Il Ritorno Invisibile. Glossario - mostra personale di Jeannette Rütsche - Sperya

Il Ritorno Invisibile. Glossario - mostra personale di Jeannette Rütsche - Sperya

Titolo

Il Ritorno Invisibile. Glossario - mostra personale di Jeannette Rütsche - Sperya

Inaugura

Giovedì, 19 Novembre, 2015 - 18:30

A cura di

Sabrina Falzone e Chiara Cinelli

Artisti partecipanti

Jeannette Ruetsche Sperya

Presso

Galleria Sabrina Falzone
Via Giorgio Pallavicino 29 Milano

Comunicato Stampa

Il Ritorno Invisibile

Glossario

mostra personale di Jeannette Rütsche - Sperya

a cura di Sabrina Falzone e Chiara Cinelli

Inaugurazione

giovedì 19 novembre 2015

ore 18.30

 

Milano

Galleria Sabrina Falzone

Via Giorgio Pallavicino, 29

___________________________________________

Sarà presente l’artista

___________________________________________

La mostra sarà aperta fino al 28 novembre 2015

 

Dopo il successo dell’esposizione “Il Ritorno Invisibile”, presso il Museo diocesano Francesco Gonzaga di Mantova, l’artista Jeannette Rütsche - Sperya presenta a Milano, dal 19 al 28 novembre 2015, nelle sale della Galleria Sabrina Falzone, un nuovo importante percorso espositivo, denominato “Glossario”. Nel contesto della ricerca artistico-filosofica de “Il Ritorno Invisibile”, la mostra “Glossario” rappresenta il frutto della profonda indagine che l’artista ha condotto, in anni di appassionato studio, intorno al lessico simbolico degli antichi classici del pensiero taoista: le 41 opere frattali presentate in mostra ne sono l’immaginifica trasposizione visiva.

“Osservando l’intera produzione artistica di Glossario, si percepisce il raggiungimento di una grande serenità da parte dell’artista, amplificata dall’elemento preponderante della Luce, enfatizzato nella quasi totalità delle sue creazioni frattali. Esse suggellano questa dimensione di pace, nobile traguardo del viaggio visuale di Sperya.” (Dal testo in catalogo di Sabrina Falzone).

“Quando Sperya parla di ‘varco’, alludendo alle parole simboliche incontrate nei testi taoisti, connota implicitamente anche le immagini da lei create per dar forma visiva a quelle stesse parole. La vera immagine artistica – che nasce sempre da un’intenzione sincera – rappresenta infatti l’ideale corrispettivo visuale del simbolo, in primo luogo per l’impossibilità di racchiuderne il senso nel recinto di una lettura di tipo razionale.” (Dal testo in catalogo di Chiara Cinelli).

Sperya ha intuitivamente individuato nella matematica frattale il mezzo ideale per traslare sul piano estetico-visivo gli antichi insegnamenti taoisti. L’uso dei frattali le consente di allinearsi ai presupposti fondamentali del paradigma taoista in assenza di parole. Strumento elettivo nello studio dei fenomeni naturali complessi, fedele al principio dell’autosomiglianza e dell’invarianza di scala, lungi dall’assecondare proprietà geometriche euclidee, la matematica frattale rivela infatti un principio stabilito millenni prima dagli antichi taoisti e dalla medicina tradizionale cinese: il micro-cosmo del corpo corrisponde, ed è immagine fedele del macro-cosmo dell’universo.” (Dal testo in catalogo di Giuseppe Bolotta).

 

Sabato 21 novembre, alle ore 17.30, avrà luogo la proiezione del video “INTO THE MEANING” (30 min), Viaggio immaginifico nelle opere di GLOSSARIO con riflessione antropologica di Giuseppe Bolotta (Psicologo e Antropologo). La proiezione sarà anche l’occasione per un incontro con l’artista.

 

Jeannette Rütsche – Sperya

E’ nata a Zurigo (Svizzera) nel 1961 e vive a Milano. Si dedica all’Arte Frattale dal 2002. La geometria frattale (termine introdotto nel 1975 dal matematico Mandelbrot) è il punto da cui parte la sua ricerca artistica: una geometria utilizzata per studiare il comportamento dei fenomeni naturali complessi non misurabili in termini euclidei.  Tali sono, a titolo di esempio, la distribuzione delle galassie, la frastagliatura delle coste, la struttura ramificata degli alberi. Dopo aver esplorato la complessità della condizione umana, la sua attuale ricerca verte sullo studio e la rappresentazione dei testi inerenti l’antica filosofia cinese.

Ha esposto in Turchia, Francia, Paesi Bassi, Austria, Regno Unito, Germania, Bulgaria, Cina e in numerose manifestazioni italiane, ricevendo significativi riconoscimenti e pubblicazioni; suoi quadri fanno parte di collezioni istituzionali e private in Italia e all'estero. 

Archivio on line: www.digitalsperya.eu

 

 

Catalogo con testi di:

Sabrina Falzone

Critico e Storico dell’Arte

Chiara Cinelli

Critico d’Arte e Giornalista

Giuseppe Bolotta

Psicologo e Antropologo

 

“Glossario”

mostra personale di Jeannette Rütsche – Sperya    

 

Milano

Galleria Sabrina Falzone

Via Giorgio Pallavicino 29

                               

Inaugurazione mostra                  giovedì 19 novembre 2015 – ore 18.30

Durata                                               fino al 28 novembre 2015

 

Orari di apertura                            da martedì a venerdì: h.16-19

sabato e domenica: h.10-12 / h.16-19

                                               chiuso lunedì e festivi

Ingresso libero

 

 

Incontro con l’artista Jeannette Rütsche – Sperya e proiezione del video

INTO THE MEANING (30 min)

Viaggio immaginifico nelle opere di GLOSSARIO con riflessione antropologica di Giuseppe Bolotta (Psicologo e Antropologo)

 

Sabato 21 novembre 2015, ore 17.30

 

Per informazioni

Galleria Sabrina Falzone

Via Giorgio Pallavicino 29

20145 Milano

Tel/Fax 02-39401339

mostre@sabrinafalzone.info

www.galleriasabrinafalzone.com

Organizzazione e Ufficio Stampa

 

 

Sabrina Falzone

ufficiostampa@sabrinafalzone.info

 

 

Bianucci Cinelli studio – Comunicazione, Organizzazione eventi, Ufficio stampa

via Lambro, 7 – 20129 Milano - tel. +39 02 29414955 – fax +39 02 29414955

Francesca Bianucci – 335 6178582 – fb@bianuccicinellistudio.it

Chiara Cinelli - 333 4852926 - cc@bianuccicinellistudio.it

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''