Il segreto di Eva

Il segreto di Eva

Titolo

Il segreto di Eva

Inaugura

Domenica, 10 Gennaio, 2016 - 17:00

A cura di

Virginia Monteverde, Viana Conti

Artisti partecipanti

Connie Bellantonio, Isabel Consigliere , Sabina Feroci, Lory Ginedumont, Carla Iacono,  Pina Inferrera, Margherita Levo Rosenberg,  Odile Maro,  Luisa Mazza, Virginia Monteverde, Paola Rando, Renata Soro, Marilena Vita

Presso

Spazio46 di Palazzo Ducale
piazza Matteotti 9, Genova

Comunicato Stampa

Domenica 10 gennaio 2016 alle 17.00, presso lo Spazio46 di Palazzo Ducale, sarà inaugurata la mostra d'arte contemporanea  “il Segreto di Eva” presentata dal critico d'arte Viana Conti.

La mostra organizzata da ART Commission Events con il patrocinio di Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e il Comune di Genova,  rimarrà allestita fino al 31 gennaio e sarà aperta dal martedì alla domenica dalle 15.30 alle 19.00.

 

Le artiste che espongono sono: 

Connie Bellantonio, Isabel Consigliere , Sabina Feroci, Lory Ginedumont, Carla Iacono,  Pina Inferrera, Margherita Levo Rosenberg,  Odile Maro,  Luisa Mazza, Virginia Monteverde, Paola Rando, Renata Soro, Marilena Vita.

 

Sotto il segno del femminile, Art Commission Events apre uno scenario in cui ognuna delle tredici artiste mostra la forma, i contorni, il fondo, il riflesso, l’iridescenza cangiante di un precipitato di sé, di un segreto inteso, etimologicamente, come secretum.  Ars per i Latini, Τέχνη  per i Greci, l’Opus è un lavoro che implica la capacità di formalizzare un concetto, un progetto, un’emozione, una rammemorazione. Le categorie d’arte visiva in cui rientrano, o da cui sconfinano, le artiste in mostra sono la Digital Art, la fotografia, l’installazione concettuale, oggettuale, simbolica, gestuale, il video, la pittura, la scultura. Sono quindi rappresentate, nel contesto espositivo, la tradizione e l’innovazione, in territori in cui la tecnologia dialoga con la poesia, la dimensione onirica, filosofica, psichica, alchemica, extra e intrapersonale, performativa e scritturale. Si stabiliscono legami e continuità tra le opere delle artiste in mostra, il cui terreno comune è donna. Nelle Scene primarie/Urszenen, nelle Fantasie primarie/ Urphantasien della creatività femminile, la domanda sul desiderio resta aperta. A partire dal titolo, la parola Segreto è già vertigine. La discesa reiterata nel proprio abisso, per cogliere l’eco del quesito che ognuna non cessa di porre a se stessa, senza, tuttavia, mai tradirne il segreto, si configura come il racconto, intessuto di caleidoscopici rimandi, di una mise en abîme, di una ricerca, nel proprio limite, di un infinito. Una volta scelto un campo semantico, in cui operare, l’artista ne attende il responso, il messaggio provocato, evocato. In tale attesa, non cessa di mettere in scena il suo nascondimento, il suo ritrarsi nel luogo di un ritratto in cui la presenza si assenta, per lasciar affiorare il sigillo di un’impronta, il segno di un’identità, di una traccia mnestica, visiva o verbale. Come una figura riflessa in uno specchio, il soggetto del ritratto è sempre altrove. Questa mostra, che si descrive con le parole del non detto, restituisce, in un contorno di luce, l’inarrivabile pienezza del Vuoto.      

 

(dal testo  di Viana Conti )

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 685 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)