Oltre la Rappresentazione. Mondi (Im) Possibili

Oltre la Rappresentazione. Mondi (Im) Possibili

Titolo

Oltre la Rappresentazione. Mondi (Im) Possibili

Inaugura

Giovedì, 30 Ottobre, 2014 - 18:30

A cura di

Nino Arrigo

Artisti partecipanti

Pippo Altomare

Presso

Castello Medievale
piazza Castello di Sperlinga

Comunicato Stampa

"Oltre la Rappresentazione. Mondi (Im) Possibili"
Mostra personale di Pippo Altomare

A cura di Nino Arrigo

Vernissage 30 ottobre ore 18.30

Castello Medievale di Sperlinga (Enna)


L’artista siciliano Pippo Altomare, la cui pittura informale risente degli influssi del gruppo “Forma Uno” (Consagra e Accardi visibili in filigrana e quasi citati), ci prende per mano in un viaggio alla scoperta del Mediterraneo. Le timide note di realismo si dissolvono, spesso, in atmosfere oniriche, le cui gioiose raffigurazioni fitomorfe e floreali nascondono le inquietudini della notte e, a tratti, si negano. Dissolvendosi in nero. Le languide note di colore si alternano, a volte, ad intensi pastello. Il mondo ha un senso perché ne ha due, sembra suggerirci Altomare: il giorno e la notte, il sonno e la veglia, la coscienza e l'inconscio. La vita e la morte.

Le opere di Pippo Altomare sono una pergamena straordinaria che, scritta con succo di limone, rivela - al calore di una fiamma - una selva di simboli riconducibili alla cultura mediterranea. Il labirinto, la luna (o le lune), l'ulivo, diventano archetipi e dissimulano un inconscio sempre più rizomatico, piuttosto che profondo. Un grande impulso decorativo le sorregge, un gesto veloce, mosso da un "horror vacui" riempie uno spazio - dove arabeschi e frattali dipingono geometrie esistenziali – che da carne a caldi colori pastello. Il “colore” del pittore siciliano diventa quasi un “lapsus” per “calore”. Il calore dell'uomo mediterraneo, passionale e conviviale; che conosce la ragione ma sa - con Pascal - che anche il "cuore" ha le sue ragioni che la ragione non comprende; e che più potente della ragione è l'istinto. Quell'istinto che muove la pittura, conducendoci a Sud - non tanto della geografia, quanto del pensiero - dove la ragione ama essere messa in pericolo. Dove l'"esprit de finesse" minaccia l'"esprit de geometrie". Nino Arrigo



Breve biografia



Vive tra Roma e Catania dove insegna decorazione all’Accademia di Belle Arti.

E’ nato l’8 aprile 1958 a Nicosia (EN).



Nella sua attività sperimentale ha attraversato con risultati di grande interesse la scultura e le performance art, ma il terreno che privilegia è quello della pittura. Qui fa pulsare la superficie di elementi formali (molte volte legati al mondo della natura, spesso a quello della fantasia). Che emergono da una profondità per affermarsi all’interno della tela o della carta come autentiche “presenze”.



E’ presente dal 1984 in svariate occasioni espositive, personali e collettive in Italia e all’estero ( Austria, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Giordania, Inghilterra, Libano, Polonia, Olanda, Repubblica Ceka, Siria, Slovenia, Spagna, Turchia, Ungheria e USA).
 
 
mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''