MIKEL GIOKAJ / STEFANO PIALI - REALISMO VISIONARIO

MIKEL GIOKAJ / STEFANO PIALI - REALISMO VISIONARIO

Titolo

MIKEL GIOKAJ / STEFANO PIALI - REALISMO VISIONARIO

Inaugura

Mercoledì, 18 Dicembre, 2013 - 17:00

A cura di

Silvia Pegoraro, Carlo Ciccarelli

Artisti partecipanti

MIKEL GJOKAJ , STEFANO PIALI

Presso

Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Latina
via Umberto I n. 1, Latina

Comunicato Stampa

Mercoledì 18 dicembre 2013 alle ore 17, inaugurerà presso la Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Latina (Palazzo della Cultura), la mostra MIKEL GJOKAJ / STEFANO PIALI – REALISMO VISIONARIO  (a cura di Silvia Pegoraro e Carlo Ciccarelli), che sarà visitabile sino al 20  gennaio 2014.  Si tratta di una doppia personale dedicata a Gjokaj e Piali, fra i più importanti esponenti di una linea di ricerca artistica contemporanea che i curatori della mostra definiscono “Realismo visionario”. In  esposizione una quarantina di opere, tra dipinti e sculture, tutte provenienti dalla collezione della Ulisse Gallery Contemporary Art di Roma, a cui è affidata anche l’organizzazione della mostra, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Latina.

Il catalogo che documenterà la mostra sarà l’Album n. 1 della collana “Gli Album di Ulisse” , con un testo introduttivo di Silvia Pegoraro

-----

Esponenti di una tendenza artistica che potrebbe definirsi “Realismo visionario”, alquanto distante dalla linea fredda e minimalista di certa avanguardia, così come dalla realtà puramente mediatica – quella delle immagini della televisione o di internet –  gli artisti Mikel Gjokaj  (originario del Kosovo ma naturalizzato italiano) e Stefano Piali  puntano ancora della forza propulsiva dell’immaginario individuale. Si servono di  mezzi espressivi tradizionali, quali la pittura a olio o la scultura in bronzo, ma ne sanno estrarre la sostanza più ricca di potenziali sviluppi per il futuro. Due artisti, dunque, che fanno coincidere la propria creatività con il libero “fluire dell'immaginazione creatrice” (Giuliano Briganti). Due “realisti visionari”, Gjokaj e Piali, e, come scrive Henri Focillon, i pittori visionari formano un ordine a parte, poiché le loro opere introducono nella nostra concezione dell’universo qualcosa d’improvviso e di vago, d’inquietante e d’ indefinibile: la loro ossessione creatrice ha bisogno di  affondare le sue radici nel mondo sensibile, preso come punto di partenza ma anche come punto di arrivo, che lei trasfigura,  pur rispettandolo.

Mikel Gjokaj, nato in Kosovo nel 1946,  ma che risiede a Roma dal 1975, ci offre un universo pittorico fatto di terre e cieli, che si congiungono all’orizzonte in infinite e sempre mutevoli simbiosi. Paesaggi, dunque, certo  ispirati alla campagna kosovara,  ma privi di riferimenti storici alla guerra che ha insanguinato quelle terre: immersi in un’atmosfera surreale e metafisica, sospesa, senza tempo, intessuta di campiture cromatiche quasi astratte. Paesaggi dai colori sontuosi e fantastici, ma carichi di silenzio, in cui la presenza umana è cancellata, o indiziaria.

Nei suoi dipinti e nelle sue sculture Stefano Piali (Roma, 1956), concilia due cose inconciliabili: il sogno e la memoria. Costruisce visivamente sogni, ma mantenendosi sempre sulla traccia della memoria, individuale e collettiva. Le sue sono figure partorite da emozioni profonde, individuali, e nello stesso tempo archetipi, forme originarie o frammenti di una totalità perduta. Onnipresente nel suo lavoro è la memoria  del “classico”  e del “classicismo”, che  è  presente sia come problema, affrontato secondo una lucida prospettiva interpretativa, sia come repertorio tematico: suoi personaggi d’elezione sono i personaggi del mito. I suoi eroi, centauri, cavalieri, angeli, guerrieri, sono pervasi dall’energia esaltante del movimento, che si sprigiona ad esempio nel tema della metamorfosi o in quello del volo. 

 

NOTE BIOGRAFICHE

Mikel Gjokaj nasce l'11 novembre 1946 a Krusha e Madhe, un piccolo villaggio del Kosovo (tra i più colpiti dall'esercito serbo nel 1999).  Frequenta il liceo classico "Ali Kelmendi" nella città di Peja/Pec nel 1962-1967, e in seguito  la Scuola Superiore di Belle Arti di Pristina, negli anni accademici 1968-1970, passando poi alla Facoltà di Belle Arti, sezione di Pittura e Incisione, presso l'Università di Belgrado (1970-1974).  Nel ‘74 consegue la qualifica accademica superiore e si laurea in Pittura. Nell’ottobre del 1975 arriva a Roma, dove si stabilisce e dove vive e lavora a tutt’oggi, avendo acquisito la cittadinanza italiana. Nel 2010 si è tenuta a Roma, presso il Vittoriano, una sua grande mostra antologica (con la collaborazione di Ulisse Gallery Contemporary Art).

Stefano Piali nasce a Roma nel 1956. Frequenta il Liceo Artistico di via Ripetta, poi approfondisce la sua formazione all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove apprende le tecniche della scultura sotto la guida del maestro Pericle Fazzini. Si diploma nel 1978, uscendo dall’Accademia con un bagaglio tecnico di grande spessore, che gli consente di lavorare indifferentemente il marmo, il gesso o il bronzo, per passare all'aquerello o all'olio con altrettanta naturalezza. Nel 1983 tiene la sua prima mostra personale, che segna un lungo percorso creativo ed espositivo, sia nel campo della pittura che in quello della scultura. 
Studia con interesse i grandi maestri del passato, da Michelangelo a Caravaggio, da Tiepolo a Dalì.
Sceglie di vivere a Marino, nella zona dei Castelli  Romani, dove ancor oggi vive e ha il suo studio d’artista, lavorando anche  come docente di Discipline Plastiche presso il locale Istituto d'Arte. 

 

SCHEDA TECNICA

MostraMIKEL GJOKAJ / STEFANO PIALI – REALISMO VISIONARIO

A cura di: Silvia Pegoraro, Carlo Ciccarelli

Sede: Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Latina, Palazzo della Cultura, via Umberto I n. 1, Latina
Periodo espositivo:  18 dicembre 2013 – 20 gennaio 2014

Inaugurazione:  18 dicembre 2013 ,  ore 17.00

Orari:  dal lunedì al venerdì : 8,30-14.00 / 16.00-18,30
Ingresso: libero  

Informazioni: Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Latina, tel. 0773/65327 ; Organizzazione Ulisse Gallery Contemporary Art, Roma, tel. 06/69380596,  e-mail  info @ ulissegallery.com  ; Sito: www . ulissegallery . com

Catalogo: “Gli Album di Ulisse”, n. 1, Edizioni Grafiche Turato

 

                                                   

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 587 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)