Nell'orizzonte

Nell'orizzonte

Titolo

Nell'orizzonte

Inaugura

Sabato, 8 Ottobre, 2016 - 18:00

A cura di

Andrea Lacarpia

Artisti partecipanti

Enrico Barbera

Presso

Galleria Silvy Bassanese Arte Contemporanea
Via Galileo Galilei, 45. Biella 13900

Comunicato Stampa

Nel percorso artistico di Enrico Barbera è sempre stata di fondamentale importanza l’esperienza di vita ed, in particolare, la dimensione rivelativa che si apre nel viaggio, inteso sia come viaggio interiore che come esplorazione di luoghi lontani.

Dai primi viaggi in oriente negli anni ‘70, nei quali l’artista incontra la cultura buddista ed induista, una profonda spiritualità ispira le opere di Barbera in dipinti, sculture ed installazioni che si mostrano come epifanie dell’ineffabile, comunicando una condizione della mente propria della meditazione trascendentale e dell’esperienza mistica.

In tutte le evoluzioni della propria ricerca, Enrico Barbera esprime le forze della natura, eterne ma invisibili ai sensi di un’umanità che, persa nell’affastellarsi di secoli di artifici linguistici, ha perso la capacità di osservare le cose nella loro essenza.

L’approccio è vicino al linguaggio del mito, inteso come racconto che attraverso simboli e metafore descrive la natura originaria perduta o rimossa, ma nelle proprie opere Barbera non ripropone le figure della tradizione, già mediate da innumerevoli rappresentazioni, piuttosto l’artista ristabilisce il rapporto con gli archetipi dell’inconscio collettivo per far emergere un alfabeto visivo personale, nel quale ricorrono alcuni elementi collegati tra loro.

Il dinamismo di un orizzonte che s’incurva fino ad unire oriente ed occidente, andando a formare il cerchio dello spazio infinito, può essere individuato come il fulcro del linguaggio di Barbera, mostrandosi spesso in modo indiretto, dalla curvatura dell’arco di Artemide, al movimento del mare fino alla flessuosa gestualità di misteriosi idoli e figure che sembrano modellate dal vento.

Nella mostra alla Galleria Silvy Bassanese, Enrico Barbera presenta un’installazione in cui l’orizzonte che si trasforma in un arco, elemento spesso suggerito nelle opere precedenti, si mostra in maniera più radicale.

Descrivendo la percezione dell’infinito vissuta nel mezzo dell’oceano percorso in barca a vela, la curvatura dell’orizzonte diviene varco che dissolve ogni illusione linguistica per abbandonare il mondo delle rappresentazioni ed aprirsi alla dimensione dell’essere.

Grandi archi rivestiti di tessuto bianco trasformano lo spazio espositivo in un percorso in cui gli artifici del linguaggio vengono ridotti ai minimi termini, dissolti in semplici numeri e lettere dell’alfabeto che volteggiano in aria, trasformati in costellazioni senza peso disegnate con luminosi colori primari sulle arcate che si mostrano come rappresentazioni della volta celeste.

La stratificazione del tempo storico si scioglie nello spazio siderale, leggero ed infinitamente aperto, liberando l’essere umano dalla tirannia della parole, per approdare nella dimensione descritta dalla frase che Enrico Barbera ha scritto per ampliare il titolo della mostra e fornire la chiave di lettura dell’intero progetto: “Nell'orizzonte, oltre la soglia della percezione, il linguaggio si azzera, la realtà si scioglie e scompare”.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 448 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)