il conflitto

il conflitto

Titolo

il conflitto

Inaugura

Sabato, 1 Febbraio, 2014 - 17:00

A cura di

Valentina Carrera

Artisti partecipanti

Patrizia Agatensi, Marco Bellomi, Giulio Belloni, Simone Boscolo, Fernanda Andrea Cabello, Valentina Carrera,
Vito Carta, Angelo De Boni, Rossano Di Cicco Morra, Anna Epis, Zane Kokina, Paolo Lo Giudice, Giuseppe Orsenigo, Claudia Strà, Letizia Strigelli, Mariangela Tirnetta, Lyudmila Vasilieva, Marta Vezzol, Alessandro Baito, Luigi Besana, Patrizia Burgatto, Andrea Fuso, Daniel Nevoso, Virgilio Patarini, Livia Perfetti, Giacomo Pinelli, Andrea Pistone e Berte Bakary,Marila Arces, Fiorenzo Bordin, Ivano Boselli, Valentina Carrera, Nicoletta Fabbri, Andrea Fuso, Paola Gatti, Daniele Gozzi, Serena Groppelli, Paul Helbling, Martina Massarente,Simone Menicacci, Gianfranco Rossi, Claudio Santambrogio, Susanna Serri, Pavel Vavilin.

Presso

Spazio E
Alzaia Naviglio Grande, 4, Milano

Comunicato Stampa

Spazio E
Alzaia Naviglio Grande, 4
Milano

presenta

Il Conflitto
collettiva tematica

dal 1 al 14 febbraio 2014
inaugurazioni 1 e 8 febbraio

Gruppo E Artisti
INAUGURAZIONE 1 febbraio ore 17
con recital del Gruppo E Scrittori

Opere di
Patrizia Agatensi, Marco Bellomi, Giulio Belloni, Simone Boscolo, Fernanda Andrea Cabello, Valentina Carrera,
Vito Carta, Angelo De Boni, Rossano Di Cicco Morra, Anna Epis, Zane Kokina, Paolo Lo Giudice,
Giuseppe Orsenigo, Claudia Strà, Letizia Strigelli, Mariangela Tirnetta, Lyudmila Vasilieva, Marta Vezzoli

Testi di
Alessandro Baito, Luigi Besana, Patrizia Burgatto, Andrea Fuso, Daniel Nevoso,
Virgilio Patarini, Livia Perfetti, Giacomo Pinelli, Andrea Pistone e Berte Bakary

Gruppo E Fotografi
INAUGURAZIONE 8 febbraio ore 17

Opere di
Marila Arces, Fiorenzo Bordin, Ivano Boselli, Valentina Carrera, Nicoletta Fabbri, Andrea Fuso,
Paola Gatti, Daniele Gozzi, Serena Groppelli, Paul Helbling, Martina Massarente,
Simone Menicacci, Gianfranco Rossi, Claudio Santambrogio, Susanna Serri, Pavel Vavilin

Il Conflitto
Ovunque si possa volgere lo sguardo, vicino o lontano, in alto come in basso, sembra che nel mondo non ci sia mai pace. Continui conflitti, guerre stermini violenze soprusi, scavano profondi solchi nella terra già intrisa di sangue, dilaniando l'ideale di un'Umanità che si basi sui principi che suppostamente ogni pensiero sano indica nella Fratellanza e nell'Amore. Pare che il conflitto sia la chiave per la comprensione dell'Umano, e in effetti è così, non può essere altrimenti, è nel conflitto che ci si definisce.
Sin dalla Genesi viene data forma all'Universo passando da conflitti: l'unità di Dio che è tutto non poteva creare qualcosa senza prima lasciare uno spazio alla Creazione: Dio si ritrae da sé stesso, la prima grande azione, e la prima grande opposizione, scontro conflitto. E da questo momento tutta una serie di incontri scontri: la terra e il cielo, il giorno e la notte, l'asciutto e il bagnato, l'uomo e la donna, il Bene e il Male, il dentro e il fuori il giardino, la legge e la trasgressione, la vita e la morte. Non esiste nulla che non abbia il proprio contrario. Non si può definire nulla senza il concepire il suo contrario, e forse per questo è tanto difficile accettare l'idea di Dio...
L'interpreatzione, la comprensione e l'azione trasformativa della Realtà avviene attraverso i conflitti, concettuali o materiali, e quindi non ci può essere Uomo senza conflitto.
La guerra lo sterminio la violenza i soprusi non sono parte di questa Realtà, sono il suo lato oscuro, il suo lato malato, quando entrano in gioco forze come l'egoismo e la cupidigia, la lussuria e l'ira, fuori controllo in cuori che sono l'eredità di una catena esistenziale che non ha vissuto che sangue e lacrime e desidera una vendetta che non si può che definire  cieca e irrazionale.

Alessandro Baito

In collaborazione con

Zamenhof Art - Milano
Cooperativa Letteraria - Torino

Contatti

Spazio E
Alzaia Naviglio Grande 4, Milano
aestdelleden@libero.it
02.58109843
338.7689158

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''