Necessita del buio

Necessita del buio

Titolo

Necessita del buio

Inaugura

Sabato, 15 Febbraio, 2014 - 18:30

A cura di

03:33

Artisti partecipanti

Sergio Angeli, Luca Loseto, Alessio Fralleone, Marta Alessio, B.R.K.

Presso

PassOver Lab
via Pio Briziarelli 25, Roma

Comunicato Stampa

NECESSITA DEL BUIO

03:33 ha deciso di abbassare le tapparelle perché necessita del buio. La realtà oggettiva altro non è che "un giorno più lungo" dove non esistono avventure di mezzanotte tipo la famosa cavalcata di Paul Revere -tanto per citare qualcosa diortodosso e convenzionale, ma anche scenico, perché Paul Revere viene sempre dipinto in modo epico con una fiaccola in mano...-, ma "un giorno più lungo" dove si rincorrono solo i riflessi di una vacua routine. Dunque il buio e basta come soluzione. Come salto quantico. Un non luogo il buio, dove poter dialogare coi propri spettri, o meglio ancora dove poter dialogare con gente che conta tipo Nanni Moretti e accollargli colpe:

(Io)-"Nanni, comunque lì, nel film Ecce Bombo, quando tiravi l'alba coi tuoi amici su quella spiaggia di Ostia, non lamentavi del tutto giusto a mio avviso."
(Nanni Moretti)-"In che senso? Cosa mai lamentavo di sbagliato?!"
(Io)-"Cioè nel senso che quando mettevi l'accento che nel cinema a tuo avviso c'erano troppi tedeschi co' la moto col sidecar che frenavano prima di curvare, hai creato gazzarra e confusione. Cioè il cinema come la letteratura si basa sul genere, e i tedeschi co' la moto col sidecar che frenano prima di curvare portano incasso, fanno girare l'economia. Nel cinema americano, tedeschi co' la moto col sidecar che frenano prima di curvare, vampiri, zombie et gargoyle vanno che è una meraviglia, sono imprescindibili, e ne giova tutto il cinema insomma, perché poi con gli incassi uno ci si finanzia il film impegnativo-che poi, il film impegnativo di loro altri, non è tedioso come da noi, ma tratta di Paul Revere che cavalca a mezzanotte con una fiaccola in mano o di un giovane e poco credibile Abramo Lincoln che caccia i vampiri con una scure. Cioè c'hanno inventiva 'sti americani. So' audaci. Sperimentano. Capisci!? Qui da noi è tutto morto invece. Una infausta pandemia ci ha sconfitti. In tutti i settori: cultura, economia, sport... Ed è tutta colpa tua e della uscita infelice che hai avuto più di trent'anni fa, su quella spiaggia di Ostia, nel film Ecce Bombo, quando tiravi l'alba coi tuoi amici. Io ti punto il dito contro."
(Nanni Moretti)-"In effetti, ripensandoci...Però comunque c'è da dire che ero giovane, indolente, con tanto di baffi e capelli a mezzo collo..."

(Io)-"Capisco."

Per farla breve, noi ce ne staremo al buio per un po', ad interloquire col nostro raccapriccio, a rappresentare il delirio che ci pervade, ascoltando la venerabile Geneva Jacuzzi che ci canta Clothes on the Bed, ma anche cose come Enjoy the Pain dei Pink Industry. Perché si, 03:33 non tira l'alba in amicizia come Nanni su quella spiaggia di Ostia, ma mira alla dissolvenza, al nero totale senza appello. E' venuta l'ora di far saltare la luce e scambiarci il demone e la gargolla in segno disagio. 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 426 visitatori collegati.

Informazioni su 'Sergio Angeli'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)