Maledici et Millanta

Maledici et Millanta

Titolo

Maledici et Millanta

Inaugura

Sabato, 9 Novembre, 2013 - 18:30

A cura di

03:33

Artisti partecipanti

Sergio Angeli,  Rocco Cerchiara,  Luca Loseto,  Sonia Monaco,  Poniglio

Presso

PassOver Lab
via Pio Briziarelli 25, Roma

Comunicato Stampa

Vernissage Sabato 9 Novembre ore 18.33

Ingresso libero.

"E insomma, stavamo là, al bar-che noi facciamo bar, non salotto, che a noi non ci invitano nei salotti- e lui, il più saggio di tutti, parlava, illustrava, argomentava. La musica di sottofondo pareva quella giusta, e i suoi discorsi, i suoi pindarismi, ben sposavano quelle note. Ci diceva tante cose lui, il più saggio. Ci spiegava che alla fine è fico essere coscienti delle proprie malattie, delle distanze che separano la tua ideale serenità dalla realtà oggettiva, del fatto che non hai nessuna affinità o parentela con la totalità della cultura e dei valori promulgati dagli uomini di istituzione. Rilanciava al tavolo del contraddittorio pure che, addirittura, vivere un tempo in cui un paese è in rotta di collisione coi principi base di cui si fa vanto è "da paura", cioè diceva che il fatto che un giorno ti puoi svegliare tuo malgrado barbone è fico. Questo diceva lui, perché a suo avviso l'esistenza abbisogna di un certo funambolismo spirituale, della camminata sul filo del rasoio, del sentirsi sempre sotto esame, della consapevolezza che da un momento all'altro può andare tutto a rotoli. Perché è tutta una questione di adrenalina, non c'è niente di meglio dell'esser tenuti sotto scacco dall'adrenalina scaturita da certe consapevolezze. Ti fa sentire vivo diceva lui... Ma poi, detto questo, la musica cambiò-subentrò un pezzo di Emma Marrone, e con la musica cambiò anche l'umore del più saggio. Si accigliò mandando a puttane l'effetto placebo che era riuscito ad inocularci. Bisogna maledire e millantare disse. Rimandare al mondo tutto il disagio che avviluppa noi stessi, senza veicolarlo con messaggi di sorta contenenti chissà quali buoni propositi. Il disagio punto e basta, così com'è, senza olio d'oliva come condimento, senza rigor di logica, che la logica ci ha portato a Jovanotti icona e Vasco Rossi laureato. Maledire e millantare sabotando il gusto del pubblico e la forma, in favore di un contenuto disorientante. Maledire e millantare con libertà di anziano, che gli anziani son spugne zuppe di esistenza che perdono gocce di pazzia, e alla fine se la prendono con tutti, a cominciare da loro stessi.

Dunque, ad altri artisti il compito di interrogarsi con installazioni et altra memorabilia sull'uomo del tremila, o rifarsi a testi di nomi altisonanti per indagare l'animo umano, a noi, che si guarda dal basso i menti regolari dei palazzi grigiocemento di Roma Est, la libertà di maledire e millantare allegramente. Consapevoli tra l'altro di due cose:
1) Il massimo dell'evoluzione umana è rappresentato dal cantante degli Exploited che si esibisce a Top Of The Pops in Dead Cities nel lontano 1981.
2) Se Guillame Apollinaire fosse presente oggi, farebbe senz'altro banda co' noialtri cantando Mad World dei Tears For Fears come fosse disperato e dandoci poi una pacca sulla spalla di incoraggiamento dicendo "potrebbero ridere di voi, ma farebbero male a non prendervi sul serio".

 

Info: https://www.facebook.com/pages/0333/500619256695926

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su 'Sergio Angeli'