancano le loro controparti femminili, nello scarto tra ruolo sociale e oggetto del desiderio.
Altri temi sono affrontati, chiamando in causa altri icone fondamentali, dalla cagnolina Laika ai discorsi di Nixon e Kennedy, Armstong e Gagarin.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 474 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)