Jana Sterbak, Human condition: the limits of our freedom

Jana Sterbak, Human condition: the limits of our freedom

Titolo

Jana Sterbak, Human condition: the limits of our freedom

Inaugura

Giovedì, 28 Novembre, 2013 - 19:00

Artisti partecipanti

Jana Sterbak

Presso

Galleria Raffaella Cortese
Via Stradella 7, Milano

Comunicato Stampa

La galleria Raffaella Cortese è lieta di ospitare, negli spazi di Via Stradella 1 e 7, la terza personale di Jana Stebark, artista ceca naturalizzata canadese, nota fin dalla seconda metà degli anni '70 e '80 per le sue performance ispirate alle tematiche del potere e della sessualità. La sua produzione è caratterizzata da una grande sperimentazione e spazia dalla performance alle installazioni, dalla scultura al video e alla fotografia. A seguito della partecipazione di Jana Sterbak alla mostra Les Papesses ad Avignone, nella prestigiosa sede dei Palazzo dei Papi e della Fondazione Lambert, saranno esposti a Milano una selezione di lavori che coprono un ampio lasso temporale, dai disegni degli anni ʼ80 alle sculture dellʼultimo decennio. La metafora della condizione umana, soggetto indagato da Jana fin dai primi anni ʼ90, sarà il fil rouge della mostra, con un focus in particolare sulla difficoltà di movimento impedito da strutture create dallʼartista stessa.

In mostra, lavori celebri come Uniform (1991) e Proto-condition: Cage for sound (1994), sculture utilizzate come gabbie per immobilizzare il corpo e renderne faticoso il movimento. Altre opere suggeriscono un uso ipotetico reso vano dai materiali che le costituiscono, come Spire Spine (1983), una colonna vertebrale di scorta in bronzo e Corona (2007), una corona di foglie di alloro bagnate nellʼargento. Chemise de Nuit, invece, si presenta come un'insolita camicia da notte femminile a cui sono stati applicati dei peli sul petto, a sottolineare lʼinteresse dellʼartista per le tematiche legate al Gender.

La galleria è inoltre orgogliosa di presentare Chair Apollinaire (1996), una poltrona il cui rivestimento è fatto di carne disidratata, che riprende la celebre scultura Vanitas: flesh dress for an Albino Anorectic in collezione al Centre Pompidou di Parigi, e che, ancora una volta, indaga tematiche legate al corpo e ai suoi differenti e surreali utilizzi.

Jana Sterbak (Praga, 1955) vive e lavora a Montreal, Canada. Negli ultimi vent'anni i suoi lavori sono stati esposti nei più importanti musei del mondo: la National Gallery of Canada ad Ottawa (NGC) (2012, 2008), il Centre Pompidou a Paris (2010–09), il Musée d'art contemporain de Montréal (2012, 2011), la 50° Biennale di Venezia (2003), e il Museum of Modern Art di New York (1992). La personale Jana Sterbak: States of Being, organizzata da NGC, ha viaggiato nel Nord- America tra 1991 e 1992. Jana Sterbak ha ricevuto premi prestigiosi quali il Governor Generalʼs Award in Visual and Media Arts in 2012 e il Prix Antoine Guichard, in Francia nel 1994. 

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 882 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)