La Misura Del Mondo

La Misura Del Mondo

Titolo

La Misura Del Mondo

Inaugura

Sabato, 23 Marzo, 2013 - 18:30

A cura di

Domenico Maria Papa

Artisti partecipanti

Serena Piccinini

Presso

Nuvole arte contemporanea

Comunicato Stampa

Zoologia Parallela. Nel lavoro di Serena Piccinini ricorre il tema dell’animale che viene
assunto come innesco figurale: l’artista, cioè, parte da una fisionomia ben riconoscibile per
spingerla fino al limite del riconoscimento. E questo lo fa non solo operando sul disegno di
quella stessa fisionomia, ma ancor più essenzialmente con la materia utilizzata per dare un
corpo a quella fisionomia. Nella produzione di Serena Piccinini è dunque possibile incontrare
balene, giraffe, coleotteri, cervi, o meglio qualcosa che solo appare di volta in volta, balena,
giraffa, coleottero, cervo. A ben guardare la balena è già in trasformazione per diventare un
uccello, mentre la giraffa, per metà, assomiglia alla penna di una scavatrice o il cervo, in
fondo, è come un bassotto, l’elefante ricorda una pagoda...
Das Unheimliche? A ben guardare, le ibridazioni zoologiche di Serena Piccinini pur
potendo ricorrere al perturbante, a quanto, cioè, ci inquieta nel sovrapporsi delle immagini
e nel confondersi di animato e inanimato, in nulla davvero spaventano. La ragione non è
solo nel gioco ironico e propriamente infantile (non è all’infanzia che facciamo risalire le più
remote esperienze del perturbante?) dell’esperimento combinatorio che l’artista enuncia già
in titoli quali Cervocielo Dorato o Grillo tintinnate o ancora Girafpillar. È anche e soprattutto
nei materiali utilizzati: carte colorate e decorazioni da bricoleur che rendono familiari
quelle creazioni fantastiche che in altro modo non potrebbero esserlo. Serena Piccinini,
paradossalmente, addomestica quanto non è addomesticabile, l’ Un-heim-liche, appunto.
La misura del mondo. “È il mio intento di creare nuovi modi di vedere i paesaggi famigliari
e di far sì che la natura ci venga restituita in modo diverso, perché non esiste rapporto con
nessun mondo, a distanza” dice l’artista. E Propone, perciò, un percorso all’inverso, un
percorso che parte dal gioco combinatorio e dall’ibrido in forma e in materia per giungere fino
al confine che, come si diceva, supponiamo certo e fermo tra sé e le cose. La mostra proposta
è, in questa prospettiva, un invito all’incertezza affinché attraverso lo scarto metamorfico sia
ridisegnata una distanza che è, appunto, misura del mondo. Misura della propria identità che
l’arte, come suo proprio compito, deve mettere in dubbio, perché possa trasformarsi.
Domenico Maria Papa, marzo 2013

Serena Piccinini è nata a Bologna nel 1977, dove vive e lavora.
Si è laureata in pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna e in seguito in Scienze
Antropologiche all’Università della stessa città. Ha partecipato a diverse residenze e workshop.
I suoi lavori sono stati esposti in diverse mostre personali e collettive in Italia e all’estero.
I suoi pensieri diventano sculture, installazioni, fotografie, mondi plasmati nella duttilità magica
della carta, del legno, dei fili e dei materiali di uso comune; realtà leggere e fluttuanti che
ridefiniscono il circostante attraverso il movimento, continuo ed invisibile, dell’elemento aria.
a cura di domenico maria PaPa

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 447 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)