Paolo Scarfone | Ri-calcolo percorso

Paolo Scarfone | Ri-calcolo percorso

Titolo

Paolo Scarfone | Ri-calcolo percorso

Inaugura

Sabato, 7 Maggio, 2016 - 18:00

A cura di

Lapo Simeoni

Artisti partecipanti

Paolo Scarfone

Presso

ADD-art Galleria
via Palazzo dei Duchi 6, Spoleto

Comunicato Stampa

Sabato 7 maggio alle ore 18:00, presso la Galleria ADD-Art di Spoleto si inaugura "Ri-calcolo percorso" la mostra personale di Paolo Scarfone, a cura di Lapo Simeoni. 

Cosa si nasconde dietro il segno per Paolo Scarfone?

Il suo lavoro non può essere tradotto se non si arriva ad analizzare la radice del suo pensiero.

Un pensiero perpetuo e costante sull’incapacità dell’uomo di raggiungere il tempo infinito: ogni segno, ogni gesto, ogni opera viva diventano oggetto di catalogazione e riflessione falsata. Ma se poniamo un collegamento tra pensiero e misurazione dello stesso, durante la sua creazione, ci troviamo di fronte a studi che svelano il tempo ed il suo rapporto con l’arte. La fragilità della materia utilizzata diventa un pretesto per calcolare e valorizzare la delicatezza dell’esistenza, in questa fitta e complessa trama cartacea composta di segno e di sogno infinito.

 

Durante il vernissage sarà presentato il catalogo della mostra "Paolo Scarfone - Ri-calcolo percorso" a cura di Lapo Simeoni, ADD-art edizioni.

 

PAOLO SCARFONE è nato nel 1989 a Catanzaro. 

Il senso di appartenenza alla propria terra, i ricordi dei luoghi dell’infanzia, il legame che lega questo sentimento alla distanza che oramai sussiste con la dimensione contemporanea della sua vita, sono la fonte principale dal quale scaturisce il senso profondo dei suoi lavori.

Un lavoro che ha una doppia anima e  che trova la giusta dimensione negli studi all’Accademia delle Belle Arti di Roma. Infatti, è nel laboratorio della carta, con i docenti Laura Salvi e Riccardo Ajossa, che queste suggestioni troveranno la loro giusta dimensione e incominceranno a germinare.

Paolo Scarfone parlando della carta dice “La carta nei miei lavori non è solo supporto ma parte centrale, è la verità del paesaggio, della materia e dell’importanza di un processo che richiede tempo”.  Ecco allora che i cardini del suo lavoro sono caratterizzati dalla commistione di tecniche secolari e dall’uso di tecniche moderne e contemporanee.

La carta, fatta a mano con la procedura delle cartiere italiane del ‘600, e la stampa ink-jet, mettono a confronto un rapporto di complementarietà tra un senso di appartenenza alla terra e alla tecnologia. Si sente il calore del sole e il profumo del mare di calabria ma immediatamente si avverte un sapore metallico del contemporaneo.

Paolo Scarfone lavora sulla condizione dell’essere umano odierno e sulle sue possibilità di comunicazione odierne, inserito in un meccanismo di virtualizzazione della vita e il conseguente bombardamento di immagini che, non esperite ma solo apprese, si riducono a mere informazioni vuote. La gestualità che la lavorazione del materiale richiede, racconta una storia  che asseconda le dilatazioni temporali ormai completamente avulse dal nostro essere, permettendo una riflessione fenomenologica sul linguaggio e il campo comunicazionale.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 923 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)