It's Only a Game 2/2

It's Only a Game 2/2

Titolo

It's Only a Game 2/2

Inaugura

Lunedì, 18 Agosto, 2014 - 19:00

A cura di

Davide Mariani

Artisti partecipanti

La Fille Bertha, Andrea D’Ascanio, Alessio Errante

Presso

Museo Mud'A
via Vecchio Molino - 07020 Aglientu (OT).

Comunicato Stampa

La Fille Bertha | Andrea D’Ascanio | Alessio Errante

Museo Mud’A, Aglientu | 18 agosto – 14 settembre 2014

Inaugurazione | lunedì 18 agosto 2014 ore 19:00  

Il Museo Mud’A prosegue la sua programmazione con la seconda parte della rassegna “It’s Only a Game “2/2” a cura di Davide Mariani. La mostra, realizzata sempre dall’Istituto di Studi, Ricerche e Formazione Giulio Cossu, diretto da Luigi Agus, con il patrocinio e il contributo del Comune di Aglientu, vede come protagonisti di questo secondo appuntamento: La Fille Bertha, Andrea D’Ascanio e Alessio Errante.

Anche in quest’occasione è il gioco il filo conduttore della rassegna, inteso come interfaccia tra arte, tecnologia e cultura popolare, che durante la prima fase è stato sviluppato tramite l’elaborazione digitale e la grafica dagli artisti e designers Marjani Aresti, Gianfranco Setzu e Alberto Spada. In questa seconda parte, l’aspetto ludico verrà messo al centro del progetto, tramite l’esposizione e la documentazione di oltre trenta opere, tra cui video interviste e materiale fotografico, facendo ricorso a una forma d’arte che per sua natura si è sviluppata all’esterno del recinto museale, privilegiando i centri urbani, ovvero quella della Street Art. In linea con l’interesse che vede sempre più istituzioni museali dedicare rassegne e mostre ad artisti dediti alla realizzazione di interventi urbani, si colloca la seconda parte della rassegna, che si presenta come un racconto, viaggio intimo attorno all’immaginario urbano dell’isola, caratterizzato da tinte forti e immagini immediate che puntano a colpire lo spettatore. Così si passa “dalla strada al museo”, dai muri delle città e dei paesi alle pareti di un edificio storico, in un dialogo fatto di forme e soggetti. Questa operazione, che in prima istanza potrebbe sembrare piuttosto radicale, tuttavia non deve sorprendere in quanto la Street Art vanta radici profonde e una lunghissima tradizione alle spalle, che gode da diversi decenni di un’attenzione particolare da parte della stampa e degli addetti ai lavori, sempre vigili nei confronti dei suoi protagonisti, che, in alcuni casi, sono oramai diventati dei veri e propri big dell’attuale scenario dell’arte contemporanea. La concezione elitaria dell’arte sembra dunque essere un concetto alquanto superato. L’esperienza estetica urbana, influenza spesso da un immaginario pop- surrealista, risulta oggigiorno accessibile a un pubblico decisamente più ampio. Nata nelle periferie e nelle aree industriali dismesse, oggi la Street Art è riuscita, in larghissima parte, a riscattare la sua condizione di subalternità e di illegalità grazie a tantissimi artisti che hanno sentito la necessità di dialogare, sperimentare e condividere i loro linguaggi. Gli artisti in mostra condividono l’attitudine che vede il bisogno di trasferire l’esperienza  della strada sul piano simbolico attraverso un linguaggio che risulta la chiave di accesso ad un immaginario parallelo: si passa così dai lavori su carta alle tavole in legno, che spesso fungono da bozzetti preparatori per gli interventi urbani. L’avvento di internet e delle nuove tecnologie informatiche ha inoltre influito notevolmente sulle fonti iconografiche di riferimento degli artisti di oggi, attraverso il mondo virtuale della rete si ha infatti la possibilità di attingere ad un enorme archivio visivo. Le opere presenti esprimono perfettamente questa nuova propensione di ricerca artistica che vede il mixaggio di fonti colte e popolari. Dalle opere degli artisti emergono diverse suggestioni legate all’immaginario globale, come ad esempio, i riferimenti al graphic design, ma anche al fumetto, così come alla pubblicità e all’illustrazione. Ciò che apparentemente può evocare un’atmosfera giocosa e surrealista, al contrario è capace di gettare un’ombra che rivela i  lati oscuri della società contemporanea. Così personaggi fatiscenti, mostri, animali e vari ibridi, che a tratti sembrano usciti da un moderno videogame e incarnano, il più delle volte, le ossessioni, i vizi, le ansie e le fragilità tipiche del nostro tempo. Completerà la rassegna un catalogo edito dall’Istituto di Studi, Ricerche e Formazione Giulio Cossu con testi di Davide Mariani e Luigi Agus.

La Fille Bertha (Cagliari, 1984) vive e lavora a Cagliari.

Mostre Principali:

2014 “GPAH0210614”, a cura di Laura Vittoria Cherchi and Roberta Filippelli, Blublauerspazioarte, Alghero; 2014 “Immobiliare Fiaba” (“Festival Tuttestorie di Letteratura per Ragazzi”), a cura di Carlo Carzan, Fermo; 2014 “INVADES Part IV”, a cura di Studio d’Arte U.F.O., Studio U.F.O., Cagliari; 2014 “Vedo a Colori”, a cura di Giulio Vesprini, Civitanova Marche; 2014 “Design Week Festival Elita Extras’mall”, a cura di Elita, Spazio “Ex Ansaldo”, Milano; 2014 “Lost in a DayDream”, a cura di Davide Mariani, Messaggerie Sarde, Sassari; 2013 “Wish You Were Unofficial”, a cura di Cagliari Unofficial Guide”, Studio Umido, Cagliari; “Immobiliare Fiaba”, a cura di Carlo Carzan, Exmà, Cagliari; “Espone” (Transizioni/Transitions), a cura di South Central -Future of New Trends-, South Central, Sassari; “In Wall We Trust”, a cura di Textures, città di Airola, Airola; “Home-Cyclopedia”, a cura di Nicola Alessandrini, Borgo Futuro, Ripe di San Ginesio; “Pinceladas Colectivas”, a cura di Miguel Angel Aranda, Barrio de Ruzafa, Valencia; “Color Latino”, a cura di Vang!, Galerìa Casa Duo, Puerto La Cruz; 2012 “In Art We Trust”, a cura di Pietro di Lecce, Spazio Seicentro, Milano.

Andrea D'Ascanio (1984, Sassari), vive e lavora a Sassari.

Mostre Principali:

2014 AHOGP280614", a cura di Roberta Filippelli, Blublauerspazioarte, Alghero; "STICKER EXHIBITION", a cura di Andrea D'Ascanio, New Gate25, Sassari; " FRAGILE, OfficineDell'Umbria_2014", un progetto di aliment(e)azione, a cura di Maurizio Coccia e Mara Predicatori, Palazzo Lucarini Contemporary, Trevi (Pg); "MEZZI IMBUSTI", Coco Loco, Sassari; “MutatisMutandis”, Bonora Place, Sassari; “ESPONE”, “South Central”, Sassari.2013 2013 “Laboratorio Attitudinale”, Messaggerie Sarde, Sassari; “AnimalFarm”, “Abetone”, Sassari; 2012“SREETART2012” a cura di aliment(e)azione in collab. con ACME, sedi varie, Sassari (SS); “PACCORPORATION” di aliment(e)azione, manifestazione ZooArt2012, GiadiniFresia, Cuneo (TO) a cura dell’ ass. Art.ur; 2011 “STREETART2011” a cura di aliment(e)azione in collab. con Nadia Spitae  e l’Ass. Cult. ACME, sedi varie, Sassari (SS); “Il filo del discorso” a cura di aliment(e)azione in collab. con l’Ass. Noidonne2005, Sassari (SS) “Trova l’intruso” a cura di aliment(e)azione in collab. con l’Ass. SquolaSerale, Facoltà di Architettura Sassari; Casa Makia, a cura di Giangavino Pazzola, 12-13 Agosto Nulvi(SS).

Alessio Errante (Cagliari, 1984) vive e lavora a Cagliari.

Mostre principali:

2014 “Vedo a Colori”, a cura di Giulio Vesprini, Civitanova Marche; 2013 “Wish You Were Unofficial”, a cura di Cagliari Unofficial Guide”, Studio Umido, Cagliari; 2013, “Espone”, a cura di South Central -Future of New Trends-, South Central, Sassari; 2013, “In Wall We Trust”, a cura di Textures, città di Airola, Airola;

Informazioni e Prenotazioni:

Museo Mud’A’ – Centro di Documentazione e ricerca della Civiltà degli Stazzi – Mulino di Aglientu, via Vecchio Molino - 07020 Aglientu (OT).

Orari: dal lunedì alla domenica dalle 09:00/13:00 -  15:00/23:00

Mail: muda@istitutogiuliocossu.it; Sito web: www.istitutogiuliocossu.it

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 548 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)