inventarium Spazio Canto217

inventarium Spazio Canto217

Titolo

inventarium Spazio Canto217

Inaugura

Venerdì, 27 Febbraio, 2015 - 18:00

A cura di

Serena Ribaudo

Artisti partecipanti

Giovanni Gaggia

Presso

Canto217, Palazzo Costantino
via Maqueda 217 Palermo

Comunicato Stampa

 

Comunicato Stampa

INVENTARIUM

 

Nasce  Canto 217  e  inaugura la mostra personale Inventarium di Giovanni Gaggia a cura di Serena Ribaudo.

Presso  Palazzo Costantino-Di Napoli

Una meditazione sulla Strage di Ustica

progetto promosso da

Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona e Cesira Palmeri di Villalba

 

 

                     

                  Canto217  nasce  dall’idea  di  un   collettivo di persone che hanno l'obiettivo di convogliare alcune delle più interessanti realtà nazionali contemporanee, inaugurando una serie di eventi culturali a Palermo, sotto la direzione artistica di Giacomo Rizzo.  Iniziando  l’attività  espositiva nella prestigiosa cornice di Palazzo Costantino-Di Napoli. 

Da anni i marchesi  Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona e Cesira Palmeri di Villalba, in parallelo alle loro attività museali tra Roma, Cosenza e Rende, hanno avviato anche a Palermo un’intensa attività culturale. I loro palazzi storici, i cui progetti di recupero si sono impantanati nella burocrazia (per i palazzi di Napoli e Costantino la concessione edilizia è stata richiesta l’11 dicembre 2003 e rilasciata il 7 maggio 2007) sono divenuti luoghi creativi di espressione ed interpretazione del nostro tempo. I palazzi Di Napoli e Costantino ai Quattro Canti sono da anni scenario di eventi per Santa Rosalia; palazzo San Giuseppe in via Sant’Agostino è residenza e laboratorio di artisti; palazzo Oneto di Sperlinga in via Bandiera luogo di performance; la sconsacrata chiesa del Giglio è divenuta spazio spirituale in senso libero e laico, distaccato dai dettami delle religioni, con “la gabbia d’oro” arte e meditazione sono interpretate da Alfredo Pirri. In questo scenario, a trentacinque anni dalla Strage di Ustica Spazio  Canto217 ospita la mostra personale Inventarium di Giovanni Gaggia a cura di Serena Ribaudo

Inventarium come inventario ovvero lista, elenco. Inventarium come “storia di parole e di cose, parole come cose. Prove, testimonianze. Trovate, enumerate, registrate. Sommerse e salvate, archiviate”.  E’ dalle fondamentali pagine del Libro della Memoria che Giovanni Gaggia, la cui ricerca artistica si dispiega in una molteplicità di espressioni,  diparte per la strutturazione di questa sua “grammatica della memoria”, generando connessioni di persone, cose, pensieri. “Le cose, testimonianze della vita delle persone. Gli oggetti sono tracce. Segni di una presenza. Impronte. Gli utensili, il valore d’uso delle cose” Gli oggetti del vissuto riemergono prepotentemente per trasfigurare in icone sacre ed inattingibili, monumenti alla meditazione sugli umani destini.

Nello stesso clima di sospensione si inserisce la performance di Giovanni Gaggia il quale inizia il suo evento poietico e performativo a Palermo per completarlo simbolicamente a Bologna, città da cui è partito il volo della morte: nella Gallleriapiù  (Oltredimore) verrà portata a termine l’incompiuta di Gaggia nel giorno del 35° anniversario della Strage. Diremmo quasi un’inversione di rotta dove Palermo diviene il trampolino di lancio della speranza: invece di tragica destinazione di non-arrivo, la città siciliana è luogo di partenza per un’opera che vedrà il suo completamento nella galleria bolognese diretta da Veronica Veronesi che ha offerto l’ospitalità e la disponibilità alla diffusione di contenuti altri di cui l’arte si fa espressione nel suo significato universale.

Sabato 28 Febbraio 2015 si svolgerà l’incontro dal titolo “L’Arte come linguaggio della Memoria” che si avvarrà della presenza della Presidentessa dell’Associazione Parenti delle Vittime della strage di Ustica, l'ex senatrice Daria Bonfietti, e dei Parenti delle Vittime.

Il vernissage di Inventarium prevede anche la presentazione del catalogo della mostra collettiva Anima Pura. Dialogo tra Sacralità e Contemporaneità che ha avuto luogo proprio a Palazzo Costantino-Di Napoli nel Luglio 2014.

 

Biografia

 

Giovanni Gaggia nasce a Pergola (PU) nel 1977 dove attualmente vive e lavora. Nel 2008 fonda Sponge ArteContemporanea assumendone la direzione artistica. L'opera di Giovanni Gaggia è fondamentalmente ricerca d'equilibrio fra azione performativa e disegno. Sono questi i luoghi in cui la sua poetica, sempre e comunque aderente alla fisicità del corpo, è andata definendosi negli anni. In particolare essa si è concentrata sull'immagine del cuore; un cuore anatomico e carnale, protagonista di alcune azioni dal grande impatto emotivo alle quali è seguita una ricerca più delicata, seppur ugualmente potente, evidenziata dalla recente dedizione al ricamo. Identità, ritualità, sacrificio e condivisione sono gli elementi cardine delle performance, tutte caratterizzate da intense interazioni con l'altro. In esse le identità in gioco subiscono contaminazioni reciproche che rimandano a rituali sciamanici ed iniziatici dove a mutare è lo spirito più profondo dell'essere umano. Il contenuto delle azioni ed i richiami al sacrificio possono essere visti, quindi, come metafora di liberazione e come epifania dell'anima. Tra le sue personali si ricordano: 2014 - Centrum Naturae (doppia personale), a cura di Roberto Paci Dalò, Scalone Vanvitelliano / Chiesa della Maddalena, Pesaro. Et Curis (doppia personale), a cura di Loretta Di Tuccio, intervento critico Fabrizio Pizzuto, galleria Rossmut, Roma. 2013 - Sic Dulce Est, a cura di Cristina Petrelli, Palazzo di San Clemente / Archispazio, Firenze. 2012 - Where is your brother? (doppia personale) a cura di Davide Quadrio e Studio Rayuela (Flavia Fiocchi e Francesco Sala) SpongePill-Casa Déclic / Guastalla Pilates, Milano. 2011 - I need you a cura di Claudio Composti, Spazio NovaDea, Ascoli Piceno / Corpo fisico, corpo etereo (doppia personale), a cura di Roberta Ridolfi, Factory – Art gallery, Berlino – Germania. 2008 - Aforismi Simpatetici, a cura di Chiara Canali, Museo dei Bronzi Dorati, Pergola (PU) . 2007 - Di spirito e di Carne, testo critico di Roberta Ridolfi, Factory-Art gallery, Trieste.

 

Giovanni Gaggia                                                                                                                                      INVENTARIUM                                                                                                                                                           opening                                                                                                                                                                          27 Febbraio 2015 ore 18,00                                                                                                                                       Palazzo Costantino Di Napoli

via Maqueda 217, Palermo

 

durata

27 febbraio – 31 marzo 2015

 

apertura

da lunedì a sabato  17.00 – 20.00 e su appuntamento

 

cura

Serena Ribaudo

 

allestimento

Agnese Giglia

Allievi del corso di  Allestimento degli spazi espositivi

dell’Accademia di Belle Arti di Palermo

 

collaborazione

Gallleriapiù

 

 

Grafica

Giacomo Rizzo

 

Foto

Sandro Scalia

 

Promosso da

Roberto Bilotti  Ruggi  d’Aragona  e   Cesira  Palmeri  di  Villalba

 

patrocini

Accademia di Belle Arti di Palermo

 

Info:

Giacomo Rizzo                             Serena Ribaudo

info@giacomorizzo.it                     serena.ribaudo@hotmail.it

347 1243787                                 392 2205819

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 554 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)