Il telaio diverso di Michi Cima: “rettangoli” e sciarpe Con cinque dipinti inediti di Mario Ballocco

Il telaio diverso di Michi Cima: “rettangoli” e sciarpe Con cinque dipinti inediti di Mario Ballocco

Titolo

Il telaio diverso di Michi Cima: “rettangoli” e sciarpe Con cinque dipinti inediti di Mario Ballocco

Inaugura

Sabato, 17 Maggio, 2014 - 16:30

A cura di

Paolo Bolpagni

Artisti partecipanti

Michi Cima, Mario Ballocco

Presso

mesopica Contemporanea
via Spiazzo, 50 Loc. Spiazzo 23888 Rovagnate - Lc

Comunicato Stampa

 

Micaela Cima Pestalozza, per tutti Michi, durante la sua vita operosa ha saputo, tra le altre cose, indirizzare la propria passione per la nobile pratica della tessitura – cominciò giovanissima, nel 1950, su un antico telaio – verso la realizzazione di creazioni singolari, personalissime. Dapprima si trattava di manufatti legati all’arredamento (tende, tappeti), di accessori d’abbigliamento (le borse, le famose bellissime sciarpe), di stoffe per abiti. Poi però un’inventiva inesauribile ha spogliato alcuni degli oggetti usciti dalle sue mani da ogni finalità d’uso, tramutandoli in lavori autonomi, artistici a tutti gli effetti, dalle pure connotazioni espressivo-formali. Sono nati così i “rettangoli”, autentiche opere aniconiche sotto l’aspetto di trame di filati eseguite a telaio (uno straordinario strumento d’epoca che contribuisce a far riverberare d’ulteriore interesse il risultato); in lana, cotone, seta, con l’inserimento di frammenti di carta, plastiche, stagnole, lamine in metallo.

La finezza del carattere e della persona di Michi Cima si rispecchia in queste “tarsie tessili”, che a livello compositivo aderiscono a un lessico di matrice astratto-informale, ma in realtà sono del tutto individuali nel tono, nel sapore, nella varietà e libertà geometrica e cromatica.

La mostra è arricchita dall’esposizione di cinque piccoli preziosi dipinti inediti, risalenti agli anni Quaranta-Sessanta, di Mario Ballocco (1913-2008), grande pittore milanese, pionieristico e rigoroso, che, amico di Luigi Pestalozza, lo fu anche di Michi, e talora forse suo riferimento nell’utilizzo del colore.

Paolo Bolpagni

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 561 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)