Materia Sensibile

Materia Sensibile

Titolo

Materia Sensibile

Inaugura

Sabato, 30 Aprile, 2016 - 17:00

Artisti partecipanti

Silvia Casilli

Note Biografiche

Laureata in Lingue e Letterature Straniere, insegna per alcuni anni Inglese per la Comunicazione Artistica presso L’Accademia LABA di Brescia presso cui consegue la Laurea in Arti Visive nel 2007 con la tesi dal titolo L’informale lirico e il senso del poetico. Si ritira dall’insegnamento per potersi dedicare alla ricerca artistica e ad attività di divulgazione per l’Associazione Culturale Arti Visive di cui è uno dei fondatori. Ha esposto in numerose mostre collettive e personali in Italia e all’estero. Nel 2011 fa un’esperienza come ‘artist in residence’ presso il centro Saksala ArtRadius di Haukivuori (Finlandia).

Pubblicazioni

La Via Italiana all'Informale. Da Afro, Vedova, Burri alle ultime tendenze, a cura di Virgilio Patarini, edito da Editoriale Giorgio Mondadori, 2012. Citazione nel capitolo 11: ‘La situazione attuale’.

This is our Nature (Tämä on Meidän Luontomme), Finnish landscape through the eyes of children, youth and international artists. AREFS taide ja kulttuuri ty, Finland 2012 – pp. 130-131 dedicate al mio lavoro nel progetto.

Catalogo della mostra AthensArt 2010

Catalogo della mostra Friendship Through Art tenutasi a Rodi nel dicembre 2009

Catalogo della mostra La Forma del gusto (2007) con testo critico di Anna Lisa Ghirardi

MOSTRE

  • 30 Aprile-15 Maggio 2016, Materia Sensibile - mostra personale, Teatro San Domenico, Crema
  • Tra il 2015 – 2016 - 15 mostre collettive organizzate da ArtExpertise Firenze con una serie di opere pittoriche e fotografiche in permanenza
  • 30 Ottobre 2015, Venezia Misteriosa, Palazzo Ca’ Zanardi, Venezia -mostra collettiva, curatore: Andrea Chinellato
  • 17-23 Ottobre 2015, Press a Button. Stimolazioni contemporanee - mostra collettiva, Merlino. Bottega d’arte, Firenze – curatore Marina Volpi
  • 4 Luglio – 6 Settembre, Sentire il Viaggio –mostra collettiva, OnArt Gallery, Firenze – curatore Romina Sangiovanni
  • 23 Maggio – 9 Giugno 2015, Assenze Formali – mostra collettiva, Galleria Plaumann, Milano – curatore Romina Sangiovanni
  • 21 Aprile – 3 Maggio 2015, Restrutturarte, Chie Art Gallery, Milano – mostra collettiva
  • Dicembre  2014 – Gennaio 2015, La felicità a cui l’uomo aspira è a nostra disposizione, Centro Arte LuPier, Gardone Val Trompia - Brescia
  • Settembre 2014, SaturArte, Mostra collettiva, Palazzo Stella, Genova
  • 10 – 30 Luglio 2014 Action! Dall’astrattismo all’informale nell’età contemporanea, Merlino Bottega d’Arte, Firenze – mostra collettiva realizzata da ArtExpertise e Merlino curatore Marina Volpi
  • 8 marzo – 4 Aprile, Un grido: Mai più violenza, lucida follia? mostra collettiva, Centro Arte LuPier, Gardone Val Trompia (BS)
  • 1-9 Marzo, Elements of Nature, mostra collettiva organizzata da  ArtNations, DomagkAteliers, Halle 50 Monaco (Germania)
  • 22 febbraio – 8 marzo 2014, Materia e segno al femminile, mostra collettiva, Galleria 20, Torino
  • 6 – 20 Aprile 2013, Proposte poetiche contemporanee, mostra bi-personale, Galleria Ariele, Torino
  • 16 -18 Febbraio 2012, Parallax Art Fair, Fiera Internazionale d’arte curata dal Dr Chris Barlow,  Chelsea Old Town Hall, King's Road, LONDRA (UK)
  • 14-28 Gennaio 2012, Piccolo Formato, Mostra collettiva, Galleria Ariele (Torino)
  • 22 - 28 Ottobre 2011, Drawing Connection, Siena Art Institute. Esposizione Internazionale Collettiva di opere su carta della dimensione di una cartolina postale.
  • 7 - 15 Maggio 2011, Singolare e Plurale, Mostra collettiva degli artisti selezionati per il Concorso Segni 20x20 - 2011, Castello di Rivalta – Torino
  •  Dicembre 2010, Segni 20x20, esposizione degli artisti della shortlist, Palazzo Bertalazone – Torino
  • Settembre 2010 – AthensArt 2010 - International Art Exhibition, ’Friendship through Art can and will change the world’,    Technopolis of the City of Athens (Grecia), mostra collettiva organizzata dal Center of Arts Four Seasons di Atene.
  • Novembre 2009 – Maggio 2010 Esposizione personale presso l’Hotel OneMothel, San Paolo (Brescia)
  • 13 Dicembre 2009 – 6 Gennaio 2010 senzatitolo esposizione Collettiva del gruppo VENTICIRCA, spazio Overseas, via Carini, Brescia
  • 3-17 Dicembre  2009 International Art Exhibition Friendship Through Art, Old French Knight’s Quarter, Rodi (Grecia), mostra collettiva organizzata dal Center of Arts Four Seasons di Atene
  • Giugno 2009 – 3 Ottobre 2009 ‘venticirca’ Esposizione collettiva in continuo mutamento, spazio Hvox, via Pace 15, Brescia. L’esperienza si articola in una serie di mostre in cui espone opere pittoriche, fotografiche, poesia visiva e un’opera a quattro mani con l’artista Camilla Rossi
  • Dicembre 2008 Esposizione personale di pittura presso il bar ‘I Girasoli’  - Via Musei – Brescia , con opere pittoriche realizzate nell’ultimo anno
  • Ottobre 2007 Esposizione personale nell’ambito della manifestazione La Forma del Gusto associata a Profumi di Mosto – Cantine del Garda Classico
  • Giugno – Luglio 2007 Esposizione personale, Ristorante Arcobaleno, Brescia
  • Maggio 2007 Non solo vino Mostra collettiva, Azienda vitivinicola Peri-Bigogno, Castenedolo
  • Maggio 2006 L’incisione come segno dell’uomo, Spazio espositivo comunale, Castelmella
  • Aprile 2003 Arte per la libertà, Galleria Spazio Arte Lupier, Gardone Val Trompia(Brescia)

Presso

Arteatro - Fondazione San Domenico
via Verdelli 6, Crema

Comunicato Stampa

MATERIA SENSIBILE - Mostra personale di Silvia Casilli

Inaugurazione 30 Aprile 2016- 0re 17.00

Arteatro - Fondazione San Domenico

Orari di apertura: dal Martedì al Sabato: 16.00 - 19.00; Domenica 10.00- 12.00 e 16.00 - 19.00

Sotto il titolo di Materia Sensibile sono accomunate le mostre personali di Silvia Casilli e Mahmoud Menaysy che saranno ospitate a partire dal 30 Aprile presso lo spazio espositivo della Fondazione Teatro San Domenico. Tali mostre sono il primo evento con il quale si apre pubblicamente un progetto di collaborazione internazionale tra tre artisti di diverse provenienze geografiche e culturali che, accomunati da visioni molto simili tra loro, hanno deciso di trasformarli in una realtà condivisa. Oltre ai due artisti, presenti in queste mostre, infatti, del gruppo fa parte Sibylle Werner, artista australo-tedesca.

In un tempo segnato dalle divisioni, noi crediamo nel potere dell'arte di educare e unire, per costruire una cultura di pace, promozione umana e condivisione.

Alla luce di ciò che ci unisce, abbiamo deciso di dedicare entrambe queste mostre

allo spirito di Giulio Regeni, alla sofferenza che ha vissuto, alla ricerca dell'umanità che stava compiendo, a lui, agli altri scomparsi in Egitto. Giulio e gli altri, 533 sparizioni forzate in Egitto negli ultimi otto mesi. Ai 596 egiziani scomparsi dei quali non si sa più nulla, a loro, alle loro famiglie, alla civiltà gemella italo-egiziana, alla bellezza, all'essere umano e ai suoi ai cuori vibranti, al sangue innocente.

 

Materia Sensibile

Di solito con materia intendiamo un’entità provvista di una consistenza fisica, dotata di peso e colore, capace di adeguarsi in una forma, concepita di volta in volta come sostrato concreto e ben differenziato in oggetti o sostanze.  Eppure dal greco, originariamente, questa parola indicava qualcosa di molto semplice e reale: la selva.

Silvia parte da cose reali attorno a noi, la natura in primis con tutto quello che ne concerne. I suoi occhi e il suo cuore funzionano come una pellicola fotografica, ricoperti di un’emulsione sensibile, sono atti a essere impressionati dalle energie invisibili e vivaci che scorrono nella selva. E allora la pittura diventa quella materia concreta per suonare lo spartito delle esperienze che in quel momento la incontrano. Materia sensibile perché è la percezione per mezzo dei sensi di quanto l’artista distingue e misura nella sua vita in risposta alle variazioni dell’esistenza.

Non è solo pittura, la materia sensibile di Silvia Casilli è la sua personale risposta filosofica al mondo.

Aristotele riprende Platone per spiegare il mutamento come passaggio da contrario a contrario o dalla privazione a una forma, e per questo fine pensa esserci un sostrato originario: la materia “prima” sempre presente all’interno nel divenire di ogni “ente”.  Zenone di Cizio concepiva la materia come principio passivo sul quale interveniva il divino rendendo l’impronta florida e fertile.  In epoca rinascimentale si contrasta l’idea aristotelica e si acquisisce quella di forze che agiscono su un sostrato materiale di una realtà fisica: Giordano Bruno, vede agire nella materia il principio sensibile e intelligibile.

La materia sensibile che ci troviamo di fronte è la materia prima del mondo, che incontrando una capacità di cogliere non comune viene fecondata per il nostro sguardo diseducato alle molteplici sfumature che ci circondano.

Benedetta Antonia Salvi

Storica e Critica d’Arte

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 718 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)