La natura non è morta. Digressioni contemporanee tra cibo e arte

La natura non è morta. Digressioni contemporanee tra cibo e arte

Titolo

La natura non è morta. Digressioni contemporanee tra cibo e arte

Inaugura

Venerdì, 17 Luglio, 2015 - 18:30

A cura di

Chie Yoshioka

Artisti partecipanti

Michele D’Agostino, Ivan Iliev, Leticia Maranhao, Angelo Martinelli

Presso

Chie Art Gallery
Viale premuda 27 - Milano

Comunicato Stampa

Quello del cibo è in arte un tema sempre presente dalle rappresentazioni antiche sui pavimenti e sui muri delle sale da pranzo di Greci e Romani, così come durante il Rinascimento - specialmente nel nord Europa -  sia come dimostrazione di ricchezza, che come simbolo di significati più nascosti, legati alla caducità della vita. Anche successivamente il cibo è soggetto privilegiato di molti artisti che proprio nei quadri di natura morta affinano la loro tecnica, studiano e sperimentano elementi e concezioni che modificheranno profondamente la storia dell’arte. Cézanne ne è l’esempio classico che con le sue nature morte prepara la strada al cubismo e accanto a lui Van Gogh che trasforma la natura morta in uno specchio sensibile di emozioni e vissuti di grande intensità. La stessa cosa si ripete più e più volte da Braque in poi.

 Non è dunque tema secondario e molti sono gli artisti contemporanei che lo hanno declinato con diversi materiali e tecniche, non escludendo una ricerca raffinatissima che possa fare a gara con la pittura straordinaria dei fiamminghi, ma che si spinge oltre la mimesi aprendosi a significati altri.

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 539 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)